“Solo una sfida”: un’artista dipinge dieci quadri contemporaneamente con le mani e i piedi: Novità

“Solo una sfida”: un’artista dipinge dieci quadri contemporaneamente con le mani e i piedi: Novità
“Solo una sfida”: un’artista dipinge dieci quadri contemporaneamente con le mani e i piedi: Novità
-

Armata di due pennelli tra le dita dei piedi e altri due in mano, con un’estrema concentrazione disegnata sul viso, Rajacenna van Dam, artista olandese di 31 anni, dipinge dieci dipinti contemporaneamente in un museo nei Paesi Bassi.

Un astronauta, un autoritratto, un panda con gli occhiali e altri sette dipinti, posti capovolti sul pavimento, su un tavolo e su due cavalletti, vedono la luce del giorno sotto le pennellate della giovane donna dai capelli ricci.

È iniziato come uno scherzo, una sfida contro la noia ma oggi è una cosa seria: braccia e gambe tese, una pennellata di qua, una pennellata di là, Rajacenna, il suo nome d’arte, è una perfezionista e ha pianificato in anticipo tutte le sue azioni La sua testa.

“Lavoro un po’ su un dipinto, poi torno su un altro dipinto, quindi sposto costantemente la mia concentrazione tra tutti i dipinti”, spiega Rajacenna, originariamente mancino, all’AFP.

“Cinque anni fa ho iniziato a dipingere con due mani, per sfida e per andare più veloce, e ho scoperto di essere ambidestra”, ricorda.

E un giorno, una giornalista, scherzosamente, le chiese se poteva dipingere anche con i piedi.

Ci prova “per divertimento”. Dopo alcuni incidenti con il nastro adesivo tra le dita dei piedi, prova a modellare l’argilla per intrappolare il pennello.

Alla fine è arrivata, ha pubblicato un video su Internet che è diventato virale e gli ordini hanno iniziato ad arrivare.

La differenza tra dipinti dipinti a mano e dipinti con i piedi non è visibile. Tranne lei.

“Vedo davvero una grande differenza perché è un po’ meno precisa”, dice, invitata per questa performance da un museo nella sua città natale, Vlaardingen, nel sud dei Paesi Bassi.

– “Straordinario” –

“Mi annoio abbastanza rapidamente, quindi mi piace mettermi alla prova, e fare tutto questo allo stesso tempo mi dà una sorta di sensazione di meditazione, che mi calma molto”, dice l’artista, che già da bambino amava disegnare .

Abbandonò l’attività durante la pubertà poi a 16 anni uno street designer in Italia riaccese in lei la passione. Oggi i suoi video online hanno milioni di visualizzazioni, soprattutto quelli in cui la si vede dipingere diversi dipinti contemporaneamente con le mani e i piedi.

Per quanto ne sa, è l’unica a farlo. “Ma spero che le persone siano ispirate a fare più cose o a mettersi un po’ di più alla prova, come disegnare con i piedi”, dice l’artista, i cui dipinti vengono quotati tra i 6.000 e i 12.000 euro, secondo suo padre Jaco van Dam.

È stata notata da celebrità come il cantante Justin Bieber, che ha definito il suo lavoro “fantastico” quando gli ha regalato un ritratto di se stesso.

“È molto speciale anche per noi genitori, anche lei ci sorprende e non capisco neanche io come lo faccia”, ha detto all’AFP il padre di Rajacenna.

Sulla parete del museo si trova un ritratto di Einstein dipinto dal giovane artista. Un cenno a uno studio sul suo cervello effettuato dal neuroscienziato turco-tedesco Onur Güntürkün, secondo il quale la giovane “è capace di cose che le neuroscienze considerano impossibili”.

“Una scansione del cervello aveva precedentemente rivelato che i suoi emisferi cerebrali destro e sinistro sono tre volte più collegati della media”, ha detto Jaco van Dam all’AFP.

Abbastanza per impressionare i comuni mortali che vagano per il museo, come questa coppia di pensionati.

“È straordinario che qualcuno riesca a fare una cosa del genere”, esclama Anton van Weelden, 75 anni.

“E in più i dipinti sono molto belli e realistici”, dice, ammettendo che si confonderebbe se si avventurasse in quella zona. “Non potrei nemmeno dipingere così con la mano destra.”

-

PREV Alla Biennale di Architettura di Venezia del 2025, la politica sarà relegata fuori dallo schermo
NEXT Il tuo mercato più bello 2024: il mercato di Céret, tavola a colori