Il superciclo delle materie prime continua

-

La transizione verso un’economia verde rappresenta una sfida che richiede una notevole quantità di metalli e minerali.

Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da elevata volatilità e incertezza politica. Poiché gli asset finanziari tradizionali sono diventati sempre più correlati e concentrati, gli investitori sono alla ricerca di strumenti diversificati per orientarsi in un panorama finanziario in continua evoluzione.

Dopo un decennio di relativa indifferenza, negli ultimi anni i vantaggi derivanti dall’investimento in materie prime sono diventati più evidenti. Nel 2022, l’inflazione ha colpito sia i mercati azionari che quelli obbligazionari, portando alla peggiore performance dei portafogli bilanciati tradizionali degli ultimi decenni. Al contrario, le strategie diversificate di futures su materie prime hanno prodotto rendimenti a due cifre.

Dall’inizio dell’anno, il mercato delle materie prime ha registrato un’ampia ripresa, sovraperformando le classi di attività tradizionali, spingendo gli investitori a chiedersi se sia ancora un buon momento per investire.

Il consumo di materie prime è attualmente a un livello senza precedenti nelle nostre società moderne. La crescita demografica nei paesi emergenti e lo sviluppo economico globale sono accompagnati da una crescente domanda di energia. L’economia globale, unita alla digitalizzazione, richiede un’offerta esponenziale di metalli e minerali, con una domanda di metalli ora superiore alla crescita della popolazione. Si stima che tra il 2002 e il 2015 siano stati estratti dal suolo più materiali che dall’inizio del XX secolo.e secolo.

Il prossimo decennio presenta prospettive promettenti per i mercati delle materie prime. L’attuale squilibrio tra domanda e offerta provoca fluttuazioni a lungo termine, spesso definite supercicli. Gli analisti si aspettano che questa dinamica continui negli anni a venire.

Infatti, nell’ambito della lotta contro il cambiamento climatico, i governi sono incoraggiati a ridurre la loro dipendenza dai combustibili fossili a favore delle energie rinnovabili. L’Accordo di Parigi, che mira a limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, ha portato alla definizione di obiettivi ambiziosi in termini di produzione energetica e infrastrutture di “transizione verde”.

La transizione verde richiede infrastrutture che consumino metalli e porterà a uno squilibrio duraturo tra domanda e offerta di prodotti minerari. L’attività mineraria si basa su processi di estrazione ad alta intensità energetica alimentati principalmente da combustibili fossili. Inoltre, i combustibili fossili rimarranno essenziali per compensare l’intermittenza delle energie rinnovabili.

Per mitigare l’impatto dei combustibili fossili sul cambiamento climatico, la transizione energetica si sta concentrando anche sui combustibili alternativi, in particolare aumentando la quota di biocarburanti nel settore dei trasporti. In conformità con il Green Deal dell’Unione Europea, entro il 2050 più del 60% degli aerei che decollano in Europa dovranno utilizzare biocarburanti. Questa iniziativa riaccende le preoccupazioni sull’uso dei terreni coltivabili e delle colture alimentari per la produzione di energia, nonché domande sulla sostenibilità dei biocarburanti grazie all’uso di fertilizzanti e altri input derivati ​​da prodotti petrolchimici e residui minerari.

La transizione verso un’economia verde rappresenta una sfida che richiede una notevole quantità di metalli e minerali. Per sostenere questa transizione, il settore energetico svolgerà un ruolo cruciale, così come la fornitura di prodotti agricoli per sfruttare nuove fonti di energia rinnovabile e soddisfare il crescente fabbisogno alimentare.

In J. Safra Sarasin, il nostro approccio mira a ottimizzare l’esposizione ai vari settori delle materie prime – energia, metalli e prodotti agricoli – in modo efficiente. Questo approccio ha dimostrato la sua efficacia, come dimostra la sovraperformance della nostra strategia rispetto al suo benchmark negli ultimi 17 anni.

-

PREV Secondo la Banque de France, i casi di sovraindebitamento aumentano del 14% nella prima metà del 2024
NEXT I sindacati nigeriani incontrano il presidente per chiedere un nuovo salario minimo