Il presidente del PLR vuole abolire le scuole inclusive

Il presidente del PLR vuole abolire le scuole inclusive
Il presidente del PLR vuole abolire le scuole inclusive
-

Troppi casi speciali vengono integrati nelle lezioni ordinarie, ha detto a Tamedia il presidente della PLR Thierry Burkart. (Foto d’archivio) © KEYSTONE/PETER KLAUNZER

Pubblicato il 20/06/2024

Il presidente del partito PLR Thierry Burkart ha chiesto l’abolizione delle scuole inclusive. Questa richiesta è una delle tante proposte che il partito intende avanzare per riformare la scuola.

La scuola inclusiva è un fallimento, ha affermato Burkart in un’intervista pubblicata giovedì dal quotidiano Tamedia. I bambini con difficoltà di apprendimento sono svantaggiati nella scuola inclusiva e l’istruzione regolare è ostacolata. Gli studenti con i migliori risultati vengono trascurati, ha affermato il presidente del partito.

“I numerosi esami e terapie portano alla patologizzazione dei bambini”, ha criticato il consigliere regionale di Argovia. Molti bambini non raggiungono i loro obiettivi formativi nonostante una supervisione significativa. Nelle classi separate sarebbe possibile soddisfare meglio le esigenze di apprendimento, ha spiegato. I bambini di lingua straniera dovrebbero anche frequentare lezioni intensive di tedesco o francese prima di iscriversi a una classe regolare.

Limite del carico di lavoro raggiunto

Il presidente del sindacato degli insegnanti di lingua tedesca (LCH) ritiene che le scuole inclusive abbiano raggiunto un limite: “Stiamo raggiungendo il limite da cui abbiamo sempre messo in guardia”, ha detto Dagmar Rösler in un’intervista a SonntagsBlick all’inizio del ‘ anno. Vuole tuttavia mantenere la scuola inclusiva, perché è dimostrato che gli studenti possono trarre vantaggio dall’aspetto relazionale, ha dichiarato.

A livello cantonale si è discusso più volte in passato di una scuola inclusiva. Il governo di Lucerna, ad esempio, non vuole prendere in considerazione la reintroduzione di classi a numero ridotto. Nel cantone di Zurigo l’iniziativa di un comitato borghese per le classi di sviluppo è bloccata. Anche nel Canton Basilea Città la questione non è ancora chiusa.

Concentrarsi sul compito principale

In linea di principio la scuola dovrebbe concentrarsi sul suo compito principale, vale a dire la trasmissione delle competenze di base, ha affermato Burkart. Vuole anche rendere più attraente la professione dell’insegnante. Sabato prossimo presenterà all’assemblea dei delegati un testo sull’istruzione obbligatoria. Questo documento elenca una ventina di richieste su come riformare la scuola dal punto di vista del PLR.

Si parlerà eventualmente della questione della soppressione dell’inglese e del tedesco precoci nella scuola primaria. Secondo lui, le lingue straniere non dovrebbero figurare nel curriculum prima del livello secondario. Il partito chiede inoltre il mantenimento dei voti, ha inoltre affermato.


ats

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori