Cesto della spesa | Osservare, annusare, gustare: la ricetta per ridurre lo spreco alimentare

-

Riconsiderare le date di scadenza può comportare una sostanziale riduzione degli sprechi alimentari e un risparmio per le famiglie canadesi. La campagna “See, Smell, Taste” consente ai consumatori di fare scelte più intelligenti e più rispettose del portafoglio.


Inserito alle 1:49

Aggiornato alle 6:30

Sappiamo tutti che lo spreco alimentare rappresenta un problema ambientale, ma anche un notevole onere finanziario. Secondo Second Harvest, quasi il 60% del cibo prodotto per i canadesi, circa 35,5 milioni di tonnellate, viene perso e sprecato ogni anno. Di questo numero, il 32% ovvero 11,2 milioni di tonnellate sono ancora commestibili e potrebbero essere ridistribuiti per sostenere le persone nelle nostre comunità. Il valore finanziario totale di questo cibo potenzialmente recuperabile raggiunge i 49,46 miliardi di dollari e tutti paghiamo per questo spreco.

Come consumatori, sprechiamo cibo per una serie di motivi, tra cui una scarsa pianificazione e una cattiva gestione delle scorte domestiche. Tuttavia, uno dei problemi principali che porta molte famiglie a sprecare cibo inutilmente è la data di scadenza. Queste date sono la seconda ragione per cui i consumatori gettano il cibo nella spazzatura.

Si stima che una famiglia canadese potrebbe evitare di sprecare cibo per un valore compreso tra 100 e 400 dollari ogni anno a causa della convinzione schiacciante che “da consumarsi preferibilmente entro” significhi “male dopo”.

L’iniziativa “Osserva, annusa, assaggia” lanciata questa settimana dall’app di salvataggio alimentare Troppo bello per andarsene, mira a risolvere questo problema. A partire da questa settimana, articoli selezionati in tutto il Paese saranno dotati di un’etichetta che invita i consumatori a guardare, annusare o assaggiare un prodotto se ha superato la data di scadenza prima di buttarlo via. Anche se la regola “in caso di dubbio, buttalo via” rimane un punto di riferimento, questa nuova campagna potrebbe aiutare a salvare molti imballaggi alimentari non aperti che altrimenti finirebbero nel compost, con un notevole costo in termini di denaro.

FOTO FORNITA DA TOO GOOD TO GO

Il logo “Osserva, annusa, assaggia”.

Questa iniziativa rappresenta una buona notizia per i canadesi. Si tratta di consapevolezza ed educazione, ma soprattutto di fiducia nelle pratiche di sicurezza alimentare in Canada. Secondo il Global Food Safety Index, il Canada è al primo posto nel mondo per qualità e sicurezza, seguito da Danimarca e Stati Uniti. Nonostante occasionali richiami e battute d’arresto, il cibo in Canada rimane tra i più sicuri al mondo.

Un altro fattore importante è l’imballaggio. Nel corso degli anni, la ricerca ha notevolmente migliorato la sicurezza alimentare facendo enormi progressi nella tecnologia di confezionamento. Ad esempio, i nuovi imballaggi antimicrobici e in atmosfera modificata garantiscono una maggiore sicurezza alimentare garantendo una migliore protezione e monitoraggio dei prodotti alimentari. Le tecnologie di imballaggio intelligenti, come gli indicatori tempo-temperatura e i sensori di freschezza, consentono il monitoraggio in tempo reale delle condizioni degli alimenti, garantendo ai consumatori prodotti sicuri e di alta qualità. Questi progressi riducono il rischio di contaminazione, deterioramento e malattie di origine alimentare, migliorando la sicurezza alimentare lungo tutta la catena di approvvigionamento.

La maggior parte dei consumatori non riesce ad apprezzare tutto il lavoro che si svolge dietro le quinte lungo tutta la catena di approvvigionamento, ma quel lavoro garantisce che il cibo sia il più sicuro possibile al dettaglio. Tuttavia, il più importante gestore del rischio nell’intera filiera alimentare rimane il consumatore stesso. Spetta a lui decidere come mitigare i rischi e quale considera una soglia di rischio accettabile. La nostra società ha reso la percezione del rischio una questione molto personale e la sicurezza alimentare non fa eccezione.

Secondo un sondaggio del Dalhousie University Lab dello scorso anno, circa il 27% dei canadesi eliminerebbe del tutto le date di scadenza per ridurre gli sprechi alimentari. Questa piccola parte della nostra popolazione indica che la cultura della sicurezza alimentare in Canada e la dipendenza da indicatori chiave come le date sulle confezioni rimangono molto forti.

Inoltre, alcuni consumatori cercano queste date per ottenere offerte su alimenti prossimi alla data di scadenza nei negozi di alimentari o utilizzando le app. È difficile opporsi a questa pratica.

Nel frattempo, abbiamo bisogno di continua educazione e consapevolezza. La campagna Too Good To Go, See, Smell, Taste, offre un approccio equilibrato per affrontare il problema dello spreco alimentare in Canada, almeno per ora.

-

PREV l’A4 può andare via in tutta tranquillità!
NEXT Lvmh: Gli annunci di Hugo Boss mettono i brividi, il settore del lusso è ancora sotto pressione