Gianluca Benigno: “La Fed è meno aggressiva di quanto sembri”

Gianluca Benigno: “La Fed è meno aggressiva di quanto sembri”
Gianluca Benigno: “La Fed è meno aggressiva di quanto sembri”
-

Pubblicato il 20 giugno 2024 alle 07:41. / Modificato il 20 giugno 2024 alle 09:25.

Dopo aver mantenuto il tasso di riferimento entro la fascia obiettivo del 5,25-5,5% il 12 giugno, la Federal Reserve americana ha fatto interrogare i mercati finanziari sulle sue intenzioni. La Fed taglierà i tassi una o due volte quest’anno? Esperto di banche centrali, Gianluca Benigno decifra le attuali dinamiche all’interno della Federal Reserve. Il professore di economia all’HEC, presso l’Università di Losanna, ha dedicato la sua carriera allo studio delle politiche monetarie, lavorando in particolare per la Federal Reserve di New York nel 2007-2008, poi tra il 2018 e il 2022, e avendo ricoperto incarichi presso la Banca Centrale Europea, Banca d’Inghilterra e Banca di Francia. Per il professore e autore di un blog sulle banche centrali, le previsioni sui tassi d’interesse rese pubbliche il 12 giugno rivelano divergenze di opinione tra i membri del comitato di politica monetaria della Fed e mostrano che non si possono escludere due tagli dei tassi per quest’anno. Spiegazioni.

Leggi anche: Cosa farà giovedì la BNS? Le opinioni restano divise

Tutte le novità a portata di mano!

Per soli CHF 29.- al mese avrai accesso illimitato a tutti i nostri articoli. Approfitta della nostra offerta speciale: il primo mese a soli CHF 9!

SOTTOSCRIVI

Buoni motivi per abbonarsi a Le Temps:
  • Accesso illimitato a tutti i contenuti disponibili sul sito.
  • Accesso illimitato a tutti i contenuti disponibili sull’applicazione mobile
  • Piano di condivisione di 5 articoli al mese
  • Consultazione della versione digitale del quotidiano dalle ore 22.00 del giorno precedente
  • Accesso agli integratori e a T, la rivista Temps, in formato e-paper
  • Accesso ad una serie di vantaggi esclusivi riservati agli abbonati

Sei già abbonato?
Per accedere

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori