I grattacieli più alti del mondo potrebbero trasformarsi in una gigantesca batteria elettrica

-

Energy Vault Holdings e il rinomato studio di architettura Skidmore, Owings & Merrill (SOM) hanno svelato il progetto di costruire grattacieli colossali, alti fino a un chilometro, che sfrutterebbero la forza di gravità per produrre e immagazzinare energia rinnovabile su una scala senza precedenti.

Credito: 123RF

Gli ingegneri di Energy Vault hanno dimostrato sistemi innovativi di stoccaggio dell’energia gravitazionale (GESS). Il principio è sorprendentemente semplice: si tratta di costruire una sovrastruttura cava all’interno della quale è installato un peso prigioniero. L’energia in eccesso proveniente da fonti rinnovabili o dalle reti vicine viene quindi utilizzata per sollevare il peso fino alla cima della torre. Quando è necessaria energia, il peso viene rilasciato, consentendo la sua discesa verso i generatori di energia e creando un ciclo continuo di produzione e stoccaggio di energia.

I potenziali vantaggi di questo approccio sono sconcertanti. Energy Vault sostiene che la sua suite di schemi di generazione di energia G-VAULT potrebbe consentire a queste sovrastrutture di produrre e immagazzinare diversi gigawattora (GWh) di elettricità raggiungendo al contempo un notevole “ritorno sull’investimento in carbonio” in soli tre o quattro anni. L’azienda ha inoltre progettato un sistema alternativo, EVc, che sostituisce il peso con una pompa dell’acqua per azionare le turbine della torre, traendo ispirazione dai tradizionali impianti idroelettrici con pompaggio.

Leggi anche – Questo materiale trasforma una casa in una gigantesca batteria per immagazzinare energia

I grattacieli potrebbero presto produrre energia

Energy Vault prevede di utilizzare materiali rispettosi dell’ambiente e incorporare materiali di scarto per un riutilizzo vantaggioso, che ridurrà ulteriormente l’impatto ambientale di questi imponenti generatori di energia.

Sebbene il concetto possa sembrare audace, è supportato da una fantastica collaborazione tra Energy Vault e SOM, lo studio di architettura responsabile di strutture iconiche come l’edificio più alto del mondo, il Burj Khalifa, a Dubai.

Tuttavia, come per ogni progetto innovativo, ci sono delle sfide da superare. Che si tratti di considerazioni logistiche come il peso dell’edificio, dell’efficienza complessiva e della manutenzione quotidiana, o delle preoccupazioni pratiche legate all’integrazione di un sistema su larga scala in un grattacielo funzionale, la strada da percorrere non è priva di ostacoli.

Tuttavia, di fronte alla crisi climatica globale, è fondamentale avere idee coraggiose e soluzioni innovative. In caso di successo, Questi grattacieli alimentati dalla gravità potrebbero ridefinire il modo in cui produciamo e immagazziniamo energiatrasformando strutture imponenti da semplici meraviglie architettoniche in enormi fabbriche di energia.

-

PREV È il momento del credito di brillare
NEXT Il rendimento degli affitti residenziali rimane modesto