“È uno sviluppo rapido, dobbiamo rispettarlo quotidianamente”. A Bayonne, la base informatica demistifica l’intelligenza artificiale

“È uno sviluppo rapido, dobbiamo rispettarlo quotidianamente”. A Bayonne, la base informatica demistifica l’intelligenza artificiale
“È uno sviluppo rapido, dobbiamo rispettarlo quotidianamente”. A Bayonne, la base informatica demistifica l’intelligenza artificiale
-

Definizioni e pericoli

“Ti circonda. Lo usi ogni giorno senza saperlo. Per chiudere le persiane, quando parli con il tuo assistente vocale al telefono o anche durante le tue operazioni bancarie”, indica Didier Stupffel. “È impressionante”, esclama Régine, 72 anni, residente a Bayonne. È irrimediabile, quindi sono venuto ad allenarmi. Mi dicevo che non c’era un’età per imparare. »

Oggi nessun corso pratico, ma piuttosto teoria per demistificare questo nuovo argomento di attualità. In programma: definizioni, casi d’uso, pericoli e applicazioni utilizzate, sufficienti a coprire le basi. E questa tecnologia è, in realtà, molto più antica di quanto sembri.

“Mi sono detto che non c’era un’età per imparare”

Il conduttore riavvolge la storia e torna alla Seconda Guerra Mondiale. Più precisamente, alla creazione della macchina Victory di Alan Turing, capace di decodificare i messaggi dei tedeschi. Attraverso aneddoti e video descrive l’evoluzione, fino ai giorni nostri, di questo progetto digitale vecchio di quasi 80 anni.

“Non moriremo da idioti”, dice Marie, 72 anni. Mi preoccupo per i giovani. È uno sviluppo rapido, dobbiamo rispettarlo quotidianamente. »

Al termine della seduta, Marguerite, 89 anni, la più anziana del gruppo, fa il punto: “Sono molto felice di essere venuta, ho imparato tante cose, anche se mi spaventa ancora un po’. »

-

NEXT Bandi da non perdere a giugno 2024