Borsa: cosa succede sui mercati prima dell’apertura di giovedì 23 maggio

Borsa: cosa succede sui mercati prima dell’apertura di giovedì 23 maggio
Borsa: cosa succede sui mercati prima dell’apertura di giovedì 23 maggio
-

(Foto: 123RF)

RECENSIONI DI MERCATO. Giovedì il settore tecnologico è in prima linea in Borsa, sulla scia dei risultati di Nvidia, ma il resto della classifica è più misurato, soprattutto in Europa dopo i dati sull’attività di maggio.

Indici di Borsa alle 7:45

IL FTSE100 La Gran Bretagna è rimasta stabile all’inizio della sessione in Europa. IL CAC40 I francesi hanno aggiunto lo 0,2% e il DAX Tedesco 0,3%.

A New York, prima dell’apertura dei mercati, la media Dow Jones i valori industriali sono rimasti invariati e l’indice si è ampliato S&P500 aumentato dello 0,5%.

In Asia, il Nikkei225 ha aggiunto lo 0,3% per chiudere ad un nuovo massimo a Tokyo. Il mercato azionario di Shangai è diminuito dell’1,3% e il Hang Seng è crollato dell’1,7% a Hong Kong. Sydney ha perso lo 0,5% e Seul lo 0,1%.

Alla Borsa delle materie prime di New York, il prezzo di olio ha guadagnato 3 centesimi di dollaro a 77,60 dollari al barile.

Nel mercato valutario, il dollaro canadese è stato scambiato a 73,13 centesimi di mercoledì sera, rispetto a 73,27 centesimi di martedì.

Il contesto

Indicatore principale in Europa giovedì, la crescita dell’attività del settore privato ha accelerato nella zona euro a maggio mentre i prezzi praticati dalle imprese sono rallentati, secondo il Flash PMI pubblicato giovedì da S&P Global. Il dato è risultato leggermente superiore alle aspettative degli analisti.

Cyrus de la Rubia, economista della Hamburg Commercial Bank (HCOB), partner di S&P Global, vede i dati raccolti sui prezzi come una “buona notizia per la Banca centrale europea (BCE)”, dalla quale i mercati si aspettano un abbassamento dei tassi di riferimento nella prossima riunione di giugno.

“Siamo stati molto trasparenti riguardo alla decisione nella riunione di giugno. E stiamo adottando un approccio cauto, il che deporrebbe a favore di una riduzione di 25 punti base (…). Non abbiamo preso alcuna decisione né sul numero dei tagli dei tassi né sulla loro entità” per il resto dell’anno, ha dichiarato il vicepresidente della BCE, Luis de Guindos, al quotidiano austriaco Oberösterreichische Nachrichten.

Verranno inoltre diffusi i dati sulla fiducia dei consumatori in Europa e altri indici dell’attività manifatturiera negli Stati Uniti.

Sul mercato obbligazionario, i tassi d’interesse nei paesi europei e negli Stati Uniti sono rimasti stabili, dopo il rialzo di mercoledì.

Nvidia pronta al balzo

Il colosso americano dei semiconduttori Nvidia ancora una volta ha ampiamente superato le aspettative per il primo trimestre del suo sconcertante anno finanziario, confermando che lo slancio dato dall’intelligenza artificiale generativa (AI) non può essere negato.

Il gruppo di Santa Clara (California) ha generato un utile netto di 14,9 miliardi di dollari, più di sette volte rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, secondo un comunicato stampa pubblicato mercoledì e particolarmente atteso dagli investitori.

Secondo le contrattazioni elettroniche pre-sessione, il titolo si avviava verso un rialzo del 6,7%. Il suo valore supererebbe così i 1.000 dollari, mentre a settembre 2022 ne valeva solo 120.

Di questo andamento ha beneficiato l’intero settore dei semiconduttori: a Tokio Disco Corporation è salita del 7,95%, Advantest del 5,36%.

In Europa, ASML ha preso il 3,25%, Infineon l’1,30%, STMicroelectronics l’1,02%.

Multa pesante per Mondelez

Giovedì Bruxelles ha inflitto una multa di 337,5 milioni di euro al colosso agroalimentare americano Mondelez, proprietaria dei marchi Lu, Oreo, Milka e Toblerone, sospettata di aver ristretto la concorrenza nei mercati del cioccolato, dei biscotti e del caffè. Il titolo è sceso dello 0,47% nelle contrattazioni pre-sessione a Wall Street.

Il petrolio rimbalza

Dopo tre sessioni di ribasso, i prezzi del petrolio sono tornati a salire. La canna di Brent ha guadagnato lo 0,78% a 82,54 dollari USA e quello di WTI americano 0,80% a 78,19 dollari USA.

L’euro è aumentato dello 0,21% contro il dollaro a 1,0846 dollari per euro.

IL bitcoin ha guadagnato lo 0,46% a 69.730 dollari.

-

NEXT Bandi da non perdere a giugno 2024