In che modo l’intelligenza artificiale contribuisce all’ottimizzazione della catena di fornitura?

In che modo l’intelligenza artificiale contribuisce all’ottimizzazione della catena di fornitura?
In che modo l’intelligenza artificiale contribuisce all’ottimizzazione della catena di fornitura?
-

Si è appena conclusa, dopo tre giorni molto vivaci, l’undicesima edizione di Logismed. L’ultima tavola rotonda prevista per la terza giornata è stata dedicata al tema dell’intelligenza artificiale e al suo contributo all’ottimizzazione della supply chain.

Vettore di competitività aziendale, la catena di fornitura richiama sempre più una parte essenziale della vita quotidiana degli esperti di logistica. Come in molti ambiti, la catena di fornitura beneficia dell’impatto della tecnologia digitale e delle nuove tecnologie tra cui l’intelligenza artificiale, che offre vantaggi significativi in ​​termini di prestazioni, efficienza e processo decisionale. L’intelligenza artificiale fornisce soluzioni ed è ormai utilizzata da tutti gli attori della catena, dalla fornitura alla consegna al cliente. Per gestire la quantità di dati raccolti, l’AI sta diventando uno strumento essenziale per l’intera sfera economica. Ora viene utilizzato quotidianamente dagli specialisti dei trasporti, della logistica e della catena di fornitura.

Lo sviluppo dell’intelligenza artificiale nella catena di fornitura sta avvenendo a un ritmo rapido e il potenziale per aumentare l’efficienza, ridurre l’errore umano e migliorare le previsioni è vitale per rimanere competitivi, hanno affermato i relatori presenti a questa tavola rotonda. Aumentare l’efficienza dei sistemi di gestione della supply chain, anche se con margini minimi, può aumentare significativamente i profitti, affermano.

Come si integrano l’intelligenza artificiale e la gestione della supply chain?

Poiché la maggior parte delle interruzioni della catena di fornitura sono causate da errori umani, i costi per le aziende possono essere considerevoli. Secondo i relatori, l’intelligenza artificiale consente quindi di ridurre le spese e massimizzare il ritorno sugli investimenti eliminando gli errori umani. Con la disponibilità del machine learning, la capacità di prevedere correttamente le tendenze globali aumenta in modo significativo, sottolineano. Consentendo all’intelligenza artificiale di analizzare le tendenze e gli scenari di mercato passati, si è meglio attrezzati per prevederne i risultati, consentendo di prendere decisioni ottimali.

Attualmente, l’intelligenza artificiale viene utilizzata per migliorare i sistemi di gestione della catena di fornitura in tutto il mondo, consentendo di copiare ciò che funziona e imparare da ciò che non funziona. Le applicazioni più comuni dell’intelligenza artificiale sono lo stoccaggio automatizzato, il trasporto intelligente e la previsione della domanda.

Secondo i relatori, l’uso dell’intelligenza artificiale nella catena di fornitura sta trasformando il processo di approvvigionamento. Utilizzando potenti strumenti di analisi dei dati come algoritmi di apprendimento automatico, le tecnologie basate sull’intelligenza artificiale forniscono informazioni preziose che aiutano le aziende a prendere decisioni di approvvigionamento più intelligenti. Inoltre, aggiungono, l’automazione basata sull’intelligenza artificiale ha semplificato vari processi di approvvigionamento, tra cui l’approvvigionamento dei fornitori, la creazione di ordini di acquisto e la gestione dell’inventario.

-

PREV Cosa cambierà sul web a giugno
NEXT Una donna svizzera si ritrova tra lenzuola sporche, macchiate di sperma