come i consulenti evadono le tasse

-

Stimati in 5.000, questi ingegneri e consulenti indipendenti non pagano né tasse né oneri sociali, sebbene forniscano servizi a grandi aziende, in particolare alle banche. Il loro modus operandi consiste nell’essere pagati tramite intermediari e società ombrello per evitare i loro obblighi fiscali e sociali L’economista che denuncia frodi fiscali su larga scala, stimando le perdite per lo Stato in diverse centinaia di milioni di dirham.

Leggi: Evasione fiscale in Marocco: solo il 2% dei contribuenti paga l’80% dell’IVA

Le società di intermediazione “svolgono il ruolo di intermediari tra i clienti che cercano competenze informatiche e i consulenti che le possiedono”, precisa la pubblicazione. Quali società di intermediazione “individuano questi consulenti e li collocano presso i propri clienti per missioni a medio o lungo termine a seconda delle esigenze di ciascuna struttura utente, ma senza essere assunti”.

Leggi: IVA: frode molto cara in Marocco

Il fenomeno assume dimensioni preoccupanti, avverte il quotidiano specializzato, sottolineando che questi consulenti indipendenti costituiscono dal 30 al 70% del personale informatico delle grandi aziende. “Il fenomeno ricorda quello di alcuni dipendenti di fornitori di servizi a cui fu offerto lo status di lavoratore autonomo per pagare un IR all’1% invece del tasso marginale del 38%. Prima che il legislatore si renda conto dell’abuso di questo regime attraverso il falso impiego”.

-

PREV Intelligenza artificiale: il gruppo Ansam acquista Novatix
NEXT La Fed mantiene i tassi, “come se stesse facendo una posa yoga”