Aumentano i prezzi del petrolio dopo il fallimento dei negoziati per il cessate il fuoco a Gaza, aumentano i prezzi sauditi

Aumentano i prezzi del petrolio dopo il fallimento dei negoziati per il cessate il fuoco a Gaza, aumentano i prezzi sauditi
Aumentano i prezzi del petrolio dopo il fallimento dei negoziati per il cessate il fuoco a Gaza, aumentano i prezzi sauditi
-

AA / Istanbul / Duygu Alhan

I prezzi del petrolio sono aumentati nelle contrattazioni mattutine di lunedì in seguito ai tentativi falliti di ottenere un cessate il fuoco a Gaza, alla decisione dell’Arabia Saudita di aumentare i prezzi del greggio e alle incertezze sui tempi delle future decisioni sui tassi di interesse da parte della Federal Reserve (Fed) americana.

Il greggio Brent, punto di riferimento internazionale, è stato scambiato a 83,56 dollari al barile alle 10:07 ora locale (07:07 GMT), in rialzo dello 0,72% rispetto al prezzo di chiusura di venerdì che aveva chiuso la giornata a 82,96 dollari al barile.

Il barile americano di riferimento West Texas Intermediate (WTI), dal canto suo, è stato scambiato a 78,72 dollari al barile, in aumento dello 0,78% rispetto alle contrattazioni di venerdì scorso che si erano concluse a 78,11 dollari al barile.

I prezzi del petrolio hanno iniziato la settimana su una nota positiva in un contesto improbabile di un accordo di cessate il fuoco a Gaza, una situazione che alimenta i timori di un’estensione del conflitto in Medio Oriente.

Lunedì mattina l’esercito israeliano ha emesso ordini urgenti di evacuazione per i residenti palestinesi e gli sfollati in diverse zone della zona orientale di Rafah, affinché siano immediatamente trasferiti nella città di al-Mawasi.

“L’esercito continuerà a lavorare per raggiungere gli obiettivi della guerra, compreso lo smantellamento di Hamas e il rilascio di tutti gli ostaggi israeliani”, ha scritto il portavoce dell’esercito Avichay Adraee in un post sulla piattaforma X.

Le crescenti tensioni nella regione, che ospita la maggior parte delle riserve petrolifere mondiali, hanno alimentato le preoccupazioni sull’offerta, sostenendo l’aumento dei prezzi del petrolio.

L’Arabia Saudita, il più grande esportatore di petrolio al mondo, ha aumentato il prezzo ufficiale di vendita del greggio per giugno verso l’Asia, l’Europa nordoccidentale e le regioni attorno al bacino del Mediterraneo.

Questa decisione ha rafforzato le previsioni di una forte domanda di mercato nel periodo estivo, spingendo al rialzo l’andamento dei prezzi del barile.

Da un’altra prospettiva, le incertezze relative ai tagli dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve statunitense continuano a influenzare i prezzi del petrolio.

I dati sui mercati finanziari cominciano già a inviare segnali coerenti con le previsioni di una riduzione dei tassi di interesse da parte della Fed per il prossimo settembre.

* Tradotto dall’inglese da Mounir Bennour.

Solo una parte dei dispacci che l’Agenzia Anadolu trasmette ai suoi abbonati tramite il sistema di radiodiffusione interna (HAS) viene trasmessa in forma sintetica sul sito web dell’AA. Vi preghiamo di contattarci per iscrivervi.

-

PREV “L’inizio dell’allentamento della Fed sarà rinviato a settembre” (Generali Investments) – 06/05/2024 ore 10:50
NEXT Scuole pubbliche del Quebec: 4.880 insegnanti si sono dimessi negli ultimi cinque anni