Le prospettive dell’economia globale sono tutt’altro che rassicuranti. Che impatto per il Marocco?

Le prospettive dell’economia globale sono tutt’altro che rassicuranti. Che impatto per il Marocco?
Le prospettive dell’economia globale sono tutt’altro che rassicuranti. Che impatto per il Marocco?
-

Le prospettive per l’economia globale non sono di buon auspicio per i consumatori marocchini. Non dobbiamo infatti aspettarci un calo dei prezzi o un calo dell’inflazione nel prossimo futuro. “I prezzi globali delle materie prime si stanno stabilizzando dopo un forte calo e lo scoppio di un grave conflitto in Medio Oriente potrebbe porre fine alla disinflazione avvenuta negli ultimi due anni”, spiega un recente rapporto della Banca Mondiale (BM). Stagnazione Secondo il rapporto, “i prezzi globali delle materie prime diminuiranno del 3% nel 2024 e del 4% nel 2025.

Questo tasso di declino avrà un impatto limitato sulla riduzione dell’inflazione, che rimane al di sopra degli obiettivi delle banche centrali nella maggior parte dei paesi. I prezzi delle materie prime rimarranno quindi più alti di circa il 38% rispetto alla media dei cinque anni precedenti la pandemia. Indermit Gill, capo economista e vicepresidente senior del Gruppo della Banca mondiale, ritiene che “l’inflazione globale resta imbattibile”, pur aggiungendo che “il calo dei prezzi delle materie prime, una delle principali cause del calo dell’inflazione, si è sostanzialmente fermato.

“Ciò significa che i tassi di interesse potrebbero rimanere più alti del previsto quest’anno e il prossimo. Il mondo sta attraversando tempi difficili e un grave shock energetico potrebbe compromettere gran parte dei progressi compiuti nella riduzione dell’inflazione negli ultimi due anni”, ha sottolineato.

Tensioni

Il rapporto afferma inoltre che “le persistenti tensioni geopolitiche negli ultimi due anni hanno fatto salire il prezzo del petrolio e di molte altre materie prime, mentre la crescita globale ha rallentato. Ad esempio, il prezzo del Brent è salito a 91 dollari al barile all’inizio di questo mese, 34 dollari in più rispetto alla media del periodo 2015-2019. Le previsioni della Banca suggeriscono che il prezzo del Brent raggiungerà una media di 84 dollari al barile nel 2024 prima di scendere a una media di 79 dollari nel 2025, presupponendo che non vi siano interruzioni dell’offerta di petrolio a causa del conflitto.

“Tuttavia, se il conflitto in Medio Oriente dovesse intensificarsi, questi sconvolgimenti potrebbero portare a un aumento dell’inflazione globale. Piccole interruzioni potrebbero spingere il prezzo medio del Brent a 92 dollari al barile quest’anno. In caso di gravi interruzioni, i prezzi del petrolio potrebbero superare i 100 dollari al barile, il che aumenterebbe l’inflazione globale di circa un punto percentuale nel 2024”, prevede la Banca Mondiale. Ayhan Kose, vice capo economista e direttore del Development Outlook Group presso il Gruppo della Banca Mondiale, sostiene che esiste una chiara divergenza tra crescita globale e prezzi delle materie prime; Nonostante i tassi di crescita globale relativamente bassi, è probabile che i prezzi delle materie prime rimangano più elevati nel 2024-2025 rispetto ai cinque anni precedenti la pandemia. “Un fattore chiave di questa divergenza è associato alle crescenti tensioni geopolitiche che mantengono una pressione al rialzo sui prezzi delle principali materie prime, alimentando il rischio di bruschi movimenti dei prezzi. Le banche centrali dovrebbero essere caute riguardo agli effetti inflazionistici dell’aumento dei prezzi delle materie prime in un contesto di crescenti tensioni geopolitiche”, ha espresso allarme.

Salita

Secondo il rapporto, il prezzo medio dell’oro – una scelta popolare per gli investitori in cerca di un “rifugio sicuro” – dovrebbe raggiungere un livello record nel 2024, prima di crollare nel 2025. “L’oro ha uno status speciale tra gli asset e il suo prezzo spesso aumenta durante periodi di incertezza geopolitica e politica, compresi i conflitti. Si prevede che la forte domanda da parte di diverse banche centrali di paesi in via di sviluppo, unita alle crescenti sfide geopolitiche, farà aumentare i prezzi dell’oro per tutto il 2024”, osserva il documento della WB. E precisare che “un’escalation del conflitto in Medio Oriente potrebbe portare anche ad un aumento dei prezzi del gas naturale, dei fertilizzanti e dei prodotti alimentari.

La regione è un importante fornitore di gas: il 20% del commercio globale di gas naturale liquefatto (GNL) passa attraverso lo Stretto di Hormuz. Se le forniture di GNL vengono interrotte, anche i prezzi dei fertilizzanti registreranno un aumento significativo, che probabilmente porterà ad un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari. La Banca Mondiale prevede che i prezzi dei prodotti alimentari generalmente diminuiranno leggermente: del 6% nel 2024 e del 4% nel 2025. I prezzi dei fertilizzanti dovrebbero diminuire del 22% nel 2024 e del 6% nel 2025. Nel frattempo, il ritmo accelerato degli investimenti nelle tecnologie verdi ha fatto salire i prezzi dei metalli chiave che sono essenziali per la transizione globale verso l’energia pulita, afferma il rapporto.

“I prezzi del rame – un componente chiave utilizzato nelle infrastrutture della rete elettrica e nella produzione di veicoli elettrici – hanno raggiunto questo mese il livello più alto degli ultimi due anni. Si prevede che aumenteranno del 5% nel 2024 prima di stabilizzarsi nel 2025. Si prevede che i prezzi dell’alluminio aumenteranno del 2% nel 2024 e del 4% nel 2025, sostenuti in particolare dalla produzione di veicoli elettrici, pannelli solari e altre infrastrutture di energia rinnovabile, ” concludono gli esperti della WB.

Hassan Bentaleb

-

PREV La criptovaluta XRP di Ripple al centro del nuovo progetto monetario BRICS?
NEXT le cuffie con la migliore riduzione del rumore costano 110€ in meno