La Corte Suprema riconosce la “presunzione di immunità” di Donald Trump

La Corte Suprema riconosce la “presunzione di immunità” di Donald Trump
La Corte Suprema riconosce la “presunzione di immunità” di Donald Trump
-

Con sei voti contro tre, quelli dei sei giudici conservatori contro i tre progressisti, la Corte ritiene che “il presidente non gode di alcuna immunità per i suoi atti non ufficiali”, ma che “ha diritto almeno a una presunzione di immunità per i suoi atti non ufficiali”. atti ufficiali.

Donald Trump, nella campagna per il ritorno alla Casa Bianca, ha immediatamente salutato una “grande vittoria” per la democrazia.

Decidendo il 28 febbraio di occuparsi di questa questione, poi fissando i dibattiti quasi tre mesi dopo, la Corte Suprema degli Stati Uniti aveva già rinviato considerevolmente il processo federale contro l’ex presidente repubblicano per aver tentato illegalmente di ribaltare i risultati delle elezioni del 2020. vinto da Joe Biden.

L’intero procedimento di questo processo, inizialmente previsto per il 4 marzo e rinviato sine die, era già sospeso da quattro mesi.

Nel corso dei dibattiti, se i giudici erano generalmente scettici sull’immunità assoluta rivendicata dal candidato repubblicano, molti, soprattutto tra i conservatori, hanno insistito sulle ripercussioni a lungo termine della loro decisione.

“Stiamo scrivendo una regola per i posteri”, ha osservato Neil Gorsuch, riferendosi alla natura senza precedenti della questione.

“Questa vicenda ha enormi implicazioni per il futuro della presidenza e del Paese”, ha aggiunto il collega Brett Kavanaugh.

Donald Trump “pensa di essere al di sopra della legge”, ha accusato lunedì il team elettorale di Joe Biden.

La decisione di lunedì “non cambia nulla nei fatti […]: Donald Trump è crollato dopo aver perso le elezioni del 2020 e ha incoraggiato la folla a ribaltare i risultati di un’elezione libera ed equa”, ha commentato un consigliere elettorale del presidente democratico, candidato per un secondo mandato.

Appello

“Questa è una grande vittoria per la nostra democrazia e la nostra Costituzione, sono orgoglioso di essere americano!”, ha scritto lunedì l’ex presidente sul suo Truth Social network.

Bersaglio di quattro distinti procedimenti penali, Donald Trump sta facendo tutto il possibile per andare a processo il più tardi possibile, almeno dopo le elezioni presidenziali.

È stato dichiarato colpevole il 30 maggio da un tribunale di New York di “falsificazione contabile aggravata per nascondere una cospirazione per pervertire le elezioni del 2016”. La sua sentenza sarà pronunciata l’11 luglio.

Ma questa prima condanna penale, senza precedenti per un ex presidente americano, nella meno politicamente pesante delle quattro procedure, rischia di essere anche l’unica prima del voto.

Perché attraverso i ricorsi gli avvocati di Donald Trump sono riusciti a rinviare fino a nuovo avviso altri processi, a livello federale per aver nascosto documenti riservati dopo la sua partenza dalla Casa Bianca e davanti ai tribunali dello stato chiave della Georgia per interferenze elettorali nel 2020.

Se fosse eletto nuovamente, Donald Trump potrebbe, una volta insediato nel gennaio 2025, ordinare la fine dei procedimenti federali contro di lui.

-

PREV Le compagnie petrolifere tentano di riprendere le operazioni in Texas dopo la tempesta Beryl – 09/07/2024 alle 22:39
NEXT La Corte Suprema rinvia nuovamente il processo federale di Trump