Gaza: negoziatore israeliano afferma che diverse “dozzine di ostaggi sono sicuramente vivi”

Gaza: negoziatore israeliano afferma che diverse “dozzine di ostaggi sono sicuramente vivi”
Gaza: negoziatore israeliano afferma che diverse “dozzine di ostaggi sono sicuramente vivi”
-

Speranza per le famiglie. Mentre Israele continua ad avere come priorità della guerra a Gaza la liberazione degli ostaggi presi da Hamas il 7 ottobre, un negoziatore israeliano afferma che diverse “dozzine di ostaggi sono sicuramente vivi”. E ha aggiunto, a condizione di restare anonimo perché non autorizzato a parlare pubblicamente sulla questione: “Non possiamo lasciarli lì a lungo, moriranno”.

L’annuncio arriva a pochi giorni da un’operazione militare senza precedenti volta a liberare quattro ostaggi (Noa Argamani, Almog Meir Jan, Andrey Kozlov e Shlomi Ziv), tutti e quattro rapiti da Hamas il 7 ottobre dalla sede del festival di musica elettronica Nova. Delle 251 persone rapite durante l’attacco del movimento islamico palestinese Hamas contro Israele, 116 sono ancora tenute in ostaggio a Gaza, di cui 41 morte, secondo l’esercito.

Dopo oltre otto mesi di guerra, gli Stati Uniti cercano di ottenere un accordo sulla base di un progetto presentato a fine maggio dal presidente americano Joe Biden e che prevede, in una prima fase, un cessate il fuoco di sei settimane accompagnato da un accordo Ritiro israeliano dalle aree densamente popolate di Gaza, rilascio di alcuni ostaggi detenuti a Gaza e rilascio dei palestinesi imprigionati da Israele.

“Speriamo e aspettiamo che Hamas dica sì”

Mentre i negoziati sembrano in fase di stallo, il negoziatore israeliano ha ribadito il rifiuto di Israele di accettare immediatamente un cessate il fuoco permanente. “Non possiamo, a questo punto – prima di firmare un accordo – impegnarci a porre fine alla guerra”, ha detto il funzionario. “Perché durante la prima fase c’è una clausola secondo la quale si terranno trattative sulla seconda fase. La seconda fase è il rilascio degli uomini e dei soldati in ostaggio”, ha spiegato.

Il funzionario ha detto che la squadra negoziale israeliana ha dato il via libera al piano Biden, ma il governo israeliano non lo ha ancora fatto. “Speriamo e ci aspettiamo che Hamas dica sì”, ha detto mentre il movimento islamico palestinese continua a chiedere l’instaurazione di un cessate il fuoco permanente prima di qualsiasi accordo sul rilascio degli ostaggi (nello scambio di prigionieri palestinesi detenuti da Israele).

videoGaza: l’esercito israeliano annuncia di aver liberato vivi quattro ostaggi

“Nel caso in cui non raggiungiamo un accordo con Hamas, l’IDF [l’armée israélienne, NDLR] continueremo a combattere nella Striscia di Gaza con non meno forza di quella attuale”, ha aggiunto il funzionario: “In modo diverso, ma in modo intenso. »

La guerra è scoppiata il 7 ottobre, quando i commando di Hamas infiltrati nel sud di Israele dalla Striscia di Gaza hanno effettuato un attacco che ha provocato la morte di 1.194 persone, per lo più civili, secondo un conteggio dell’AFP stabilito da dati ufficiali israeliani. Per rappresaglia, l’esercito israeliano ha lanciato un’offensiva sulla Striscia di Gaza che ha causato la morte di 37.347 persone, per lo più civili, secondo i dati del Ministero della Sanità del governo di Gaza guidato da Hamas.

-

PREV “Penso che Taiwan dovrebbe pagarci per…”
NEXT La partenza di Aubameyang apre un nuovo episodio della soap opera di…