La Germania accoglie con ottimismo l’Europa del calcio

La Germania accoglie con ottimismo l’Europa del calcio
La Germania accoglie con ottimismo l’Europa del calcio
-

Con la maglia della nazionale tedesca sotto la maglia gialla, Uwe Bergmann si dice fiducioso. “Saremo puntuali e lavoreremo per garantire che l’atmosfera sia massima durante questo Euro”, dice tutto sorridente il direttore dei lavori, responsabile della trasformazione di un enorme appezzamento di terreno in una zona per i tifosi nel quartiere Reeperbahn di Amburgo. Dietro di lui, gli operai sono impegnati ad allestire i cinque maxischermi che, per un mese, trasmetteranno gratuitamente a 50mila persone le partite e le partite di qualificazione della Nazionale tedesca.

Situata nel nord del paese, Amburgo è una delle dieci città tedesche ad ospitare gli Europei di calcio per un mese, che inizieranno venerdì 14 giugno. Lo stadio del club locale HSV è stato sottoposto a lavori di ristrutturazione e messo a norma per ospitare le partite delle squadre polacca, ceca e turca. I tifosi che non hanno avuto la fortuna di avere i biglietti potranno incontrarsi nella fan zone nel centro della città.

“Rispetto al 2006 siamo molto più preparati” crede Uwe Bergmann. Come tutta la Germania, questo imprenditore ha accumulato un’esperienza dai tempi dei Mondiali di calcio organizzati diciotto anni fa nel paese, e che è rimasta nella mente della gente come “la favola dell’estate 2006”. La Germania arrivò terza e splendeva il sole. “Speriamo di rivivere una seconda Sommermärchen”dice Uwe Bergmann.

Massima sicurezza

Una Germania abituata ai grandi eventi calcistici si prepara ad accogliere negli stadi 12 milioni di visitatori e 2,7 milioni di spettatori. Una delle differenze rispetto al 2006 riguarda la sicurezza, con rischi più diversificati. “La nostra attenzione spazia dalla minaccia del terrorismo islamico agli attacchi informatici, agli hooligan e ad altri autori di violenza”riassume il ministro federale degli Interni, Nancy Faeser, riferendosi a a “Minaccia diffusa”.

Il terrorista islamista è particolarmente preoccupante per le autorità, poiché è stato pubblicato online un video dell’organizzazione Stato islamico del Khorasan in cui minaccia di colpire il Paese durante l’Euro. Questa organizzazione era dietro l’attacco di Mosca di marzo, che ha provocato la morte di oltre 143 persone. Il rischio di atti di “lupi solitari” è aumentato anche dopo la morte, all’inizio di giugno, di un agente di polizia ferito da un afghano radicalizzato a Mannheim. Questi timori potrebbero avere ripercussioni sulla folla nelle fan zone. Secondo un recente sondaggio, solo un terzo dei tedeschi afferma di voler guardare le partite sugli schermi giganti.

Ad Amburgo, invece, vogliamo essere ottimisti. “Dopo gli attentati di Mosca e Mannheim ci è stato chiesto se fosse necessario rafforzare le nostre misure di sicurezza, ma erano già così elevate che non è stato utile”, spiega Uwe Bergmann. Tra le misure adottate, nessuna vacanza durante gli Europei per la polizia e il sostegno di 16mila volontari in tutto il Paese.

Mannschaft in rinnovamento?

Anche dal lato sportivo il morale sembra tornato. Il Paese accoglie questo Euro con un ottimismo certamente moderato ma rinnovato, dopo l’arrivo del tecnico Julian Nagelsmann alla guida della Nazionale la scorsa estate. Grazie alle vittorie nelle amichevoli di marzo contro Francia e Olanda, la Mannschaft ha ritrovato slancio, dopo una lunga fase di crisi. Ricordiamo che la selezione, campione del mondo nel 2014 per la quarta volta nella sua storia, tre volte incoronata agli Europei, è stata eliminata al primo turno durante gli ultimi due Mondiali, nel 2018 e nel 2022, un trauma. “Per me la Germania non è la favorita ma ha del potenziale, con una squadra che comprende una generazione esperta e giovani” il giudice Lukas Rind, dell’associazione dei tifosi del club di Amburgo HSV. “Questo Euro è soprattutto un’occasione per stare insieme e vivere insieme un grande evento”Aggiunge.

Questa competizione potrebbe anche consentire al Paese di vivere un momento di leggerezza, in un contesto altrimenti appesantito dalla scarsa performance economica e dall’ascesa dell’estrema destra. La Nazionale non è sfuggita alle polemiche. Secondo un recente sondaggio, il 20% dei tedeschi vorrebbe vedere “niente più giocatori bianchi”. Una posizione che ha scioccato in una squadra che, per la prima volta, può contare su un capitano di origini straniere, Ilkay Gündogan, nato in Germania da genitori turchi.

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole