Eletti, grandi capi: Trump a Washington per un’operazione di seduzione

-

Due settimane dopo la sua condanna penale, giovedì Donald Trump si recherà a Washington per una grande offensiva di charme con parlamentari repubblicani e imprenditori.

• Leggi anche: La Corte Suprema degli Stati Uniti ribalta la sentenza che limita l’accesso alla pillola abortiva

• Leggi anche: Zelenskyj ha accolto a braccia aperte il G7 che suggella l’accordo sugli asset russi

• Leggi anche: Raggiungere Biden attraverso il figlio, una strategia rischiosa per Trump

L’ex presidente visita molto raramente la capitale federale americana, città che detesta e dove lo attende un nuovo processo.

Il repubblicano, candidato alle presidenziali di novembre contro il democratico uscente Joe Biden, è arrivato di prima mattina, con il pugno alzato, a un incontro con i parlamentari del suo partito.

Getty Images tramite AFP

Questa colazione viene organizzata a due passi dal Campidoglio, sede del Congresso americano, preso d’assalto dai suoi sostenitori nel gennaio 2021, e dove Donald Trump da allora non si è più più recato.

Giovedì mattina, Donald Trump discuterà di “come i repubblicani possono lavorare insieme sulle misure per salvare l’America”, in particolare attraverso tagli fiscali e un’immigrazione più dura, ha detto all’AFP un funzionario della sua squadra elettorale.


Getty Images tramite AFP

Caos del Campidoglio

Poche ore dopo, il tempestoso settantenne, partito col botto da Washington nel 2021, incontrerà i senatori repubblicani, e in particolare il tenore conservatore Mitch McConnell.

I rapporti tra i due uomini sono gelidi dopo l’assalto al Campidoglio.

In quella fredda giornata di gennaio, migliaia di sostenitori di Donald Trump hanno attaccato la sede del Congresso americano nel tentativo di opporsi alla certificazione dell’elezione di Joe Biden, provocando un caos inimmaginabile.

Mitch McConnell, leader dei repubblicani, ha poi avuto parole molto dure nei confronti di Donald Trump, accusandolo di essere “responsabile” dell’aggressione.


Eletti, grandi capi: Trump a Washington per un'operazione di seduzione

Getty Images tramite AFP

Tuttavia, ciò non ha impedito al senatore ottantenne di schierarsi a sostegno della candidatura del repubblicano alle elezioni presidenziali.

“Ho detto tre anni fa, subito dopo l’attacco al Campidoglio, che avrei sostenuto il nostro candidato (repubblicano), chiunque fosse, compreso lui (Donald Trump)”, ha giustificato in una conferenza stampa questa settimana.

“Uno stand giusto”

Nel mezzo di tutti questi scambi con i parlamentari, Donald Trump incontrerà anche i leader delle più grandi aziende americane, membri dell’organizzazione Business Roundtable.

Il gruppo di pressione, che rappresenta i padroni di Amazon, Apple e McDonald’s, prende regolarmente posizione su temi che riguardano direttamente i suoi membri, come la tassazione o gli accordi commerciali internazionali, ma anche su temi sociali più ampi, come la violenza contro le minoranze.


Eletti, grandi capi: Trump a Washington per un'operazione di seduzione

AFP

Anche Joe Biden è stato invitato a uno scambio con questi boss, ma il presidente democratico è attualmente in viaggio in Italia, per il G7.

Di fronte a questi grandi leader economici, Donald Trump spiegherà nei dettagli come il suo programma “offrirà tagli fiscali, deregolamentazione record, commercio equo, energia abbondante e bassa inflazione”, hanno detto i suoi entourage.

“Donald Trump non sarebbe nemmeno in grado di mantenere una posizione equa, tanto meno il nostro Paese”, ha ribattuto un portavoce della squadra elettorale di Joe Biden, James Singer.

“È un truffatore, un truffatore, un uomo d’affari fallito e un presidente che ha lasciato l’America in rovina”.

-

NEXT Mentre i suoi rivali sono in vacanza, Fortuneo ottiene un bonus FOLLIA gratuito