Gabriel Attal annuncia un inasprimento delle regole “per andare verso la piena occupazione”

Gabriel Attal annuncia un inasprimento delle regole “per andare verso la piena occupazione”
Gabriel Attal annuncia un inasprimento delle regole “per andare verso la piena occupazione”
-

Il Primo Ministro ha confermato sabato 25 maggio che le norme sull’indennità di disoccupazione saranno inasprite a partire dal 1° dicembre. La durata dell’indennità sarà ridotta a 15 mesi “alle condizioni attuali”, cioè se il tasso di disoccupazione resta inferiore al 9%, per i disoccupati di età inferiore a 57 anni.

Le norme sull’indennità di disoccupazione saranno inasprite a partire dal 1° dicembre “per andare verso la piena occupazione” e “valorizzare ancora di più il lavoro”, ha confermato Gabriel Attal in un’intervista pubblicata sabato 25 maggio su La Tribune Dimanche .

La durata dell’indennità sarà ridotta a 15 mesi “alle condizioni attuali”, cioè se il tasso di disoccupazione resta inferiore al 9%, per i disoccupati di età inferiore a 57 anni. E per essere risarcito bisognerà aver lavorato 8 mesi negli ultimi 20 mesi, rispetto ai 6 mesi attuali negli ultimi 24 mesi, ha precisato il capo del governo. Questi elementi confermano le idee esposte questa settimana alle parti sociali dal ministro del Lavoro Catherine Vautrin.

Entrata in vigore il 1° dicembre

Gabriel Attal ha precisato che il governo emanerà un decreto il 1° luglio affinché la riforma “possa entrare in vigore il 1° dicembre”. La modifica delle regole di compensazione richiede l’aggiornamento dei sistemi informativi di France Travail (ex Pôle Emploi), cosa che non può essere effettuata dall’oggi al domani.

Il Primo Ministro ha inoltre confermato la creazione di un “bonus occupazione senior”. Grazie a questa misura “un anziano disoccupato che ritorna a un lavoro meno retribuito del suo precedente potrà cumulare il suo nuovo stipendio con l’indennità di disoccupazione” e “ritroverà così la sua retribuzione iniziale, per un anno”, ha spiegato Gabriele Attal. I sindacati avevano riferito che gli stipendi sarebbero così compensati fino a 3.000 euro.

Consultazione sul sistema di penalizzazione dei contratti brevi

Le système de bonus malus sur les contrats courts, critiqué par le patronat et aujourd’hui limité à sept secteurs d’activité, fera l’objet d’un examen sur “l’opportunité de l’étendre en fonction de l’évaluation à guidare”.

“Incarico (il ministro del Lavoro) Catherine Vautrin di condurre una consultazione per identificare i settori che saranno destinati ad entrare in questo sistema e con quale ritmo”, ha spiegato il capo del governo.

Ricevuto questa settimana dal ministro del Lavoro, il presidente del Medef Patrick Martin ha manifestato il suo “sostegno alla riforma” pur dichiarandosi contrario “ad una generalizzazione o anche ad una semplice estensione del bonus malus”.

Difende le regole degli “incentivi”.

Il presidente del Consiglio, infine, ha confermato l’aggiunta di una nuova soglia per ridurre la durata dell’indennità, già ridotta del 25% da febbraio 2023, ancora di più se il tasso di disoccupazione scende sotto il 6,5%. Non ha specificato quanto. La CGT aveva riferito che questa durata sarebbe stata ridotta in questo caso di ulteriori 15 punti percentuali, ovvero del 40%, il che la avrebbe portata a 12 mesi.

“Per prepararci alla ripresa economica del 2025 che i meteorologi ci annunciano, spero che le regole siano ancora più incentivanti quando la crescita riprenderà e il tasso di disoccupazione diminuirà”, ha affermato Gabriel Attal.

La CGT contraria alla riforma

Per il primo ministro “non si tratta di una riforma dell’economia, ma della prosperità e dell’attività”. “Il guadagno si misurerà in un maggior numero di francesi che lavoreranno e quindi in più finanziamenti al nostro sistema”, ha assicurato. Secondo il Ministero del Lavoro, il governo si aspetta dalla riforma un risparmio di 3,6 miliardi di euro e prevede un aumento “di 90.000 unità nel numero degli occupati”.

Secondo la CGT, solo il rafforzamento delle condizioni di affiliazione consentirebbe di risparmiare 2,8 miliardi. “Si tratta davvero di una misura contro i giovani”, ha reagito Denis Gravouil, negoziatore dell’assicurazione contro la disoccupazione presso la sede centrale di Montreuil, per il quale l’assenza di una decisione sulla proroga del bonus di penalità dimostra che “il governo è totalmente allineato con gli interessi dei giovani”. datori di lavoro.

Utilizzando le parole usate secondo lui da Sophie Binet davanti a Catherine Vautrin, ha giudicato la riforma “criminale”, citando studi sulla salute dei disoccupati e delle persone che li circondano che mostrano “il tasso di suicidio dei disoccupati in fine di vita” diritti è il doppio di quello della popolazione occupata.

Articoli principali

-

NEXT Scopri dove guardare live streaming e trasmissioni televisive in India