Si avvicina il momento del verdetto, diversi gli scenari possibili

Si avvicina il momento del verdetto, diversi gli scenari possibili
Si avvicina il momento del verdetto, diversi gli scenari possibili
-

I 12 giurati del processo contro Donald Trump per pagamenti nascosti a una star del cinema X nel bel mezzo della campagna presidenziale del 2016 inizieranno presto a deliberare per decidere il destino legale dell’ex presidente degli Stati Uniti.

Nel corso del dibattito i giurati hanno ascoltato l’attrice di film porno Stormy Daniels raccontare dettagliatamente il suo incontro e il rapporto sessuale che lei afferma di aver avuto con il miliardario repubblicano nel 2006, e che quest’ultimo nega. L’ex confidente del repubblicano, Michael Cohen, ha assicurato che Donald Trump gli aveva dato il via libera per pagare all’attrice 130.000 dollari affinché lei rimanesse in silenzio su questo episodio, proprio alla fine della campagna presidenziale del 2016. Una versione smentita dalla difesa .

Alla fine la giuria non dovrà dire se la relazione abbia avuto luogo o se fosse legale pagare l’attrice. In sostanza, la questione sarà: Donald Trump è stato colpevole o meno di 34 falsificazioni di documenti contabili per occultare il rimborso di tale somma a Michael Cohen, nel corso del 2017. Per l’accusa questi reati si concretizzano in fatture false, assegni e falsificazioni. registrazioni nei libri contabili del gruppo Trump Organization.

Per dichiarare colpevole Donald Trump, i giurati dovranno essere convinti che questi documenti falsi fossero destinati a nascondere un altro crimine. L’accusa è di frode elettorale, considerato che i 130.000 dollari che hanno permesso di nascondere informazioni agli elettori costituiscono una donazione o una spesa illegale per la campagna elettorale. Una manifestazione che rischia di “sconcertare alcuni giurati”, stima un professore di diritto americano.

Un altro scenario è possibile: i 12 giurati potrebbero accordarsi su una constatazione di disaccordo. Il processo verrebbe annullato e Donald Trump potrebbe rivendicare la vittoria. Ma sarebbe solo temporaneo, perché verrebbe organizzato un altro processo a meno che la procura di Manhattan non ritiri le accuse. Resta da vedere se questo nuovo processo avrà luogo prima delle elezioni presidenziali del 5 novembre.

Per condannare un imputato penale, la legge statunitense richiede che i giurati siano convinti oltre ogni ragionevole dubbio. La difesa, quindi, ha solo bisogno che un giurato si rifiuti di condannare Donald Trump per offrirsi una vittoria, o una tregua. I 12 giurati e le loro risposte alle domande durante il processo di selezione sono stati esaminati attentamente da osservatori. Uno di loro ha citato il social network di Donald Trump, Truth Social, tra i media che ha visitato. Ma a New York, roccaforte democratica, tutti hanno promesso che avrebbero giudicato in modo imparziale il 45esimo presidente degli Stati Uniti.

Se Donald Trump verrà giudicato colpevole, toccherà al giudice Juan Merchan stabilire la sentenza qualche settimana dopo. In teoria il carcere è possibile, la falsificazione di documenti contabili può essere punita fino a 4 anni nello Stato di New York. Ma di fronte a un condannato per la prima volta che ha quasi 78 anni, il magistrato può anche attenersi a una pena alternativa come la pena sospesa con libertà vigilata o il servizio sociale. È possibile anche una multa pecuniaria. In ogni caso potrà ricorrere in appello, il che probabilmente avrebbe l’effetto di sospendere la pena detentiva.

Una condanna penale non gli impedirebbe di candidarsi alle elezioni presidenziali del 5 novembre. Ma causerebbe un terremoto politico. Resta da vedere quale effetto avrebbe sull’elettorato repubblicano e sugli elettori indecisi.

-

PREV Perché gli abitanti del Quebec hanno difficoltà finanziarie?
NEXT Attal dice di voler lottare per “evitare il peggio”