il Kennedy che vuole far esplodere le elezioni presidenziali

il Kennedy che vuole far esplodere le elezioni presidenziali
il Kennedy che vuole far esplodere le elezioni presidenziali
-

Quanto è ingombrante! Biden e Trump si erano appena accordati sulla data del dibattito quando Robert Francis Kennedy Junior (RFK Jr), con il 10% di intenzioni di voto, vorrebbe unirsi al partito. L’asino blu (democratico) esita e l’elefante rosso (repubblicano) tromba, ma “Bobby” persiste e firma: “Stanno cercando di escludermi perché hanno paura che vinca. » Questo autunno, Joe Biden ha rifiutato di contestare il suo titolo di candidato naturale del campo democratico, desiderando rimuovere Kennedy dalla corsa. Questo non è caduto nel fosso: è deciso, farà da solo.

Divieto di TikTok negli Stati Uniti: quali lezioni si possono trarre dalla legge firmata da Joe Biden?

Nella galassia di Jill Stein, Cornel West e altri senza etichetta che puntano alla carica più alta, l’ex vice procuratore distrettuale di Manhattan è di gran lunga il più popolare. Non ancora abbastanza per affascinare 270 elettori – poco più della metà dei 538 capi del collegio elettorale – e impadronirsi delle chiavi di Washington. Ma quanto basta per accaparrarsi una manciata di voti periferici e far deragliare uno dei due mostri sacri, in una votazione che si preannuncia ultra-ravvicinata. Un piccolo passo alla volta, RFK Jr sta tracciando il suo terzo percorso e cinque stati confermano che è nel loro scrutinio. Tra questi, Delaware, Utah e, ​​soprattutto, Michigan, che rischia di essere il principale campo di battaglia in un’elezione presidenziale in cui ogni voto perso per Biden rappresenta un nuovo gradino nella scala trumpista.

Né Trump né Biden

“I candidati di terze parti influenzano la corsa punendo il candidato più vicino a loro”, ha scritto l’editorialista politico Jonathan Chait nel Rivista di New York il 9 maggio. Ma a chi somiglia di più Kennedy? Questo fervente sostenitore di Israele, originariamente democratico, ha alienato la sua famiglia politica opponendosi al grand sachem. Peggio ancora, ha aggiunto benzina sul fuoco dicendo di Joe Biden che lo è “la peggiore minaccia per la democrazia”. In caso di duello bipartisan, il vantaggio è ora dato a Trump. Ma se il ballottaggio venisse esteso ai candidati più piccoli, a vincere sarebbe l’attuale presidente. Un rapporto commissionato da L’economista e pubblicato quest’inverno prevede anche questo “Il 61% dei repubblicani vede Kennedy favorevolmente, rispetto solo al 33% dei democratici”. Una prospettiva minacciosa per l’orco di Mar-a-Lago, visto che, colpendo l’attuale inquilino della Casa Bianca, RFK Jr seduce i trumpisti. “Quasi tutti gli elettori temono abbastanza l’altra parte da evitare di votare per un terzo candidato” nel D-Day, mette in prospettiva il politologo Stephen Farnsworth, dell’Università di Mary-Washington.

In un’America mortificata dal dover ripetere il casting senior del 2020, il settantenne vuole comunque credere che catalizzerà gli indecisi. E spera di convincere in giro con il biglietto che condivide con i suoi” veep » al potere, Nicole Shanahan, arrivata dalla Silicon Valley. “La qualità principale di Kennedy è che non è né Trump né Biden, quindi è meno polarizzante” riassume Fanny Lauby, professoressa alla Montclair State University. L’anticonformista lavora così sul corpo di un elettorato variegato. Nel suo mirino: un miscuglio eterogeneo di delusi dal sistema bipartitico, diffidenti nei confronti delle istituzioni, autodidatti che si istruiscono online e veri outsider, il tutto condito da una generosa dose di teorie del complotto. “Tra due candidati provenienti da partiti tradizionali e apparentemente impopolari, Kennedy potrebbe trovare un posto attirando gli elettori meno propensi a votare”, analizza Fanny Lauby.

Un nome per governarli

Con una linea politica opaca e talvolta contraddittoria – colpa del parassita che un tempo gli mangiava il cervello? -, Kennedy Junior sceglie gli ingredienti a destra e a manca per addensare meglio il suo brodo, anche se questo significa mescolarlo in tutte le direzioni. Lui che nell’agosto 2023 aveva sostenuto il divieto federale dell’aborto a partire dai tre mesi di gravidanza, ora si oppone a qualsiasi limitazione governativa dell’aborto “quando il bambino è vitale fuori dall’utero”. Lo stesso vale per l’ambiente, dal momento che l’ex difensore dei fiumi, che nel 2014 aveva denunciato l’inerzia politica nella lotta al cambiamento climatico, ora confida nel libero mercato per ridurre le emissioni di carbonio. Una vergogna per questo ambientalista dalla voce roca, uno dei più influenti del Paese. Diverse importanti associazioni ambientaliste americane si sono dissociate dall’avvocato “negazionista della scienza”, invitandolo in una lettera aperta a smettere di correre ” pericolosa “ e favorevole alla rielezione di un Trump devastante sul piano ecologico. A questo si aggiunge il discorso complottista di RFK Jr ai tempi della pandemia di Covid-19, quando parlò di virus “bersaglio etnico” ed era alla disperata ricerca di un vaccino “mortale”. Il fondatore di Children’s Health Defense, una virulenta piattaforma di disinformazione ai tempi del coronavirus, stabilisce da quindici anni un collegamento – errato – tra vaccinazione e autismo.

Il marchio Kennedy potrebbe però giocare a suo favore, permettendo all’ex democratico di affermarsi “punteggi onorevoli in cinque o sei stati grazie al suo nome”, sottolinea Barbara Perry, specialista della dinastia e professoressa all’Università della Virginia. Bobby » non esita più a commerciare sul sacro cognome, con grande sgomento del clan familiare che lo ha sconfessato doppiando Joe Biden quest’inverno. Il suo cugino di secondo grado – e unico nipote di JFK – definì la sua campagna a “progetto vanità”. A quasi sessant’anni dall’assassinio di due pilastri della mitologia politica americana, John Fitzgerald (lo zio) e Robert Francis (il padre), Junior vorrebbe reinstallare lo stemma alla Casa Bianca, per un mandato completo. Storia di sventare la maledizione.

-

PREV Fussgängerin von Auto erfasst und verstorben
NEXT Scopri dove guardare live streaming e trasmissioni televisive in India