È necessaria una revisione urgente del sistema educativo nazionale

È necessaria una revisione urgente del sistema educativo nazionale
È necessaria una revisione urgente del sistema educativo nazionale
-

La recente pubblicazione del World Bank Education Assessment – ​​una valutazione globale globale basata su standard internazionali – ha lanciato un forte campanello d’allarme per i college e le università malesi.

In risposta, i nostri sultani e i ministri statali dell’istruzione stanno sostenendo una completa riprogettazione dei programmi di studio e dei programmi di studio in tutto il sistema educativo nazionale.

Esploriamo queste raccomandazioni e le tendenze previste per raggiungere l’eccellenza nell’istruzione.

Apparso sulla prima pagina di un giornale recentemente intitolato “Clarion call per un’istruzione di qualità”, il reggente di Johor, Tunku Mahkota Ismail, ha esortato il governo nazionale ad apportare miglioramenti significativi al curriculum educativo, garantendo che i laureati malesi siano competitivi a livello globale.

Ha aggiunto che se non verranno apportati cambiamenti a livello nazionale, Johor è pronto a essere il primo stato a modificare il proprio programma scolastico.

In Sarawak, i funzionari statali stanno anche promuovendo programmi di doppia lingua per le loro scuole. Hanno sottolineato che coloro che trarranno maggior beneficio dalle critiche costruttive sono coloro che ascoltano con una mente aperta e utilizzano i suggerimenti per apportare aggiustamenti positivi.

Tunku Ismail ha anche affermato: “Se non possiamo accettare i fatti contenuti nel Rapporto della Banca Mondiale, non dovremmo lamentarci se la nostra generazione futura sarà meno competitiva rispetto ai loro coetanei nel mercato globale”.

Inoltre, Tunku Ismail ha anche rilasciato una forte dichiarazione contro l’uso della religione come strumento politico per manipolare l’istruzione o seminare divisioni.

Il Rapporto della Banca Mondiale ha rilevato che, nonostante la notevole spesa pubblica, i laureati malesi sono significativamente indietro rispetto ad altri paesi nei settori della lettura, scrittura, matematica e scienze.

Di conseguenza, la Malesia sta producendo migliaia di laureati con titoli di studio significativi, portando a una disoccupazione diffusa. Molti con titoli di studio avanzati si riducono a lavorare come addetti alle consegne o autisti solo per sbarcare il lunario.

Altri scelgono di vivere a Johor e si spostano quotidianamente in moto a Singapore, dove la paga è migliore e il tasso di cambio è più favorevole. In entrambi gli scenari, la Malesia è il perdente economico.

I miglioramenti al nostro sistema educativo devono concentrarsi sull’istruzione prescolare per i bambini di tre e quattro anni e sulla competenza linguistica in più di una lingua aggiungendo l’inglese e/o il cinese al curriculum obbligatorio.

Inoltre, le materie STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) devono avere solide basi stabilite fin dai primi anni.

Dovrebbero essere inclusi corsi sul valore della diversità e sulla comprensione interculturale. L’accento dovrebbe essere posto anche sull’alfabetizzazione finanziaria, che è molto vantaggiosa.

Dobbiamo creare un ambiente avanzato di intelligenza artificiale (AI), concentrandoci sulle competenze tecniche globali. Ciò darà ai nostri studenti un vantaggio verso un futuro di successo.

Inoltre, dovremmo esplorare le principali tendenze e le idee innovative che daranno forma all’istruzione globale nel 2024.

Per i gradi fondamentali, gli aspetti chiave includono:

1. Ridurre le barriere all’iscrizione per rendere l’istruzione pubblica facilmente accessibile a tutti.

2. Aumentare i servizi di supporto agli studenti (come tutoraggio, test della vista e dell’udito e consulenza) per ridurre i tassi di ripetenza e di abbandono scolastico.

3. Migliorare significativamente la qualità e la pertinenza di tutti i programmi accademici.

Per l’istruzione di livello superiore, dovremmo concentrarci su sei aree cruciali:

1. Promuovere una maggiore diversità nella popolazione studentesca e nel personale accademico per favorire l’eccellenza accademica e ridurre il divario di opportunità. Riconoscendo il valore della diversità etnica e razziale, gli educatori dovrebbero insegnare le competenze necessarie per abbattere le barriere verso una diversificazione significativa. Ciò migliorerà l’eccellenza accademica e preparerà gli studenti alla competitività internazionale.

2. Aumentare le opzioni per gli studenti non tradizionali nei college e nelle università. Molti di questi studenti sono dipendenti a tempo pieno, genitori o pensionati che cercano di riqualificarsi o migliorare le proprie competenze per il mercato del lavoro di oggi.

3. Sviluppare programmi di apprendimento misto stimolanti e di alta qualità presso gli istituti di istruzione superiore. Ciò include una varietà di opportunità di apprendimento in classe insieme a una più ampia selezione di formati di apprendimento online come conferenze Zoom e webinar.

4. Stabilire solidi sistemi di supporto per assistere gli studenti nella gestione delle sfide legate alla salute mentale. I programmi dovrebbero essere progettati per affrontare la gestione dello stress, la depressione, i disturbi alimentari e altri problemi di salute mentale che ostacolano il progresso accademico.

5. Dare priorità agli sforzi per colmare il divario di competenze. Come ha affermato Mauricio Macri, ex presidente dell’Argentina, al G20 del 2017, “il futuro del lavoro di oggi è una gara tra tecnologia e istruzione”, un sentimento ancora più attuale oggi. La collaborazione tra istituti di istruzione superiore e aziende è una strategia promettente per affrontare la crescente crisi delle competenze. Le partnership aziendali con i dipartimenti dei servizi per la carriera universitaria possono facilitare tirocini e programmi intensivi, portando potenzialmente a un impiego a tempo pieno dopo la laurea.

6. Affrontare la tendenza pervasiva dell’intelligenza artificiale e le sue profonde implicazioni per ogni ambito professionale. L’accesso a un’istruzione di qualità sull’intelligenza artificiale rimane una sfida nonostante la sua crescente integrazione negli ambienti universitari per automatizzare attività dispendiose in termini di tempo e dedicare tempo ai docenti per il coinvolgimento degli studenti. Sebbene gli istituti di istruzione superiore riconoscano il ruolo chiave dell’IA nei prossimi anni, la ricerca indica che solo il 41% ha una chiara strategia di sviluppo dell’IA in atto. Superare le barriere relative ai costi è fondamentale e richiede una visione e una strategia di bilancio che dia priorità alla formazione sull’intelligenza artificiale nei programmi di studio. Ciò è essenziale per coltivare una forza lavoro competitiva e all’avanguardia nell’economia globale.

È imperativo che noi, insieme ai nostri leader e funzionari pubblici, teniamo conto dei risultati del Rapporto della Banca Mondiale e implementiamo aggiornamenti essenziali al nostro sistema educativo nazionale.

Sebbene il nostro Paese abbia un potenziale immenso, le attuali carenze del nostro sistema educativo stanno limitando i risultati della nostra generazione futura.

Osiamo sognare in grande e attuare i cambiamenti necessari per garantire le migliori opportunità a tutti gli studenti della Malesia.

Offrendo ammissioni universitarie a livello universale, fornendo borse di studio secondo necessità, eliminando sistemi di quote discriminatorie basate su razza, religione o etnia, consentendo libertà nella scelta delle aree di studio e offrendo pari riconoscimento per risultati eccezionali, possiamo trattenere i nostri talenti migliori e più brillanti in Malesia.

Abbiamo la capacità per raggiungere questo obiettivo. Lavoriamo insieme per aprire la strada a un futuro brillante.

Commenti: [email protected]

-

PREV Il cellulare in classe, più distrazione che beneficio
NEXT Boxe: Ryan Garcia richiede che il suo campione B venga testato