Migliaia di persone sono state evacuate mentre il fuoco minacciava l’avvicinarsi della città petrolifera

Migliaia di persone sono state evacuate mentre il fuoco minacciava l’avvicinarsi della città petrolifera
Migliaia di persone sono state evacuate mentre il fuoco minacciava l’avvicinarsi della città petrolifera
-

Gli incendi minacciano nuovamente il Canada. Martedì, a diverse migliaia di residenti nella città di Fort McMurra è stato ordinato di evacuare a causa dell’avvicinarsi di un incendio.

Situata nell’Alberta (ovest), questa città di 70.000 abitanti è doppiamente conosciuta perché è il centro della produzione petrolifera del Canada e anche il simbolo del più grande disastro nella storia del paese, in termini di distruzione, dopo essere stata parzialmente devastata dalle fiamme nel 2016 .

I residenti si affrettano ad evacuare

“Stiamo osservando un comportamento estremo dell’incendio” che “viene spinto verso la città dal vento”, ha detto Josée St-Onge, portavoce dei vigili del fuoco dell’Alberta, durante una conferenza stampa.

Questo incendio, che ha già consumato 9.600 ettari di foresta, si trova ora a soli 13 chilometri dalla città. Tutti i quartieri del sud (Prairie Creek, Abasand, Grayling Terrace e Beacon Hill) hanno quindi ricevuto un ordine di evacuazione martedì a mezzogiorno.

Alla fine del pomeriggio, sotto un cielo oscurato dal fumo degli incendi boschivi, enormi file di auto si sono accalcate sull’autostrada per lasciare la zona. Molti residenti sono ancora traumatizzati dal caos che ha circondato l’evacuazione di 90.000 residenti nel 2016 attraverso l’unica strada di accesso alla città circondata dalla foresta.

“Asset collocati per rispondere alla situazione”

“Sono molto in ansia perché nel 2016 il mio appartamento è andato a fuoco, quindi sto rivivendo tutto questo”, dice Ashley Russell, residente a Fort McMurray. Quest’ultima non vive in un quartiere evacuato ma ha già preparato le sue “valigie”, per non farsi trovare impreparata come otto anni fa. “Sono pronto per andare. »

Il capo dei vigili del fuoco della regione, Jody Butz, ha voluto però rassicurare la popolazione, affermando che “l’attività degli incendi è molto diversa da quella del 2016”. “Abbiamo risorse abbondanti e siamo ben posizionati per rispondere alla situazione”, ha affermato.

Dopo aver vissuto lo scorso anno la peggiore stagione degli incendi della sua storia, il Canada ha vissuto uno dei suoi inverni più caldi, con poca neve in molte regioni. Condizioni di siccità gravi o estreme in gran parte del paese fanno temere un’altra estate apocalittica.

-

PREV Il prezzo di questa maglia iconica scende con la stessa rapidità delle sue scorte con questo sconto senza precedenti
NEXT “Ci sono buone probabilità che sia l’ultima”: verso il ritiro dopo il Roland-Garros per Rafael Nadal?