Gli scienziati hanno trovato un pianeta incandescente. E’ “esplodendo costantemente”.

Gli scienziati hanno trovato un pianeta incandescente. E’ “esplodendo costantemente”.
Gli scienziati hanno trovato un pianeta incandescente. E’ “esplodendo costantemente”.
-

Gli astronomi hanno scoperto un pianeta davvero torturato. Ti renderà grato per la Terra.

In un sistema solare distante circa 66 anni luce, i ricercatori hanno utilizzato il Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA per individuare un mondo ricoperto di vulcani, nuovo per la scienza. È ricoperto di vulcani perché gli altri due pianeti di questo sistema lo hanno forzato in un’insolita orbita ellittica, che trascina e stringe il mondo, agitandone l’interno.

La situazione nello spazio profondo è simile a ciò che sta accadendo sulla luna di Giove, Io, una sfera che è implacabilmente bloccata in un tiro alla fune tra le vicine lune gioviane. Questa dinamica comprime e allunga Io, alimentando la lava che fuoriesce dai vulcani.

“Questo è un pianeta terrestre che descriverei come Io sotto steroidi”, Stephen Kane, astrofisico planetario della UC Riverside, detto in un comunicato. “È stato costretto in una situazione in cui esplode costantemente con i vulcani. Alle lunghezze d’onda ottiche saresti in grado di vedere un pianeta incandescente e rovente con una superficie di lava fusa.”

GUARDA ANCHE:

La NASA ha trovato una super-Terra. È in un posto allettante.

Persino i nostri telescopi più potenti non riescono a catturare una visione dettagliata di un mondo distante molti anni luce (un anno luce è quasi 6 trilioni di miglia), eppure lo strumento TESS della NASA è progettato per rilevare piccoli cambiamenti nella luce e può vedere quando un pianeta passa davanti alla sua stella, il che si traduce in un oscuramento temporaneo. Ciò porta alla scoperta di mondi oltre il nostro sistema solare, chiamati esopianeti.

Velocità della luce mashable

“È stato costretto in una situazione in cui esplode costantemente con i vulcani.”

Nella nuova ricerca sul mondo dei vulcani, recentemente pubblicata su Il giornale astronomicoKane e il team mostrano come due pianeti esterni più grandi in questo sistema solare (soprannominati “HD 104067”) esercitano una forte influenza gravitazionale sul pianeta interno, costringendolo in un’orbita eccentrica che alla fine schiaccia il mondo torturato, generando calore e geologia intensiva. attività.

La superficie è a 2.600 gradi Kelvin, o circa 4.220 gradi Fahrenheit, molte volte più calda di un forno per pizza. (La superficie del sole è di oltre 10.000 gradi F.)

La concezione artistica di un pianeta roccioso ricoperto di lava fusa, in orbita vicino alla sua stella.
Crediti: NASA/ESA/CSA/Dani Player (STScI)

Finora, gli astronomi hanno confermato oltre 5.600 esopianeti, la maggior parte dei quali sono mondi inospitali. Alcuni addirittura piovono metallo. Circa 200 sono mondi rocciosi come la Terra o Marte. Gli scienziati planetari sono particolarmente interessati a trovare pianeti rocciosi che orbitano nella rispettiva “zona abitabile” del loro sistema solare, una regione temperata dove potrebbe esistere acqua liquida.

Non ci sono ancora prove che esista vita oltre la Terra, ma i mondi simili alla Terra sono un posto intelligente in cui guardare.

-

PREV Die Beatrice Egli Show am 18.5.24: Gäste, Termine und Übertragung im TV oder Stream
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez