cinque navi cinesi rilevate in “acque limitate” intorno all’isola

cinque navi cinesi rilevate in “acque limitate” intorno all’isola
cinque navi cinesi rilevate in “acque limitate” intorno all’isola
-

La Cina continua la sua strategia intimidatoria nei confronti di Taiwan. Martedì sono salpate cinque navi cinesi “si sono riuniti a sud di Kinmen e [ont] penetrato nelle nostre acque » alle 15:00 (07:00 GMT), ha detto l’unità della Guardia costiera di Taiwan che pattuglia l’area. Questi ultimi hanno “ha inviato rapidamente navi pattuglia e ha applicato fermamente la legge”, hanno comunicato. E per aggiungere: “Sotto le nostre costrizioni, le navi della guardia costiera cinese hanno lasciato le acque ristrette del paese alle 17:09.”

Negli ultimi mesi, le guardie costiere cinesi sono apparse spesso nelle acque di Kinmen, un’isola dipendente da Taipei situata a cinque chilometri dalla città cinese di Xiamen. Secondo le forze taiwanesi, l’incidente di questo martedì rappresenta anche la quinta intrusione della guardia costiera cinese nelle acque intorno all’isola nel mese di maggio.

Più in generale, la Cina mantiene una presenza militare quasi quotidiana attorno a Taiwan, inviando aerei e navi da guerra. Giovedì scorso, il Ministero della Difesa e la Guardia Costiera di Taiwan hanno dichiarato di aver rilevato dozzine di aerei da combattimento e navi da guerra cinesi nel territorio dell’arcipelago autonomo. Per la Guardia Costiera taiwanese, queste le azioni “pregiudica seriamente la sicurezza marittima e compromette la pace e la stabilità attorno allo Stretto di Taiwan”.

“Chiediamo alla Cina di mostrare moderazione e di fermare immediatamente questo comportamento irrazionale”, hanno aggiunto.

Per la Cina, nulla può impedire la riunificazione con Taiwan, nemmeno “l’interferenza” degli Stati Uniti

Pochi giorni prima dell’insediamento del presidente taiwanese

Questo incidente avviene meno di una settimana prima dell’insediamento del presidente eletto di Taiwan Lai Ching-te, previsto per il 20 maggio. L’attuale vicepresidente è considerato a “pericoloso separatista” dal governo cinese. Questi dispiegamenti di navi cinesi intorno a Taiwan sono aumentati dopo le elezioni presidenziali, tenutesi il 13 gennaio. Perché, come il suo predecessore Tsai Ing-wen, Lai Ching-te respinge le richieste della Cina, che considera Taiwan come parte del suo territorio da riconquistare un giorno, con la forza, se necessario. La sua venuta al potere non è quindi vista di buon occhio da Pechino, che ha dichiarato che lo porterebbe “Guerra e declino » da Taiwan.

La Cina non sta solo cercando di intimidire Taiwan. Nelle acque del Mar Cinese Meridionale, anche le navi cinesi si sono scontrate con le navi filippine. Perché Pechino rivendica la sovranità sulla quasi totalità di questo specchio d’acqua, attraverso il quale ogni anno passano miliardi di dollari di merci. E allo stesso tempo, altri paesi vicini – come Taiwan e le Filippine ma anche Vietnam, Malesia e Brunei – hanno rivendicazioni concorrenti, a volte sovrapposte. Solo che alla Cina non importa e ha centinaia di navi della guardia costiera e della marina che pattugliano lì per creare tensione.

Giappone, Filippine e Stati Uniti rafforzano i legami di fronte al “comportamento pericoloso e aggressivo” della Cina

Rischio di escalation

Resta il fatto che molti di questi dispiegamenti si sono conclusi con la morte. Il 14 febbraio, un motoscafo cinese che trasportava quattro persone si è capovolto vicino a Kinmen mentre la guardia costiera taiwanese lo inseguiva, uccidendo due persone. Un’altra imbarcazione cinese si è capovolta nella zona a marzo, uccidendo anche due membri dell’equipaggio. E all’inizio di maggio, le Filippine hanno accusato la Guardia costiera cinese di aver danneggiato una barca della Guardia costiera filippina e un’altra dell’Ufficio della pesca sparando con cannoni ad acqua vicino alla barriera corallina di Scarborough, controllata dalla Cina ma rivendicata attraverso Manila.

Questi incidenti fanno temere un conflitto in quest’area, che potrebbe coinvolgere gli Stati Uniti. Questi ultimi sono infatti alleati delle Filippine e hanno recentemente stanziato una dotazione di assistenza militare di 8 miliardi di dollari per Taiwan. La pressione è tale che qualsiasi piccolo evento potrebbe innescare un’escalation di tensione.

(Con AFP)

-

PREV Piton de la Fournaise: arresto dell’inflazione dell’edificio, un’eruzione attesa da tempo
NEXT Liberazione di Plémet: dove vedere il film La Colonna Infernale?