Punti salienti del dodicesimo giorno del processo del silenzio di Donald Trump

Punti salienti del dodicesimo giorno del processo del silenzio di Donald Trump
Punti salienti del dodicesimo giorno del processo del silenzio di Donald Trump
-


New York
CNN

Lunedì i pubblici ministeri del processo del silenzio di Donald Trump si sono tuffati nelle tracce cartacee del loro caso, rivelando ai giurati esattamente come Michael Cohen è stato ripagato dal fondo fiduciario e dai conti personali di Trump nel 2017 dopo aver pagato il silenzio a Stormy Daniels.

La testimonianza di due dipendenti di lunga data della Trump Organization che hanno lavorato ai rimborsi a Cohen nel 2017 ha consentito ai pubblici ministeri di concentrarsi esplicitamente sui 34 capi di imputazione di documenti aziendali falsificati.

Ma prima che l’accusa presentasse le prove chiave, il giudice Juan Merchan ha esplicitamente avvertito che avrebbe gettato in prigione l’ex presidente se avesse nuovamente violato l’ordine di riservatezza nel caso.

E alla fine della giornata di lunedì, l’ufficio del procuratore distrettuale di New York ha accennato a come stanno le cose in generale, dicendo al giudice che stimano di avere circa due settimane rimanenti per testimoniare nel loro caso.

Ecco i punti salienti del dodicesimo giorno del processo per il silenzio di Trump:

Merchan ha iniziato la sessione di lunedì annunciando di aver ritenuto Trump oltraggioso per aver violato l’ordine di silenzio per la decima volta, dopo averlo licenziato la settimana scorsa per nove violazioni citate dai pubblici ministeri. Ogni violazione comportava una multa di 1.000 dollari, il massimo consentito dalla legge di New York.

Lunedì, pur avendo multato Trump solo per una violazione, il giudice ha ritenuto che fosse sufficiente lanciare un forte avvertimento: avrebbe messo Trump in prigione se non si fosse fermato.

“Sig. Trump, è importante capire che l’ultima cosa che voglio fare è metterti in prigione”, ha detto Merchan a Trump.

Il giudice ha continuato dicendo di essere “consapevole delle implicazioni più ampie di tale sanzione. La portata di tale decisione non è unilaterale”. Ma il giudice ha affermato che il suo compito è quello di “proteggere la dignità del sistema giudiziario e imporne il rispetto”.

“Le vostre continue violazioni dell’ordine legale di questa Corte minacciano di interferire con l’amministrazione della giustizia in attacchi costanti, che costituiscono un attacco diretto allo stato di diritto. Non posso permettere che ciò continui”, ha detto Merchan. “Anche se non voglio imporre una sanzione carceraria, e ho fatto tutto il possibile per evitarlo, voglio che capiate che lo farò, se necessario e opportuno”.

Trump stava guardando Merchan mentre parlava e ha scosso la testa quando la corte ha fornito una copia cartacea dell’ordinanza del giudice.

Quell’ordine di silenzio impedisce a Trump di commentare testimoni, personale del tribunale o giuria. Trump non è stato accusato di aver violato l’ordine di silenzio nei giorni successivi alla seconda udienza davanti al giudice. Ma se i pubblici ministeri alla fine sollevassero un’altra violazione prima della fine del processo, Merchan dovrà prendere una decisione consequenziale.

I giurati vedono assegni, fatture e libri al centro delle accuse

La testimonianza di lunedì di due testimoni è stata importante perché i giurati hanno visto documenti che i pubblici ministeri affermano essere stati falsificati in modo che Cohen potesse essere risarcito per il pagamento del silenzio a Daniels.

Formare la Trump Org. Il controllore Jeffrey McConney ha testimoniato delle fatture di $ 35.000 che ha elaborato a Cohen come rimborso per il pagamento del silenzio di $ 130.000. Mese dopo mese, McConney ha confermato di aver ricevuto un’e-mail contenente la fattura di Cohen per $ 35.000, che la Trump Org. sostenute erano “spese legali”.

Ha inoltre confermato di aver inviato la fattura alla Trump Org. la dipendente della contabilità fornitori Deborah Tarasoff di tagliare l’assegno.

“Per favore, paga dal Trust. Posta alle spese legali. Metti “acconto per i mesi di gennaio e febbraio 2017″ nella descrizione”, ha scritto McConney a Tarasoff in un’e-mail di febbraio 2017.

03:27 – Fonte: CNN

“Davvero straordinario”: il giornalista della CNN smentisce la minaccia del giudice a Trump

Tarasoff in seguito testimoniò di aver staccato gli assegni dal conto personale di Trump e di averli inviati a Washington, DC, per essere firmati da Trump alla Casa Bianca.

I giurati hanno visto le fatture, i registri aziendali, i voucher e gli stessi assegni, che sono stati pagati per i primi tre mesi dal Donald J. Trump Revocable Trust e poi dal conto personale di Trump per gli ultimi nove mesi.

Ad ogni pagamento, i pubblici ministeri hanno notato che il denaro veniva prelevato dal conto “51505” della Trump Org. – ovvero spese legali – anche se Cohen veniva ripagato per il pagamento del silenzio.

Tali documenti erano collegati ai 34 capi d’imputazione contro Trump nell’accusa, che accusava Trump di aver “fatto e causato una falsa iscrizione nei registri aziendali di un’impresa”, attraverso assegni, fatture, buoni e voci di registro utilizzate per ripagare Cohen.

La testimonianza di McConney e Tarasoff potrebbe essere stata più secca di ciò che i giurati hanno appreso sul mondo dei tabloid e sugli scandali delle celebrità da David Pecker e Keith Davidson, ma è ciò che i giurati hanno bisogno di sentire mentre considerano il destino di Trump.

I giurati hanno visto appunti scritti a mano dall’ex Trump Org. Il CFO Allen Weisselberg e McConney nel gennaio 2017 hanno calcolato un pagamento a Cohen per un totale di $ 420.000.

I calcoli di Weisselberg sono stati scritti a mano direttamente su un estratto conto dell’ottobre 2016 per Essential Consultants – Cohen’s LLC – inclusa una voce per il bonifico di $ 130.000 all’allora avvocato di Stormy Daniels, Davidson, legato all’accordo segreto con la star del cinema per adulti per coprire una relazione . (Trump nega che i due abbiano avuto una relazione.)

McConney ha illustrato alla giuria i calcoli scritti, spiegando che includevano rimborsi per 50.000 dollari in servizi tecnologici e bonifici bancari di 130.000 dollari, che sono stati “ingrossati” a 360.000 dollari per tenere conto delle tasse su quel denaro.

L’ex controllore ha anche riconosciuto che i rimborsi spese non costituiscono reddito imponibile, quindi non aveva senso contabilizzarli così come erano.

I $ 420.000 includevano anche un bonus di $ 60.000 per Cohen e dovevano essere pagati in rate mensili da $ 35.000.

McConney non ha collegato la voce di $ 130.000 sull’estratto conto all’accordo del silenzio, verificando di non conoscere alcun dettaglio sul piano di rimborso a Cohen – solo che Cohen aveva bisogno di essere rimborsato.

McConney ha picchiato Cohen alcune volte sul banco dei testimoni, così come hanno fatto molti altri testimoni del processo che hanno testimoniato finora. McConney, quando gli è stato chiesto se Cohen fosse un avvocato nel 2017, ha risposto sarcasticamente “certo” e “OK”.

Nel controinterrogatorio, l’avvocato di Trump, Emil Bove, ha allontanato Trump dalla documentazione cartacea, confermando con McConney di non aver mai parlato con Trump della struttura di pagamento per il rimborso di Cohen.

Il dirigente contabile di lunga data di Trump ha testimoniato che spesso non era privato delle conversazioni tra Trump e il suo ex capo Weisselberg. Durante la deposizione ha convenuto che a volte gli veniva chiesto di fare cose di cui non era a conoscenza.

TrumpOrg. è il pagamento legale delle bollette di McConney, anche se è andato in pensione l’anno scorso dopo circa 45 anni con la compagnia di Trump.

02:12 – Fonte: CNN

Scopri cosa devono dimostrare i pubblici ministeri per condannare Trump

Tarasoff testimonia sugli assegni di Trump, firmati (in pennarello) e non firmati

Tarasoff, che lavora ancora nel settore della contabilità fornitori, ha testimoniato che Trump non sempre firmava gli assegni che lei tagliava. Lunedì pomeriggio ha detto allo stand che a volte Trump stornava gli assegni con il suo caratteristico pennarello nero.

“Se non voleva firmarlo, non lo ha firmato”, ha detto Tarasoff.

Durante il controinterrogatorio, l’avvocato di Trump, Todd Blanche, ha chiarito con Tarasoff che lei non era presente alle conversazioni tra Weisselberg e Trump: non ha ottenuto il permesso da Trump di generare gli assegni a Cohen mostrati in tribunale e non è a conoscenza di cosa sia successo con il assegni dopo averli spediti alla Casa Bianca.

Ma lei li ha ricevuti indietro per posta firmata e poi li ha pagati a Cohen.

Durante gran parte delle prime due settimane di testimonianza, Trump si è spesso appoggiato allo schienale della sedia, ha chiuso gli occhi e sembrava ignorare le discussioni su presunti affari e mettere a tacere i pagamenti in denaro.

Lunedì, invece, seduto al tavolo dell’imputato, ha assunto una posa diversa.

Trump si è rivolto a McConney e Tarasoff mentre testimoniavano, osservandoli più da vicino rispetto alla maggior parte dei testimoni precedenti. Entrambi i testimoni hanno lavorato per Trump per decenni – Tarasoff lavora ancora per la Trump Org. – e la loro testimonianza si è concentrata sugli affari di Trump, piuttosto che su argomenti di cui Trump forse preferirebbe non sentire parlare.

Trump ha sorriso quando McConney ha ricordato la storia di Trump che una volta gli aveva detto scherzosamente “Sei licenziato” dopo che McConney aveva consegnato un rapporto in cui i suoi saldi di cassa erano in calo.

“Ha detto: ‘No, concentrati sulle mie bollette’. Negoziare le mie fatture. Guarda le mie fatture.” È stato un momento di insegnamento”, ha spiegato McConney.

Trump si è girato completamente sulla sedia per guardare la testimonianza di Tarasoff quando il suo avvocato, Blanche, ha iniziato il controinterrogatorio della Trump Org. dipendente della contabilità fornitori e ha spiegato che la Trump Org. era come una “azienda a conduzione familiare”.

Eric Trump, che è ancora a capo della Trump Org., e l’avvocato Alina Habba, che rappresentava la Trump Org. Lunedì sono intervenuti in tribunale anche i dipendenti coinvolti nel processo per frode civile dello scorso autunno, compreso McConney.

Quando Tarasoff è tornata sul banco dei testimoni lunedì pomeriggio dopo una pausa, ha dato a Eric Trump un amichevole colpetto sul ginocchio mentre passava.

-

PREV Streaming Monfils – Seyboth Wild: come vedere la partita live gratis?
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez