La NASA proverà a svelare i segreti dell’Universo… con una fotocamera da 36 pixel

La NASA proverà a svelare i segreti dell’Universo… con una fotocamera da 36 pixel
La NASA proverà a svelare i segreti dell’Universo… con una fotocamera da 36 pixel
-

A volte la risoluzione dell’immagine non è la cosa più importante. L’agenzia spaziale americana cercherà così di svelare il mistero dei raggi X, utilizzando una fotocamera di soli 36 pixel!

Anche se la NASA è abituata a fornirci immagini impressionanti e ad alta risoluzione, una parte più sconosciuta della scienza astronomica dell’agenzia spaziale viene effettuata con attrezzature che, a prima vista, possono sembrare molto limitate, ma che non sono necessariamente rudimentali!

XRISM (pronunciato “Crism”) è il nuovissimo strumento della NASA (in collaborazione con la sua controparte giapponese, JAXA (Japan Aerospace Exploration Agency)) per saperne di più sugli oggetti che emettono raggi X, che potrebbe fornire informazioni su argomenti diversi come l’origine delle galassie o la natura dei buchi neri.

In realtà, l’XRISM deve essere concepito soprattutto come una sorta di super-termometro, piuttosto che come una rudimentale macchina fotografica. Ciascuno dei suoi pixel è infatti progettato per rilevare la più piccola quantità di calore emessa dai raggi X che circolano nello spazio, come spiegato da TechCrunch. Questi pixel quindi non sono semplicemente pixel, perché sono in realtà capaci di “scomporre” l’onda e di offrire un’apertura su uno spettro di dati che va dai 400 ai 12.000 elettronvolt.

In orbita, XRISM potrà così osservare i movimenti dei gas in strutture celesti particolarmente massicce, come ammassi galattici o residui di supernova.

_
Segui Geeko su Facebook, Youtube e Instagram per non perdere novità, test e buoni affari.

Ricevi le nostre ultime novità direttamente sul tuo WhatsApp iscrivendoti al nostro canale.

-

PREV Travel Success abbatte i prezzi: viaggia a prezzi bassi in tutto il mondo quest’estate 2024
NEXT “Il “Macellaio di Teheran” ha ottenuto solo ciò che si meritava!” Gli iraniani festeggiano la morte del presidente Raissi