“Si presume che le donne mentano”

“Si presume che le donne mentano”
“Si presume che le donne mentano”
-

Il collettivo femminista Nous tous 79 chiede il boicottaggio del concerto di Patrick Bruel, previsto mercoledì 15 maggio 2024 all’Aclameur, a Niort. Due denunce erano state archiviate nel 2021 e altre tre donne avevano denunciato comportamenti molesti o esibizionisti da parte della cantante. Nonostante l’abbandono delle vie legali, Emma, ​​Émilie e Marie-France, membri del collettivo femminista, giustificano le loro posizioni, consapevoli che ciò suscita forti reazioni.

Il caso è stato archiviato. Perché continuare a chiedere il boicottaggio?

Marie-Francia: “L’archiviazione del caso avrebbe stabilito che non è colpevole. Una classificazione senza seguito significa che non vengono raccolti gli elementi per prendere una decisione. Ciò non significa che sia innocente, significa che non abbiamo gli strumenti per giudicare il caso. Sono state presentate due denunce e altre tre testimonianze. Sono fatti che puntano ogni volta nella stessa direzione, la cosa è piuttosto inquietante. »

Metti in dubbio il funzionamento della giustizia?

Emilia: “Ovviamente non ci sono strumenti, né risposte adeguate per la giustizia. Attualmente solo l’1% degli stupratori viene condannato! Sono questioni che toccano l’intimo, è parola contro parola. Lo sappiamo, non si può fare giustizia senza prove. Ma oggi, in caso di dubbio, diamo per scontato che le donne mentano. »

Cosa propone concretamente, oltre al boicottaggio?

Emma: “Spetta alla giustizia rispondere a queste domande. Abbiamo messo in atto delle misure per raccogliere le opinioni dei bambini, ad esempio, in modo da poter andare avanti. Ma ciò richiede risorse e volontà politica. Vogliamo cose concrete. Forse un buon inizio è fare più prevenzione. »

Marie-Francia: “A livello giuridico dobbiamo lavorare sulla nozione di consenso, che ancora non è inclusa nel Codice penale per definire lo stupro. Possiamo rivedere la procedura, ad esempio, quando c’è una massa di denunce, con le vittime che descrivono gli stessi processi. Possiamo sviluppare competenze psicologiche. Dobbiamo trovare risposte adeguate. »

Non c’è una deriva verso la “cultura dell’annullamento”?

Emma: «Spesso, quando me lo dicono, chiedo di nominare qualcuno che ha interrotto la carriera dopo delle accuse: nessuno è capace di fare un nome. Ad un certo punto, per i molestatori, va tutto bene. D’altra parte le donne che denunciano non lavorano più, abbandonano il mondo artistico. Piangiamo contro la cultura dell’annullamento (1), ma in realtà sta accadendo il contrario. Le persone che hanno subito violenza soffrono. »

Ritieni che il pubblico sia complice di questo appello?

Emma: “È complicato, soprattutto con qualcuno che adori. È responsabilità di tutti sapere chi scelgono di sostenere. Roman Polanski, scegliamo di continuare a vedere i suoi film? Perché non permettere ad altre persone di salire sul palco, di fare film? Ad un certo punto dobbiamo sapere come andare avanti, siamo una società culturalmente ricca, bisogna rinnovarla. »

Ciò comporta il rischio di una denuncia diffamatoria, di una vendetta…

Emma: “Non esiste più che in altri casi, è ridicolo. La percentuale di persone che mentono è minima. Il movimento Me Too, dal 2017, incoraggia le persone a denunciare. Ma bisogna essere molto coraggiosi per farlo. Sono tante le conseguenze dannose per una donna che denuncia fatti del genere. Ecco perché è importante non permettere che questo tipo di comportamento avvenga, soprattutto da parte di persone che poi diventeranno idolatrate. »

Emilia: “Il mito della donna che vorrebbe vendetta, è proprio un mito. Speriamo di portare avanti le cose. Dobbiamo smettere di essere sordi e ciechi. »

(1) La cancel culture, o cultura della cancellazione, è la pratica di allontanare dallo spazio pubblico personaggi, anche storici, accusati di fatti ritenuti discutibili. Questa è una pratica controversa, talvolta associata alla censura.

-

PREV Calano i prezzi degli abbonamenti telefonici in Belgio: dove trovare le soluzioni più economiche?
NEXT 480 gendarmi in rinforzo e revoca dello stato di emergenza, verso la calma nell’arcipelago?