Una foto recente di Vladimir Putin che incontra i leader occidentali? È sbagliato

-

Diritto d’autore AFP 2017-2024. Diritti di riproduzione riservati.

Dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, le relazioni tra i paesi membri della NATO e Mosca sono diventate estremamente tese. In questo contesto, dalla fine di marzo circola sui social network dell’Africa francofona una foto di Vladimir Putin, seduto all’estremità di un tavolo, a diversi metri dai suoi interlocutori. Secondo gli utenti di Internet, si tratta di una recente intervista tra il presidente russo e rappresentanti politici britannici, tedeschi o americani. Ma è falso: questa foto è stata scattata nel 2022 a Mosca durante un incontro al quale non ha partecipato nessun leader straniero.

Il presidente russo Vladimir Putin riceve [sic] la cancelleria tedesca, il rappresentante del congresso americano, il cancelliere, il delegato inglese ed europeo su un tavolo di 18 m [sic]”, dice con ironia l’autore di un messaggio che circola su Facebook (1,2).

Questa accusa è accompagnata da una foto del presidente russo seduto all’estremità di un lungo tavolo rettangolare di fronte a una decina di persone sedute all’altra estremità.

Screenshot scattato su Facebook il 6 maggio 2024

Su TikTok gli utenti di Internet affermano che questa intervista risale al 28 marzo 2024, utilizzando la stessa immagine a supporto.

Queste pubblicazioni vengono distribuite online mentre continua la guerra in Ucraina, dopo l’invasione del paese da parte della Russia nel febbraio 2022. In questo contesto, numerosi messaggi diffusi sui social network nell’Africa francofona alimentano una percezione a favore del Cremlino per ridicolizzare l’Ucraina (vedi qui).

Nei commenti ai post da noi controllati, anche diversi internauti esprimono la loro ammirazione per Vladimir Putin,”il presidente dei presidenti“secondo uno di loro.

Molto bravo Putin, non dovresti mai fidarti dei nemici [sic]”, scrive un altro.

Screenshot dei commenti su Facebook, scattato il 6 maggio 2024

Ma, non c’è traccia di un incontro così recente tra il presidente russo e i leader occidentali.

Un corrispondente dell’AFP a Mosca conferma che Vladimir Putin non ha incontrato di persona quasi nessun leader occidentale (Unione Europea o Stati Uniti) dall’inizio della guerra in Ucraina il 24 febbraio 2022; ad eccezione di un incontro con il cancelliere austriaco Karl Nehammer nell’aprile 2022 a Mosca (dispaccio dell’AFP archiviato qui) e un altro con il leader ungherese Viktor Orban (che ha mantenuto stretti legami con il Cremlino) a metà ottobre 2023, a margine di un vertice su Via della Cintura (Nuova Via della Seta) in Cina (link archiviato qui).

Un’immagine del 2022

Per comprendere il contesto originale dell’immagine pubblicata online, abbiamo eseguito una ricerca inversa delle immagini e abbiamo trovato la stessa foto negli articoli sull’invasione russa dell’Ucraina, archiviati qui e qui.

La fotografia è ogni volta accreditata al nome di Alexei Nikolsky seguito da quello di un’agenzia di stampa internazionale, in particolare l’agenzia americana Associated Press (AP).

Abbiamo continuato la ricerca nella banca immagini AP inserendo le parole chiave “Il presidente russo Vladimir Putin Alexei Nikolsky.

Ritroviamo, ancora una volta, la stessa immagine condivisa sui social network. Ma la sua didascalia non fa menzione della presenza di diplomatici stranieri accanto a Vladimir Putin.

Tradotto dall’inglese, si legge: “Il presidente russo Vladimir Putin, a destra, guida un incontro sulle questioni economiche a Mosca, Russia, lunedì 28 febbraio 2022.

L’autore della fotografia, Alexei Nikolsky, ha scattato questa foto per l’agenzia di stampa russa Sputnik. È stato poi distribuito dalle agenzie di stampa internazionali.

6b11afd518.jpgScreenshot tratto il 6 maggio 2024 da newsroom.ap.org

La didascalia originale di questa foto non ha quindi nulla a che vedere con il messaggio fuorviante che l’accompagna sui social network.

Per identificare le persone sedute allo stesso tavolo di Vladimir Putin, abbiamo tradotto in russo la didascalia di questa fotografia per una ricerca su Google.

Abbiamo così ottenuto i dettagli di questo incontro, documentati in una serie di foto pubblicate sul sito ufficiale della presidenza russa (link archiviato qui).

L’agenda del presidente russo per il 28 febbraio 2022 riporta un incontro da lui condotto sull’economia e la finanza e specifica l’identità, corredata di foto, dei vari rappresentanti russi presenti a questo incontro.

10b60ed82b.jpgScreenshot di due immagini della stessa serie di foto, scattate sul sito web della presidenza russa il 6 maggio 2024

È proprio”Il primo ministro Mikhail Mishustin, il primo vice primo ministro Andrei Belousov, il primo vice capo dell’amministrazione presidenziale Sergei Kiriyenko, il vice primo ministro Alexander Novak, il consigliere presidenziale Maxim Oreshkin, il ministro delle finanze Anton Siluanov e il presidente della Banca centrale Elvira Nabiullina.

Non vi sono quindi rappresentanti dei governi occidentali.

D’altro canto, non abbiamo trovato alcuna traccia credibile di un recente incontro tra Vladimir Putin e leader dei governi americano e occidentale, riuniti attorno allo stesso tavolo.

La dimensione spettacolare dei tavoli attorno ai quali Vladimir Putin ha ricevuto alcuni dei suoi interlocutori diplomatici ha già suscitato forti reazioni in passato, sulla stampa internazionale e sui social network.

L’11 febbraio 2022, ad esempio, un tavolo bianco lungo sei metri è stato allestito tra i leader russo e francese durante la visita di Emmanuel Macron a Mosca, meno di due settimane prima dello scoppio della guerra in Ucraina (dispaccio AFP archiviato qui).

All’epoca, le immagini di quell’intervista avevano suscitato numerosi commenti online – alcuni la interpretavano come un segno della freddezza di Putin nei confronti di Macron – mentre il provvedimento mirava a rispettare la distanza sanitaria dopo il rifiuto del presidente francese di sottoporsi ad un Test Covid in Russia.

e86fed8bcb.jpgScreenshot tratto dal sito web di Figaro il 6 maggio 2024

Pochi giorni dopo, il 15 febbraio 2022, Putin e il cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno parlato attorno a un tavolo bianco lungo diversi metri (dispaccio AFP archiviato qui).

Fronte di sostegno dell’Ucraina

Le relazioni diplomatiche tra la Russia e i paesi membri della NATO, un’alleanza politico-militare di paesi dell’Europa e del Nord America, sono diventate sempre più tese dall’inizio della guerra in Ucraina nel febbraio 2022.

Il blocco NATO fornisce un sostegno visibile a Kiev.

All’inizio del conflitto, di fronte all’avanzata delle truppe russe, Kiev aveva ricevuto con urgenza decine di migliaia di armi leggere (dispaccio AFP archiviato qui). Gli alleati dell’Ucraina hanno poi inviato sistemi di difesa missilistica, tra cui l’americano Patriot, per far fronte agli attacchi contro infrastrutture e città.

All’inizio del 2023, per porre fine alla guerra di trincea che stava prendendo piede nell’est, gli ucraini si sono dotati di moderni carri armati pesanti: gli americani Abrams (consegnati dalla fine di settembre), i Challenger britannici e soprattutto i Leopard tedeschi, ritenuti tra i migliori nel mondo.

I leader dell’UE, da parte loro, hanno concordato all’inizio di febbraio 2024 di fornire nuovi aiuti finanziari per 50 miliardi di euro in quattro anni (33 miliardi in prestiti e 17 miliardi in donazioni), una dotazione che era stata a lungo bloccata dalla riluttanza dell’Ungheria. Il primo ministro Viktor Orban.

Alla fine di marzo, il presidente Volodymyr Zelenskyj ha nuovamente esortato gli alleati dell’Ucraina a “accelerare la consegna“di aerei da caccia F-16 e di trasferire ulteriori batterie Patriot (sistemi di difesa aerea).

Dopo mesi di negoziati, i parlamentari americani hanno finalmente votato a favore di un vasto piano di assistenza militare ed economica per l’Ucraina, per un totale di 61 miliardi di dollari.

-

PREV Offerto a metà prezzo su AliExpress, questo mini videoproiettore smart ha impressionato gli utenti
NEXT Stéphane Bern ripercorre il suo incontro con Elisabetta II