queste quattro zone grigie che la ricostruzione tenterà di chiarire

queste quattro zone grigie che la ricostruzione tenterà di chiarire
queste quattro zone grigie che la ricostruzione tenterà di chiarire
-

La ricostruzione dei fatti che hanno portato alla morte del giovane Nahel avvenuta a Nanterre nel giugno 2023 dovrebbe aiutare a chiarire alcune zone grigie dell’indagine.

La giustizia organizza questa mattina, domenica 5 maggio a Nanterre, una ricostruzione dei fatti che hanno portato alla morte di Nahel, il 17enne ucciso il 27 giugno 2023 da una sparatoria della polizia. Una tragedia che ha portato a diverse settimane di scontri.

Questa ricostruzione rappresenta per la maggior parte delle parti il ​​momento determinante dell’indagine. “È quasi un processo prima del tempo”, analizza uno degli avvocati coinvolti nel caso.

Florian M., l’autore della sparatoria, in questo caso è accusato di omicidio volontario. Il secondo agente di polizia, Julien L., viene posto sotto lo status di testimone assistito per complicità in omicidio.

Questa ricostituzione sarà effettuata sotto stretta sorveglianza. La questura ha predisposto un sistema di sicurezza per evitare eccessi. Questa mattina, intorno alle 9, la piazza Nelson Mandela a Nanterre è stata isolata dalla polizia.

Secondo una fonte vicina al caso di BFMTV, l’Ispettorato Generale della Polizia Nazionale (IGPN) ha chiesto alle parti e ai loro avvocati di dotarsi di giubbotti antiproiettile per la loro protezione. Anche i due agenti di polizia dovrebbero presentarsi mascherati.

Un colpo legittimo?

Tra i punti dell’inchiesta da chiarire questa domenica, la questione della legittimità della sparatoria. Florian M. ha addotto tre ragioni. Innanzitutto il pericolo rappresentato dal comportamento di Nahel: “Ho deciso di aprire il fuoco per fermare la fuga, perché penso che altrimenti avrebbe potuto travolgere qualcuno”, ha spiegato durante la sua prima audizione.

Il fascicolo stabiliva che Nahel non era riuscito a investire un pedone e un ciclista nell’inseguimento precedente alla sparatoria.

In secondo luogo, il rischio che correva il suo collega di polizia, Julien L., se l’auto ripartisse. “Per me era ancora in macchina” e poteva essere “portato via” o schiacciato “se fosse rimasto appeso alla porta”, ha spiegato Florian M.

Infine il pericolo che la situazione rappresentava per lui: “In quel momento pensavo che mi avrebbe investito perché lì, se fossi caduta tra la macchina e il marciapiede, avrebbe potuto investimi”.

Agenti di polizia in pericolo?

La ricostruzione dovrà consentire di comprendere se i due agenti delle forze dell’ordine si fossero o potessero ragionevolmente sentirsi in pericolo. La distanza tra l’auto, il poliziotto e il muro sarà una questione importante questa domenica. Florian M. spiega che è soprattutto questa vicinanza a giustificare il suo scatto.

“Non avevo scelta, ero davvero vicino al muro ed è un’auto piuttosto potente. Se avesse accelerato e fosse riuscito a intrappolarmi, non sarei riuscito a uscire, ha certificato durante la sua udienza.”

Per quanto riguarda lo scatto, Florian M. afferma di aver mirato alla parte inferiore dell’abitacolo. Ha dichiarato il 27 giugno 2023, durante le sue prime udienze, che “non voleva[t] Non mirare alla parte superiore del corpo.

“Inoltre, c’erano le braccia del mio collega nel veicolo, quindi è stato più prudente puntare la mia arma verso la parte inferiore del corpo. In nessun momento avrei voluto che questa persona morisse”, ha dichiarato, ricordando poi di essere stato “spinto”. “dall’auto che si stava riavviando. Questo è ciò che avrebbe deviato il suo angolo di fuoco e lo avrebbe reso mortale.

Cosa è successo prima dello sparo?

Riguardo alle parole pronunciate prima della sparatoria, la giustizia ha già alcuni elementi. Sono due i commenti riportati dai testimoni o ascoltati nei video, che potrebbero essere simili a minacce di morte.

Innanzitutto quelle che parlano di “una pallottola in testa”, che si sentono nel video trasmesso su X (ex Twitter) e che sono state confermate fin dall’inizio delle indagini da un esame audio.

Poi, un dubbio sull’ingiunzione: “Spara!” oppure “Taglia!”. Difficile stabilire quale dei due sia quello giusto. BFMTV ha appreso da una fonte vicina ai fatti che conferma le informazioni di RTL che solide valutazioni sono state effettuate dall’Istituto di ricerca criminale della Gendarmeria Nazionale (IRCGN).

Non sono riusciti a risolvere il problema, soprattutto a causa della scarsa qualità del suono delle registrazioni.

Su queste osservazioni, i due agenti di polizia, durante le loro udienze, ma anche durante uno scontro tra loro il 28 giugno 2023, hanno entrambi certificato di non aver mai pronunciato questa minaccia di piantarsi “una pallottola in testa”.

L’ufficiale di polizia in qualità di testimone assistito afferma che forse ha detto “mano sulla testa” ma che non se lo ricorda più. Entrambi però affermano di aver pronunciato l’ingiunzione “taglia, taglia!” (implicito “spegni il motore”) ma non “spara!”

Colpi su Nahel?

I due passeggeri di Nahel hanno raccontato di essere stati colpiti con il calcio del fucile su Nahel dai due agenti di polizia: “Non so quale agente di polizia, ma uno di loro ha colpito Nahel due volte alla testa con il calcio del fucile. L’altro ha fatto così. Mettine uno .”

“Nahel si è protetto dai colpi con il braccio sinistro”, ha detto un passeggero ai giudici inquirenti lo scorso novembre. L’altro ha raccontato: “lui (il poliziotto che era vicino al finestrino del conducente, ndr) ha messo la testa nell’auto e ha cercato di colpirlo (in Nahel, ndr) con un fucile ma, mentre si proteggeva, colpisci il naso.”

Sulla scena ci sono anche tre testimoni che affermano di aver visto colpire almeno l’agente di polizia Julien L. mentre si trovava dal finestrino del conducente.

L’autopsia di Nahel non ha rivelato segni di colpi sul cranio o sul viso. Tuttavia, ha trovato due lividi sulla parte superiore del braccio sinistro.

L’ufficiale di polizia posto sotto lo status di testimone assistito attesta di non aver colpito la testa di Nahel con il calcio del fucile, che la sua posizione rispetto all’abitacolo non lo permetteva. Florian M. ammette di aver bussato però al parabrezza.

I più letti

-

PREV Aumento del numero dei passeggeri e delle tariffe… Ryanair non ha mai guadagnato così tanto
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez