Cos’è il ciclo di Benner?

-

L’analisi tecnica e la storia economica sono piene di autori e teorie. Alcuni autori sono caduti nell’oblio ma le loro teorie hanno resistito. Uno di loro è Samuel Benner. Questo agricoltore dell’Ohio negli Stati Uniti scrisse nel 1884 un libro premonitore, non solo sulle future osservazioni economiche, ma soprattutto sugli eventi che aveva previsto.

“La scienza dei cicli dei prezzi è ancora nella culla dell’infanzia, ma attende il suo tempo per raggiungere il pieno sviluppo della maturità, per svelare i suoi principi e dichiarare i suoi oracoli a tutta l’umanità. »

Le profezie di Benner (1884), Conclusione, Samuel Benner.

Il principio dei cicli di Samuel Benner

“Finché la storia in dettaglio non si ripete, il futuro non può essere giudicato dal passato, e ogni prospettiva umana in termini di movimenti ciclici è futile; e non c’è nulla di più sicuro e certo per gli uomini nella data e nell’età presenti che le tasse e la morte. »

Le profezie di Benner (1884), pagina 43, Samuel Benner.

Samuel Benner era affascinato dalla temporalità dei prezzi sui mercati. Negli anni ’70 dell’Ottocento era particolarmente interessato ai prezzi della ghisa, della carne di maiale e del cotone per gli Stati Uniti. La particolarità dei cicli di Samuel Benner risiede nella loro struttura. Di solito siamo abituati a un ciclo regolare, diciamo 10 anni, che comporta una successione di fasi ascendenti e discendenti di 5 anni ciascuna.

Pertanto, la singolarità del suo soggetto risiede nel modello di ripetizione dei cicli. Per il prezzo della ghisa individua, ad esempio, la successione regolare di 3 cicli tra i più bassi: un primo ciclo di 9 anni, un secondo di 7 anni, poi un terzo di 11 anni. In totale, questo dà un grande ciclo di 27 anni (9 + 7 + 11), e poi ancora un altro grande ciclo di 54 anni (27 × 2). Ma su questo torneremo più in dettaglio. L’esistenza di cicli di diversa durata è un approccio estremamente interessante.

Le profezie di Benner (1884), Samuel Benner. Cicli nel prezzo della ghisa negli Stati Uniti

Di conseguenza, la durata delle fasi di salita o di discesa varia irrimediabilmente. La durata rispettiva degli incrementi per ciascuno dei 3 cicli è di 2 anni, 4 anni e 3 anni. Di conseguenza, le fasi di declino durano rispettivamente 5 anni, 7 anni e 6 anni. La struttura degli aumenti è quindi 2-4-3 e quella dei decrementi 5-7-6. Infine, osserviamo uno schema di cicli tra i minimi di 7-11-9 anni.

Questo principio, che potremmo chiamare trinità di cicliè molto interessante e risponde alle osservazioni scientifiche. Sicché ciascuno dei cicli non può esistere senza il suo precedente o il suo successore, e che alla fine sorge soprattutto un ciclo superiore di regola più costante delle sue parti.

Il ciclo dei panici finanziari

“I cicli nel panico e negli alti e bassi dei prezzi dei prodotti agricoli e manifatturieri sono unici gli effetti di una causa; che si manifesta in periodi di 16, 18 e 20 anni per i panici; che ritornano nello stesso ordine ogni 54 anni, in periodi di 8, 9 e 10 anni nel prezzo del ferro; che ritornano nello stesso ordine ogni 27 anni, con 5 e 6 anni di calo del prezzo del mais e proc […]. »

Le profezie di Benner (1884), pagina 111, Samuel Benner.

Inoltre, la visione dei cicli di Samuel Benner si applica anche alle crisi finanziarie. Per lui, i panico rispondono in grandi cicli di 54 anni. La ripetizione dei panici è fatta da una successione di cicli di 18 anni, 20 anni e 16 anni. Sono in media 18 anni.

Le profezie di Benner (1884), Samuel Benner. I cicli di panico negli Stati Uniti

Inoltre, proiettiamo il ciclo dei panici di Benner, otteniamo le date del ciclo. Pertanto, il ciclo minore reagisce con una periodicità 8-7-8 da quando ha effetto il picco del ciclo maggiore. Quindi, possiamo concludere il seguente diagramma. Tuttavia, se l’attendibilità di questo diagramma sembra rafforzata nel periodo recente, potrebbe mancare di coerenza per i panici del 20° secolo.

Grande ciclo di panico Ciclo minore di attacchi di panico
1837
1845
1857
1864
1873
1881
1891
1899
1911
1908
1927
1935
[1945
1953
1965
1972
diciannove ottantuno
1989
1999
2007
2019
2026
2035
2043
2053

Del resto, si potrebbe così prevedere ad esempio un calcolo dalla bolla del 2000. In effetti, nel caso di una proiezione che risale al passato, otteniamo in date principali: 1982, 1966, 1946, 1928, 1912, 1894… Quindi, questo corrisponde effettivamente alla maggior parte degli estremi del mercato (Dow Jones). Ma le possibilità di applicazione sono molteplici. Inoltre, sarebbe più adatta un’applicazione sinusoidale.

Gli altri cicli

Di conseguenza, i cicli di Benner sono applicabili a una serie di dati non appena presentano regolarità. È davvero interessante notare una coerenza a lungo termine. Ad esempio, lo studio del prezzo della carne di maiale negli Stati Uniti rivela per Samuel Benner un ciclo di 11 anni. Inoltre, quest’ultima si alternerebbe a fasi ascendenti in 5-6 anni, e fasi discendenti in 6-5 anni.

Le profezie di Benner (1884), Samuel Benner. Cicli nel prezzo della carne di maiale negli Stati Uniti

In ogni caso, l’approccio di Samuel Benner era preveggente riguardo al ciclo di 54 anni. Quest’ultimo può essere osservato empiricamente su prezzo, crescita, tasso e altri dati dal 1800 ad oggi. Sebbene anch’esso soggetto a variabilità (quindi un possibile modello di variabilità di Benner), questo ciclo è effettivamente osservato nella realtà globale. Inoltre, l’economista russo Nikolai Kondratiev ne ha fatto il lavoro della sua vita. Così, quasi un secolo dopo Samuel Benner, un economista di nome Brian Berry scrisse le seguenti parole sul ciclo lungo.

“D’accordo o meno, le nostre vite sembrano essere inserite in un ordine superiore di complessità: collettivamente, siamo un organismo sociale che esibisce fluttuazioni autoregolanti attorno a una direzione di crescita, un equilibrio dinamico. Tra queste fluttuazioni vanno considerati i lunghi cicli, questi processi attraverso i quali le innovazioni vengono introdotte, diffuse, saturate, superate e infine completate. »

Ritmi a onde lunghe nello sviluppo economico e nel comportamento politico (1991), Brian Berry.

Previsioni per il futuro

Infine, il grande successo di Samuel benner fu quello di anticipare in modo più o meno evidente il panico del 1890/1891. Abbastanza sicuro, la crisi bancaria del 1891 ha causato il 17 ° più grande declino del mercato azionario negli Stati Uniti. Questo panico si è diffuso da Londra alla banca Barings e ha causato un pesante effetto domino in alcuni paesi come l’Argentina. Il successivo grande panico nel mercato americano ebbe effetto nel 1907, 16 anni dopo il 1891. Inoltre, questo panico ha provocato in particolare la creazione della banca centrale americana. In teoria la crisi successiva doveva verificarsi intorno al 1925, o nel 1927 in un altro caso. Ma bisognerà attendere il 1928/1929.

Sebbene sia chiaro che il ciclo di 54 anni rimane ancora in vigore oggi, la temporalità del ciclo di Benner non era del tutto rilevante durante la metà del ventesimo secolo. Così, 22 anni separano la crisi del 1929 dal panico del 1907. Ancora più tardi, 17 anni separano la crisi del 1929 dall’autunno del 1946. E altri 20 anni separano il 1946 dal picco maggiore del 1966. Poi 21 anni separano il picco del 1966 dal panico del 1987. Inoltre, altri 21 anni separano il panico del 1987 dal panico del 2008. Potrebbe quindi esserci variabilità in questa corsa al panico. Questi ultimi sembrano essere distanziati in media di 20 anni nel XX secolo piuttosto che dei 18 anni suggeriti da Samuel Benner.

Affidabile per il futuro?

In questa logica emergono due conclusioni.

  • Possiamo sperare che emerga un nuovo panico 21 anni dopo il 2008. Cioè intorno al 2029.
  • Oppure, possiamo sperare che emerga un nuovo panico, come suggerisce la temporalità del XIX secolo, intorno al 2035. Un rischio intermedio sarebbe il 2026.

In ogni caso, ciò equivarrebbe a rivedere completamente l’approccio di Samuel Benner alla temporalità dei cicli. Che non è la nostra intenzione qui. Conserveremo in seguito uno studio dettagliato della complessità di queste regolarità. Nel caso in cui i panici dovessero verificarsi ogni 21-22 anni, va notato che due cicli di 54 anni sono “sufficienti” per collegare questa temporalità con quella osservata da Samuel Benner (2 × 54 = 108 = 21,6 × 5 o 6 × 18).

Quale rilevanza di mercato?

Abbiamo studiato nelle nostre precedenti pubblicazioni la ciclicità di molti mercati. Pertanto, il mercato delle criptovalute ha mostrato, ad esempio, un’elevata ciclicità e una variabilità molto bassa dei suoi cicli. In tal caso, l’applicazione del metodo di Samuel Benner può sembrare meno rilevante. In effetti, abbiamo in particolare redatto la seguente tabella che riassume i principali cicli di bitcoin (BTC).

Ciclo n. Vuoto Vertice Durata da valle a valle Prestazioni da vuoto a picco
1 novembre 2011* Dicembre 2013 +968%
2 gennaio 2015 dicembre 2017 3,1 anni +8.328%
3 dicembre 2018 novembre 2021 3,9 anni +1.961%
4 novembre 2022? 3,9 anni
SIGNIFICARE novembre Dicembre 3,6 anni +3.752%
Tabella riassuntiva dei principali cicli di prezzo di bitcoin (BTC). Di Tommaso ANDRIEU. *questa data è indicativa, date le condizioni di mercato del momento

Si noti che un ciclo originale di 3,1 anni è stato compensato da cicli più lunghi di 4 anni. A questo punto non si può dire se ciò corrisponda a un diagramma di Benner. In effetti, potrebbe essere che bitcoin (BTC) alterni cicli di 3 anni e poi 4 anni. Per quanto riguarda le sue fasi ascendenti o discendenti, generalmente durano 1 anno. I rialzi sarebbero quindi meno ciclici e più complessi.

Infine, la risposta al mistero del ciclo di Samuel Benner può essere trovata nelle onde di Elliott. Questi ultimi combinano una serie di onde di prezzo, che a loro volta ne formano una più ampia. L’aggiunta della variabilità del ciclo come dati effettivi, e non solo dati anomali, è di grande rilevanza.

Insomma

In definitiva, i cicli di Samuel Benner sono sia preveggenti nella loro coerenza storica, sia singolari nei modelli che assumono. In effetti, Samuel Benner si basa su una logica di regolarità con periodi ciclici diversi, ma che alla fine formano un ciclo più ampio e più regolare. In particolare, identifica un ciclo a lungo termine di 54 anni che preannuncia molto lavoro economico in anticipo. Il suo metodo merita quindi di essere ampiamente diffuso e reinventato grazie alle dinamiche che suscita.

Infatti i cicli di Samuel Benner rispondono ad un principio di “trinità”, cioè che i cicli hanno periodi diversi e si susseguono regolarmente. L’osservazione di Samuel Benner equivale anche a scrivere che un ciclo più breve è solitamente seguito da un ciclo più lungo, cosicché in media la regolarità è assoluta. Ciò risponde esattamente alle osservazioni fatte dall’economista britannico Joseph Kitchin nel 1923 (leggi di più).

Ricevi un riepilogo delle notizie nel mondo delle criptovalute iscrivendoti al nostro nuovo servizio di notiziario giornalmente e settimanalmente per non perderti nessuno degli indispensabili Cointribune!

-

PREV i prezzi non si adeguano più, crollano
NEXT Aggiornamento sullo stato del progetto OSAM-1 della NASA