Nel covo degli specialisti francesi di Apple Vision Pro… p…

Nel covo degli specialisti francesi di Apple Vision Pro… p…
Nel covo degli specialisti francesi di Apple Vision Pro… p…
-

L’auto virtuale LS Car di LS Group vista attraverso il visore Apple Vision Pro, 2024.

Suresnes (92) – Siamo in macchina, al posto di guida. Naturalmente, tutto questo è nella realtà virtuale. È con la testa nel casco Apple Vision Pro che ci installiamo all’interno della LS Car. Sia che lo sguardo sia focalizzato sulla parte anteriore, sul cruscotto, sul lato sinistro della porta o verso il sedile del passeggero, l’immagine, in dimensioni reali, beneficia della bellissima definizione di questo casco di fascia alta. È l’unico, per il momento, a integrare un doppio schermo 4K.

credito fotografico: Moctar KANE Casco NEO di LS Group, Suresnes, 2024, Ph. Moctar KANE.

Siamo a Suresnes, negli uffici di LS Group, già Light and Shadows. Sul tavolo della sala riunioni c’è un altro visore VR. Un oggetto d’antiquariato adesso. Una traccia anche del fatto che in questo mondo tridimensionale LS Group non è nata da poco. Creata nel 2009, l’azienda ha progettato questo auricolare senza fili, il NEO, circa dieci anni fa. Avrebbe venduto una decina di copie.

L’azienda ora si concentra sulla consulenza e sulla progettazione di soluzioni che utilizzano VR e AR. Esempi? Un programma di formazione per azioni di sicurezza negli impianti a gas o nucleari (per GRTGaz, la Commissione per l’energia atomica e le energie alternative), o anche un configuratore di aerei di lusso (con Airbus Corporate Jets).

Apple Vision a tutti i costi!

” la maggior parte di [nos] i clienti avranno i mezzi per permettersi questo tipo di attrezzatura. Aymeric du Chéné, direttore del team di sviluppatori dell’azienda, crede fermamente nel potenziale commerciale delle cuffie Apple Vision Pro per i professionisti. E questo nonostante il prezzo di preordine annunciato compreso tra 4.000 e 4.500 euro.

Jordane Richer, direttore vendite e marketing dell’azienda, non ha comunque esitato. Si è procurato l’ultimo gioiello tecnologico di Apple.

credito fotografico: Moctar KANE Cuffie Apple Vision Pro, presso LS Group, Suresnes, 2024, Ph. Moctar KANE.

L’esigenza di consulenza

Oltre alla curiosità e al realismo, è stato il potenziale commerciale a guidare la sua decisione. “Il nostro ruolo di consulenza ci impone di padroneggiare la gamma di ciò che esiste”, spiega il responsabile delle vendite. Siamo tecno-agnostici sulle cuffie, sulle tecnologie che utilizziamo per svilupparle. Quindi ovviamente lo compriamo, anche solo per testarlo. » L’obiettivo è rispondere a questa domanda: “come possono utilizzarlo i nostri clienti? “.

Una volta effettuato l’ordine, grazie ad un amico che vive negli Stati Uniti, Jordane Richer e il suo team hanno impiegato più di un mese per iniziare a indossare Vision Pro.

Perché un tale ritardo? A causa del blocco della dogana americana che richiedeva documenti conformi per il trasporto delle batterie. Ma secondo i dirigenti di LS Group la partita ne è valsa la pena.

Una piattaforma accogliente in partenza

“È relativamente semplice trasferire un’esperienza di realtà virtuale che abbiamo già sviluppato nell’Apple Vision Pro”, si rallegra Jordane Richer. “Appena uscito sul mercato, hanno annunciato che l’Apple Vision Pro era compatibile con Unity”, ricorda Aymeric du Chéné. Questo motore 3D è “una parte del core business di molti dei miei sviluppatori. Ciò ci ha permesso di implementare rapidamente le cose sull’auricolare abbastanza facilmente. »

Ma per sfruttare appieno il potenziale di Vision Pro, i responsabili di LS Group stanno ovviamente pensando di padroneggiare il linguaggio di programmazione delle piattaforme Apple, Swift.

“Forse oggi siamo un po’ meno operativi a questo riguardo”, riconosce Aymeric du Chéné. Ma testiamo anche. Non è il nostro core business perché è più lo sviluppo mobile. Storicamente abbiamo realizzato piuttosto applicazioni Windows, applicazioni Android anche per tutti i visori per realtà virtuale di tipo Quest. [le casque de Meta]. Abbiamo realizzato applicazioni per iPad più orientate allo sviluppo per Unity. »

Dovresti passare al linguaggio di programmazione Swift?

La padronanza di Swift ti consentirebbe di avere più interazioni nell’ambiente 3D quando indossi Apple Vision Pro. Ad esempio, afferma il responsabile dello sviluppo, “apri le porte, chiudile, osserva l’impatto [physique] di certe cose”.

Perché per ora, con l’attuale versione della loro dimostrazione su Vision Pro, possiamo esaminare la LS Car da diverse angolazioni, dall’interno e dall’esterno.

Ma non puoi davvero spingere la portiera della macchina con la mano.

Un casco sopra il resto

Ne vale la pena anche perché le cuffie Apple superano la concorrenza, secondo LS Group. “L’utilizzo principale di Apple Vision Pro non è necessariamente la realtà virtuale ma la realtà mista. Quindi è qui che avviene una sorta di… rivoluzione. Non completamente perché esistono già visori che supportano la realtà mista. Ma non con questa qualità! Siamo unanimi sulla qualità dello schermo. E monitoraggio. E il fatto che funzioni molto, molto bene nell’ecosistema Apple. Ad esempio, posso eseguire il mirroring di un iPad o di un telefono”.

E per citare altri vantaggi per i professionisti.

“È una connessione semplice. Anche i gesti sono molto semplici. Avere due telecamere sotto [pour repérer la position des mains], il pizzico è fantastico! Il tracciamento oculare è davvero eccezionale. »

Di fronte ai caschi dei concorrenti, Varjo, Quest e altri, Aymeric du Chéné è un po’ più sfumato sulla supremazia del Vision Pro. Se anche la risoluzione dello schermo e la finitura sono superiori alla media, il peso resta un difetto del Vision Pro.

L’implementazione dell’Apple Vision Pro in questione

Tuttavia, la questione dell’adozione dei caschi da parte dei professionisti solleva ancora interrogativi in ​​LS Group. Come ruotare rapidamente diversi elmetti all’interno di un gruppo durante un addestramento sulla sicurezza antincendio o nucleare? Un problema, perché ogni volta bisogna riconfigurare la calibrazione degli occhi degli utenti. Questa procedura, fondamentale per la precisione del tracciamento dei gesti, è sicuramente facile. Ma ci vuole tempo quando le cuffie devono essere condivise tra più utenti.

“Resta, almeno filosoficamente [pour] Apple, uno strumento di consumo. E uno strumento personale”, afferma Jordane Richer.

Si chiede come il Vision Pro possa trovare il suo posto in un negozio per un caso d’uso al dettaglio… soprattutto se è molto affollato. “Potrebbe essere allestito dietro la boutique VIP di un marchio di lusso”, immagina il responsabile marketing. Ma non andrà a Sephora per l’uso gratuito. Mentre da Sephora potremmo mettere HTC Vive o Quest. »

Tutto dipende dal caso d’uso, a causa della personalizzazione dell’auricolare

D’altro canto, un’azienda come Stellantis, pensa Jordane Richer, potrebbe decidere “di dotare tutti i suoi dipendenti di un Apple Vision Pro allo stesso modo di un PC portatile”. Soprattutto se una versione 2 è più economica.

“Avremo quindi un Apple Vision Pro come, ad esempio, avremmo un Mac. Avrebbe il merito di tirare verso l’alto l’intero mercato. »

Apple ha annunciato l’inizio delle vendite del suo lussuoso Vision Pro in Francia il 28 giugno. E la sua disponibilità dal 12 luglio.

-

PREV Gli abbonati Prime beneficeranno di questo pacchetto sicurezza connessa per meno di 90 euro
NEXT Fiido Air, una nuova bici elettrica leggera, anche nel portafoglio