Lotois Matthieu Thiriet in corsa per i Giochi Paralimpici di rugby in carrozzina

Lotois Matthieu Thiriet in corsa per i Giochi Paralimpici di rugby in carrozzina
Lotois Matthieu Thiriet in corsa per i Giochi Paralimpici di rugby in carrozzina
-

l’essenziale
L’ortottista di Cahors, Matthieu Thiriet, rimasto tetraplegico in seguito ad un incidente subacqueo, pratica il rugby in sedia a rotelle. Rappresenterà la Francia ai Giochi Paralimpici di questa estate a Parigi.

È stato un grande giorno per il gruppo scolastico di Barguelonne-en-Quercy, questo giovedì 13 giugno, dove abbiamo ricevuto una visita illustre. Gli studenti avevano decorato bene la stanza, incartato regali, provato le canzoni e le danze dei Giochi e affinato le loro domande.

La direttrice della scuola Stéphanie Martin e la sua équipe educativa avevano infatti invitato il campione di rugby in carrozzina Matthieu Thiriet, membro dello Stade Toulousain di rugby per disabili (STRH) dal 2012, e selezionato per la squadra francese di rugby in carrozzina dal 2017. Due rappresentanti del Lotto Sport Disabili Il comitato Alexandra e Dany, che in mattinata avevano condotto un’azione di sensibilizzazione sugli sport per disabili, hanno dato peso a questo incontro.

“Impara a vivere di nuovo normalmente”

Matthieu Thiriet è molto noto ai Lotois poiché è ortottista presso la clinica del Quercy, part-time per avere tempo libero per allenamenti, corsi e gare. Dal 28 agosto all’8 settembre parteciperà ai Giochi Paralimpici di Parigi. Già nel 2021, il tolosano aveva vissuto la grande avventura delle Paralimpiadi di Tokyo con la squadra dei Blues che si era classificata 6a. “Era nel pieno della crisi Covid”, ricorda, “senza spettatori. Era un’atmosfera speciale! » Seguiranno due titoli europei nel 2022 e 2023, e un 6° posto mondiale nel 2022.

Questo elenco è bastato a suscitare l’interesse del suo giovane pubblico che lo ha sottoposto a una raffica di domande relative in particolare alla sua disabilità. L’atleta di alto livello ha spiegato di essere diventato tetraplegico nel 2011, all’età di 22 anni, dopo un incidente subacqueo, con danni a tutti e quattro gli arti.

“Il rugby in carrozzina mi fa dimenticare la mia condizione e la mia disabilità”

Determinato a vivere felicemente, decide di combattere e si dedica allo sport. “Preferivo uno sport di squadra, per lo spirito di squadra, con giocatori nella mia stessa situazione. Ho scoperto il rugby in carrozzina durante una giornata sportiva per disabili a Tolosa. È uno sport di contatto completamente inventato, molto fisico, chiamato “murder ball” al di là dell’Atlantico; un mix tra rugby, football americano, basket e hockey. Due squadre di quattro giocatori si sfidano su un campo da basket con una palla rotonda e leggera. »

Si è parlato molto della sedia sportiva su misura portata da Matthieu Thiriet, una sedia progettata per muoversi più velocemente, essere stabile e dotata di dispositivi di sicurezza per evitare che il giocatore cadesse.

Ma come rialzarsi dopo un incidente del genere nella vita? “All’inizio è dura”, ammette l’atleta. Abbiamo dovuto rieducarci, diventare indipendenti, imparare di nuovo a vivere normalmente. Il mio entourage mi ha supportato molto. Se non avessi avuto questo incidente, non avrei praticato sport né viaggiato. Pratico una disciplina unica, che mi dà la forza necessaria per spingere la sedia, effettuare trasferimenti e movimenti. Condividere le nostre esperienze con i miei compagni di squadra mi ha aiutato fisicamente e moralmente. All’improvviso dimentico tutto, anche la mia condizione e la mia disabilità. Il rugby in carrozzina mi libera completamente da tutti i miei problemi. »

Tra gentilezza e pietà

Lo stadio di rugby per disabili Stade Toulouse ha aperto una sezione sociale che organizza interventi nelle scuole e nelle imprese, per promuovere l’inclusione attraverso il lavoro o lo sport e per fornire un’altra prospettiva sulla disabilità.

“Alcuni sguardi sono benevoli, altri pieni di pietà”, confida Matthieu Thiriet al suo giovane pubblico. Per questo combattente dalla forza mentale, poter partecipare ai Giochi Paralimpici “è semplicemente incredibile. Sono rappresentati tutti gli sport, il che è molto interessante. »
L’obiettivo è chiaro per il due volte campione europeo in carica: vincere una bella medaglia a Parigi quest’estate.

Un brillante track record

Appena entrato nella squadra francese nel 2017, Matthieu Thiriet ha partecipato al campionato europeo di rugby in carrozzina dove i Blues hanno vinto il bronzo. Nel 2018 è stato il campionato del mondo a Sydney e il 5° posto. Nel 2019 la squadra ha vinto il bronzo agli Europei, poi nel 2021 (un anno dopo la data iniziale causa Covid), è stata la volta dei Giochi Paralimpici di Tokyo (6° posto). Nel 2022 e nel 2023, i Blues vengono incoronati campioni d’Europa e si classificano sesti nel 2022 ai Giochi mondiali di Birmingham. Nell’ottobre 2023, a Parigi, finiranno 4° nella disciplina durante la coppa internazionale. Tutto ciò che manca è una medaglia paralimpica da questa brillante lista.

-

PREV Georges Laraque va in difesa di Matt Rempe
NEXT Pogacar distrugge il record di salita di Pla d’Adet