Super League: LS spera in una partita piena contro l’FC Basel

-

L’LS vuole cavalcare l’onda dell’LHC

Pubblicato oggi alle 08:26

Questo venerdì alle 20:30, quando la squadra di Ludovic Magnin ospiterà l’FC Basel, sarà passato quasi un mese dall’ultima apparizione di un club della Super League. Nel frattempo la capitale olimpica avrà sognato un titolo nazionale per la sua squadra di hockey, Sconfitta per 4-3 al termine della suspense contro gli ZSC Lions nella finale della National League, e i vodesi si sono riuniti a Malley, dove i biglietti sono andati a ruba. Anche il lancio della campagna abbonamenti per la prossima stagione alla Vaudoise Aréna martedì è stato un successo impressionante.

Durante questo periodo, il Lausanne-Sport ha giocato solo due volte ed è tornato a mani vuote Lugano (2-0) e Yverdon (3-1). Entrambe le volte hanno avuto il tempo di crederci solo per pochi istanti. I ticinesi erano già in vantaggio di due lunghezze dopo dieci minuti il ​​20 aprile, mentre i nord-vodesi ne avevano piantati tre in diciassette minuti lo scorso fine settimana. Non la migliore pubblicità per cercare di convincere un pubblico losannese che magari ha ancora qualche stellina in testa, ma anche un po’ di postumi di una sbornia nel portafoglio.

A questo punto troverai ulteriori contenuti esterni. Se accetti che i cookie vengano inseriti da fornitori esterni e che i dati personali vengano quindi trasmessi loro, devi consentire tutti i cookie e visualizzare direttamente i contenuti esterni.

Consenti i cookiePiù informazioni

“Quindi, al contrario, penso di sì il boom dell’Hockey Club Losanna è vantaggioso anche per noi, spiega Vincent Steinmann, vicepresidente di Lausanne-Sport. Tutti i riscontri positivi sullo sport professionistico e di alto livello nella nostra città sono una buona notizia. Unisce le persone! Ed è stato un buon promemoria di ciò che una partita può dare vita. Ha effetti collaterali positivi e piacevoli.”

La Tuilière in competizione con l’Ascensione

Contro l’FCB, però, l’LS dovrà affrontare una dura concorrenza: un lungo weekend. All’inizio della stagione, Chris Wolf, direttore generale dell’LHC, ci ha spiegato che uno dei suoi principali concorrenti – a parte l’immensa offerta di vita notturna della città di Losanna – quando riempiva l’arena vodese non erano altro che i voli low cost da Cointrin. Quando puoi permetterti un viaggio andata e ritorno a Barcellona o Londra al prezzo di un posto, una salsiccia e due birre, ovviamente…

“Nel fine settimana dell’Ascensione tutto è una scusa per lasciare Losanna per fare altro. Quindi è più il programma di questa partita contro il Basilea che mi dà fastidio che la gente che esce dalla finale di hockey”, conferma Steinmann, che punta ancora a più di 6.000 persone nel suo stadio.

“E poi con il Basilea il cartellone è ancora entusiasmante, con la possibilità di assicurarsi quasi il mantenimento e perché no di finire campione del girone retrocessione! lui ride. E poi sarà l’occasione per dimostrare che possiamo fare altro oltre a Lugano e Yverdon…” Sarebbe un buon inizio.

A questo punto troverai ulteriori contenuti esterni. Se accetti che i cookie vengano inseriti da fornitori esterni e che i dati personali vengano quindi trasmessi loro, devi consentire tutti i cookie e visualizzare direttamente i contenuti esterni.

Consenti i cookiePiù informazioni

Robin Carrel è giornalista presso Sport-Center dal 2018, dopo aver lavorato per 20 minuti e l’agenzia Sportinformation. Segue principalmente calcio, ciclismo e snow freestyle.Più informazioni @RobinCarrel

Hai trovato un errore? Segnalacelo.

2 commenti

-

PREV LCF: Copri casco Guardian: lo 0% dei giocatori lo indosserà durante le partite?
NEXT Offrono un contratto enorme a Svilar