La barca catalana Éole torna in acqua

La barca catalana Éole torna in acqua
La barca catalana Éole torna in acqua
-

Éole, la barca catalana “convalescente” sui progetti di integrazione Siloé a Port Camargue, è stata accolta martedì 11 giugno dai membri dell’associazione Voile Latine de Bouzigues e dal sindaco Cédric Raja. La metamorfosi della barca catalana è iniziata nell’autunno del 2023. Per più di otto mesi, il progetto “École d’Éole” è stato al centro dell’attività dell’associazione Voile Latine de Bouzigues.

Navigazione inaugurale il 29 giugno

Ad oggi, circa 1.000 ore di investimento da parte dei membri dell’associazione hanno portato al suo ritorno, dopo i lavori strutturali e l’installazione del motore elettrico. “Questo è l’inizio di una nuova avventura. Éole è un collegamento tra tradizione e modernitàconfida un membro dell’associazione. Fa parte della nostra flotta di pescherecci tradizionali. Ma ciò che lo caratterizza è che è dotato di propulsione elettrica, il che lo rende unico e totalmente coerente con l’attuale problema della decarbonizzazione delle attività umane.”

Perché il progetto ha diversi obiettivi: fornire una barca scuola equipaggio per apprendere le tecniche di navigazione della vela latina, una barca per attività rispettose dell’ambiente, un’altra per la scoperta e l’osservazione della laguna che servirà a sensibilizzare sulla fragilità del territorio. L’associazione sarà presente alla Festa di Saint-Pierre, sabato 29 giugno, con una navigazione inaugurale e padrini d’eccezione. Per tutta l’estate, l’associazione ha organizzato i sabati nautici del 13 luglio e del 10 agosto, con attività festive intorno alla barca.

-

PREV Il dolcificante xilitolo aumenta il rischio cardiovascolare
NEXT EuroPCR 2024: valutare il rischio emorragico della TAVI, ottimizzare l’angioplastica delle biforcazioni