L’inquinamento acustico degli aerei potrebbe favorire l’aumento di peso

L’inquinamento acustico degli aerei potrebbe favorire l’aumento di peso
L’inquinamento acustico degli aerei potrebbe favorire l’aumento di peso
-

I ricercatori collegano l’esposizione prolungata al rumore degli aerei all’aumento dell’indice di massa corporea negli Stati Uniti. Una conseguenza dell’inquinamento acustico, che potrebbe aggiungersi al lungo elenco di effetti deleteri sulla salute dei residenti.

L’inquinamento acustico degli aerei ha effetti sconosciuti sulla salute: potrebbe favorire l’aumento di peso.

BackyardProduction/Getty Images

Non è molto piacevole sentire gli aerei che passano sul tuo giardino o dalla tua finestra tutto il giorno. Una situazione che chi vive nei pressi degli aeroporti conosce bene. Ma questo inquinamento acustico avrebbe un effetto sconosciuto sulla salute: potrebbe favorire l’aumento di peso. In ogni caso, questa è la conclusione dei ricercatori della Boston University School of Public Health e dell’Oregon State University (OSU); che hanno appena pubblicato uno studio sulla rivista Environment International. Sulla base dei loro risultati, il rumore degli aerei superiore a 45 decibel potrebbe essere collegato a un indice di massa corporea (BMI) più elevato e modificato a partire dai 18 anni. “Un livello sonoro di 45 decibel (dB) è appena al di sopra dei suoni ovattati di una biblioteca (40 dB) ed è più silenzioso di una tipica conversazione domestica (50 dB)”, specificano gli autori dell’opera. in un comunicato stampa.

Lo studio è stato condotto negli Stati Uniti, utilizzando i dati raccolti tra il 1995 e il 2010 da 74.848 infermieri residenti nei 90 principali aeroporti americani. I ricercatori hanno esaminato i livelli di rumore degli aerei ogni cinque anni durante questo periodo, sulla base di in un periodo di 24 ore, tutto tenendo conto delle variazioni del rumore a seconda del giorno e della notte. È stata calcolata anche la variazione del BMI a partire dai 18 anni. I risultati dello studio suggeriscono che il collegamento tra inquinamento acustico aerei e il rischio di aumento di peso sembra più marcato negli anziani che nei giovani adulti. Associazioni più forti sono state osservate anche tra i partecipanti che vivono sulla costa occidentale degli Stati Uniti, in zone con clima arido, nonché tra gli ex fumatori.

“Nel nostro mondo moderno, il rumore ci circonda continuamente e i nostri corpi potrebbero non essersi adattati a questo costante apporto di rumore. Il rumore influenza le risposte allo stress, che possono innescare una serie di eventi che possono portare ad un aumento del BMI e, successivamente, alla malattia”, ipotizza Junenette Peters, coautrice della ricerca. Se gli autori dello studio non hanno stabilito il motivo per cui gli ex fumatori sembrano particolarmente preoccupati, loro Tuttavia, ipotizzano disparità regionali. “I partecipanti allo studio che vivevano in Occidente potrebbero essere stati più esposti al rumore degli aerei a causa delle finestre aperte o del tipo di alloggio, che consentiva la penetrazione di più rumore”.

Se questo studio sceglie un approccio innovativo esplorando il legame tra esposizione al rumore degli aerei e obesità su scala nazionale negli Stati Uniti, è tuttavia lungi dall’essere il primo a evidenziare gli effetti deleteri dell’inquinamento acustico aeroportuale sulla nostra salute. L’inquinamento acustico aereo è associato in particolare a disturbi del sonno o a un aumento del rischio di sviluppare malattie. malattie cardiovascolari, come ipertensione e diabete. Una Ricerca francese pubblicato nel 2020 ha stabilito anche un rischio di maggiore mortalità per infarto del miocardio tra i residenti dei comuni più esposti al rumore degli aerei.

Relax

-

PREV CANCRO e AI: dati sui tumori unicellulari per un trattamento ad alta precisione
NEXT La Francia riceverà 200.000 dosi di vaccino