Gotta: da una strategia ipouricemica a una strategia Treat-to-Dissolve?

Gotta: da una strategia ipouricemica a una strategia Treat-to-Dissolve?
Gotta: da una strategia ipouricemica a una strategia Treat-to-Dissolve?
-

L’adesione al trattamento antigotta è bassa nella vita reale. Sarebbe intorno al 40% e non impedirebbe ai pazienti di avere attacchi di gotta. Per il professor Pascal Richette (ospedale Lariboisière, Parigi), coautore delle raccomandazioni della SFR (Società francese di reumatologia) per la gestione della gotta, e il dottor Nicola Dalbet, membro del gruppo di lavoro dell’ACR (Collegio Americano di Reumatologia) dedicato alla gestione della gotta, un’evoluzione degli obiettivi terapeutici potrebbe migliorare questa osservazione. Hanno firmato un articolo in cui presentano il loro punto di vista La natura esamina la reumatologia.

I limiti di trattare-a-bersaglio

Se gli studi clinici suggeriscono che la riduzione del livello di acido urico nel siero rende possibile ottenere il successo terapeutico in quasi tutti i casi di gotta, i dati reali sono molto meno convincenti, perché la compliance e il tasso di pazienti che ricevono un agente ipouricemizzante pochi mesi dopo la diagnosi di gotta è bassa. E questa osservazione è “ conosciuto da 20 anni “. Per i due esperti la spiegazione è duplice: l’obiettivo terapeutico di una riduzione del livello di acido urico viene generalmente raggiunto dopo 1-2 anni di trattamento ipouricemizzante ben condotto. Ma se i livelli di urato sierico sono ridotti, possono rimanere depositi sinoviali di urato monosodico, e spesso in modo silenzioso. Infatti la dissoluzione dei cristalli è lenta. Tuttavia, questi possono ancora attivare l’inflammasoma NLRP3, un complesso proteico che promuove la produzione di interleuchine proinfiammatorie.

Dovremmo fare della dissoluzione dei cristalli l’obiettivo terapeutico?

I due reumatologi suggeriscono che “ monitorare non solo i livelli di urato sierico ma anche la deposizione di cristalli di urato monosodico utilizzando l’imaging regolare » potrebbe migliorare la qualità delle cure e il successo terapeutico, ad esempio utilizzando gli ultrasuoni. Associata ad un’adeguata educazione terapeutica, questa strategia incoraggerebbe i pazienti ad aderire meglio al loro trattamento a lungo termine, comprendendo l’importanza di questo nuovo bersaglio e visualizzando l’evoluzione di questi depositi di cristalli durante l’imaging, anche quando sono asintomatici e il siero il livello di acido urico rientra nel target.

Non bisogna dimenticare che l’interruzione del trattamento espone i pazienti al rischio di nuovi attacchi e di complicanze articolari e cardiovascolari.

-

PREV L’ANSM avverte di un difetto riguardante lotti di Doliprane potabile, somministrati a neonati e bambini
NEXT I migliori trattamenti antietà per collo e décolleté