Quando il pizzo salva i coralli

Quando il pizzo salva i coralli
Quando il pizzo salva i coralli
-

In mancanza di ordini di abbigliamento, le merlettaie di Calais-Caudry dovettero trovare nuovi sbocchi. E se questa imbarcazione aiutasse a salvare il pianeta? Appassionato della bellezza del corallo, lo scultore Jérémy Gobé si chiede da tempo come la sua arte potrebbe salvare questi animali devastati dai cambiamenti climatici. “ Nel 2017 mi sono imbattuta nel motivo marino del pizzo Puy; lì, i collegamenti tra
mi sembravano entrambi ovvi, dice l’artista. Parliamo di tessuto corallino, tessuto industriale, patrimonio vivente… E poi il corallo, come il pizzo, stava morendo, mi sono detto che entrambi devono necessariamente potersi aiutare a vicenda. » Da autodidatta, Jérémy Gobé attinge alla letteratura scientifica, osserva, quindi sviluppa un protocollo di ricerca. La sua idea, che chiama Corail Artefact, consiste nell’utilizzare il pizzo come rete per raccogliere le larve di corallo e poi come supporto per la crescita. “ Il pizzo è ruvido, elastico e traforato allo stesso tempo. Ha le caratteristiche ideali! »

Scultura: i giganti di Monaco di Michel Bassompierre

Blocca le cellule riproduttive

Poco prima della crisi Covid, l’incontro con Christophe Machu, direttore di Solstiss, una delle fabbriche Caudry, ha permesso al progetto di entrare in una nuova dimensione. “ Jérémy ci ha fornito un disegno molto semplice di cerchi concentrici allineati che ricordano lo scheletro di un corallo e che facilitano il passaggio dell’acqua bloccando le cellule riproduttive, dice il direttore del Solstiss. Sono stato subito sedotto dalla sua capacità di pensare un progetto artistico, di intellettualizzarlo e di realizzarlo in modo industriale. E avevo bisogno di diversificare i miei prodotti. » Ma che filo devo usare per tessere questo pizzo? Jérémy Gobé vuole un materiale interamente prodotto in Francia, senza alcun impatto sulla natura, né al momento della sua creazione né al termine della sua vita. Nuovo tuffo nella letteratura scientifica, nuove esperienze. L’artista inventore pensa alle leghe, analizza gli elementi e le loro proprietà. Seleziona quelli di cui ha bisogno e applica la sua ricetta. E funziona. Il suo biopolimero è progettato utilizzando batteri marini nutriti con diversi succhi che vengono poi polimerizzati per ottenere un materiale solido, favorevole allo sviluppo del corallo. Diversi acquari, come quello di Parigi o di Nausicaá, a Boulogne-sur-Mer, utilizzano già le sue invenzioni.

-

PREV Gironda: le vittime di ictus percorreranno 600 km in bicicletta e triciclo da Arcachon a Sète
NEXT Secondo un nutrizionista, ecco la ricetta del pranzo perfetto quando si vuole dimagrire dopo i 40