La FNAC invita le compagnie di assicurazione a non rimborsare i costi dell’assicurazione di viaggio Schengen

La FNAC invita le compagnie di assicurazione a non rimborsare i costi dell’assicurazione di viaggio Schengen
La FNAC invita le compagnie di assicurazione a non rimborsare i costi dell’assicurazione di viaggio Schengen
-

La Federazione nazionale delle associazioni dei consumatori (FNAC) mette in guardia contro le pratiche “non etiche” delle compagnie assicurative in materia di assicurazioni di viaggio per l’Europa. Denuncia il mancato rimborso delle spese in caso di rifiuto del visto che, secondo la FNAC, avrebbe fruttato agli assicuratori marocchini quasi 8 milioni di dirham nel 2023. Sono accusati di altre rimostranze. Dettagli.

L’assicurazione di viaggio obbligatoria per richiedere il visto Schengen è oggetto di discussioni tra l’Autorità di controllo delle assicurazioni e della previdenza sociale (ACAPS) e la Federazione nazionale delle associazioni dei consumatori (FNAC).

In un comunicato stampa pubblicato il 24 giugno, la FNAC ritiene che le pratiche messe in atto dagli assicuratori marocchini siano “ingiuste” e “inaccettabili”, in particolare a causa dell’assenza di rimborso in caso di rifiuto del visto. “Questa situazione è particolarmente preoccupante, perché l’assicurazione di viaggio è una condizione obbligatoria per ottenere un visto Schengen, imponendo così un costo significativo ai richiedenti il ​​visto senza alcuna garanzia di rimborso in caso di rifiuto”, spiegò all’epoca la FNAC.

Tuttavia, come sottolinea la FNAC nel suo comunicato stampa, “la delegazione dell’Unione Europea presso il Regno ci ha detto che le compagnie possono rimborsare il premio dietro presentazione della notifica di rifiuto del visto e che all’interno dell’Unione Europea questo servizio è ben praticato dalle compagnie di assicurazione.

8 MDH avrebbero potuto essere rimborsati nel 2023

I due organismi si sono quindi incontrati il ​​27 giugno per discutere del problema. Contattato, Ouadi Madih, segretario generale della FNAC, ci dice che “i lavori sono aperti e sono iniziate le indagini per trovare una soluzione a questo problema”.

Per il momento, ACAPS ritiene che ci siano ancora diversi parametri da monitorare attentamente, in particolare il rischio di utilizzo fraudolento del servizio, il problema delle tasse che dovranno sostenere gli assicuratori, ecc.

“Abbiamo riscontrato questa possibilità di rimborso, in caso di rifiuto, presso alcune compagnie di assicurazione straniere online. Basta presentare loro il documento di rifiuto per ottenere il rimborso delle spese sostenute”, spiega il segretario generale della FNAC.

Ciò che la FNAC deplora è il fatto di penalizzare la maggioranza dei richiedenti per un rischio di frode che si concentra su una minoranza. Per quanto riguarda i danni ai consumatori, l’organismo incaricato della tutela dei diritti dei consumatori stima che in media il costo dell’assicurazione di viaggio Schengen obbligatoria ammonti a 700 dirham.

“Abbiamo ricevuto 11.300 visti rifiutati. Se si fa il calcolo con un costo medio di assicurazione di viaggio di 700 dirham per pratica di visto, siamo vicini agli 8 milioni di dirham riscossi ingiustamente dalle compagnie di assicurazione, poiché l’assicurazione stessa, a causa rifiuto del visto, non è entrato in vigore”, continua Ouadi Mahdi.

Se applichiamo questo metodo al numero di rifiuti nell’area Schengen osservato nel 2022, ovvero quasi 127.000 rifiuti, otteniamo un totale di 88 MDH raccolti, che avrebbero potuto essere rimborsati.

L’importo della sottoscrizione assicurativa riscosso dall’assicuratore nonostante il rifiuto del visto non è l’unico reclamo presentato dalla FNAC. La federazione sottolinea anche la mancanza di trasparenza e flessibilità delle offerte.

Offerte non dettagliate e inadeguate nel tempo

Oltre al mancato rimborso, molti altri aspetti pongono problemi per quanto riguarda l’assicurazione di viaggio obbligatoria ai sensi del visto Schengen.

Una delle lamentele riguarda la durata della copertura offerta dagli assicuratori nazionali. Questo non è flessibile per adattarsi alla domanda.

“Chiederemo al consumatore di rivolgersi altrove e di stipulare un’assicurazione che possa essere efficace anche per un minimo di tre giorni a partire da 60 centesimi di euro. Le compagnie di assicurazione marocchine offrono offerte da 6 e 12. Altre compagnie di assicurazione offrono prodotti assicurativi a partire da tre giorni Perché le persone che hanno un viaggio di cinque giorni dovrebbero stipulare un’assicurazione di viaggio per un periodo di 6 mesi?”, si chiede il segretario generale della FNAC.

Insomma, per la federazione si tratta di allinearsi con gli altri assicuratori, altrimenti il ​​prodotto marocchino non sarà richiesto dai consumatori. Oltre alla durata della copertura assicurativa, la FNAC sottolinea la mancanza di trasparenza sui termini del contratto assicurativo. “ACAPS è stata comprensiva. Quello che abbiamo chiesto è che, davanti al cliente, un fornitore rispetti i nostri diritti e ci rimborsi in caso di rifiuto del visto. La cosa più importante è anche la trasparenza delle informazioni. Secondo l’esperienza e le informazioni a condizione che l’assicuratore non fornisca i dettagli dell’offerta alla quale il cliente sta per sottoscrivere. Non sappiamo cosa contenga questo documento, né quali servizi siano esclusi o inclusi”, spiega Ouadi Madih.

Per il futuro, i prossimi passi tra la FNAC e l’ACAPS non sono chiaramente definiti, ma il desiderio di raggiungere una soluzione c’è, ci dice Ouadi Madih. “C’è la volontà di trovare una soluzione a questo problema nelle prossime settimane o mesi, anche se al momento non c’è una scadenza fissata. Ci auguriamo che ciò non si trascini per sempre”.

In un secondo comunicato stampa pubblicato il 30 giugno, la FNAC annuncia che manterrà un dialogo regolare con ACAPS per garantire che gli impegni presi si traducano in azioni concrete e che proseguirà i suoi sforzi di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e dei consumatori su questo tema i loro diritti in materia di assicurazione di viaggio.

Hai in mente un progetto immobiliare? Yakeey e Médias24 ti aiutano a realizzarlo!

©Media24. Qualsiasi riproduzione vietata, in qualsiasi forma, senza l’autorizzazione scritta della Société des Nouveaux Médias. Questo contenuto è protetto dalla legge e in particolare dalla legge 88-13 relativa alla stampa e all’editoria, nonché dalle leggi 66.19 e 2-00 relative al diritto d’autore e ai diritti connessi.

-

PREV LIVE – Elezioni legislative: “Possiamo vincere”, ritiene André Chassaigne, candidato del PFN – Libération
NEXT Caso Jacques Bouthier: otto persone condannate a pene fino a dieci anni di carcere