Accampamento filo-palestinese a McGill | La SPVM sta indagando su una pubblicazione

Accampamento filo-palestinese a McGill | La SPVM sta indagando su una pubblicazione
Accampamento filo-palestinese a McGill | La SPVM sta indagando su una pubblicazione
-

Il servizio di polizia della città di Montreal (SPVM) non prevede di smantellare l’accampamento filo-palestinese a McGill, ma afferma che sta indagando su una pubblicazione che promuoveva un “programma rivoluzionario per i giovani” con immagini di combattenti armati.


Pubblicato alle 15:33

Aggiornato alle 18:03

« Cette publication qui invite des jeunes à participer à des ateliers au campement est préoccupante, puisqu’une image d’un fusil d’assaut y apparaît », a déclaré l’inspecteur David Shane, responsable des communications, en conférence de presse lundi après -Mezzogiorno. La pubblicazione promuove un programma che “comprenderà attività fisica, lezioni di arabo [et] lezioni rivoluzionarie. »

La SPVM sta conducendo un’indagine e afferma di aver discusso la questione con la Royal Canadian Mounted Police. “Comprendiamo i timori che questa pubblicazione potrebbe sollevare”, ha affermato il signor Shane.

Le organizzazioni della comunità ebraica hanno subito denunciato questi commenti. L’immagine ha suscitato la reazione anche del rettore della McGill University, Deep Saini, che in un comunicato stampa l’ha definita “estremamente allarmante”. “Le immagini che evocano la violenza non sono strumenti di espressione e riunione pacifica”, ha aggiunto.

Lunedì, l’amministrazione Plante ha aggiunto la sua voce al concerto di critiche: “questo manifesto è stato del tutto inaccettabile, quasi molto scioccante per noi”, ha detto Alain Vaillancourt, responsabile della sicurezza pubblica nel comitato esecutivo. Vaillancourt è stato interrogato dal deputato dell’opposizione Sonny Moroz, che si è detto “scioccato e allarmato dalla violenza di questo annuncio”.

Nessuno smantellamento previsto

Tuttavia, l’SPVM non prevede di smantellare l’accampamento filo-palestinese di McGill. A metà maggio, la McGill University ha presentato una nuova richiesta di ingiunzione alla Corte Superiore per forzare lo smantellamento dell’accampamento.

“La Corte Superiore dovrà quindi decidere l’importante questione sollevata da due diritti fondamentali opposti, vale a dire quello relativo al godimento della proprietà rispetto a quello relativo alla libertà di espressione”, ha dichiarato Shane.

Tuttavia, la SPVM afferma di restare all’erta sull’evoluzione della situazione, al fine di garantire il rispetto, la protezione e la sicurezza della popolazione. L’ispettore David Shane sostiene che le forze di polizia hanno supervisionato quasi 250 manifestazioni, “quasi tutte si sono svolte in buon ordine”.

250 eventi di odio

La SPVM ha notato un aumento dei crimini d’odio e degli incidenti legati alla guerra tra Israele e Hamas, con circa 250 eventi dal 7 ottobre. Di questi, 146 sono crimini d’odio e 104 incidenti d’odio, come insulti. “Incoraggiamo i cittadini a denunciare, perché continueremo a realizzare interventi preventivi per evitare che un giorno si verifichi un crimine”, spiega Shane.

Al momento sono 31 i fascicoli presentati al Direttore della Procura penale e penale (DPCP). Un sospetto è stato arrestato anche in relazione alla sparatoria avvenuta il 12 novembre nella scuola ebraica Yeshiva Gedola nel quartiere Côte-des-Neiges-Notre-Dame-de-Grâce.

Con Philippe Teisceira-Lessard e Fannie Arcand

-

PREV Elezioni legislative in Francia: i deputati precipitano nell’ignoto dopo la sessione inaugurale della nuova Assemblea nazionale
NEXT Previsione PMU & YOU PREZZO