Navigare nel labirinto neurochimico dell’astinenza da antidepressivi

Navigare nel labirinto neurochimico dell’astinenza da antidepressivi
Navigare nel labirinto neurochimico dell’astinenza da antidepressivi
-

Una revisione sistematica e una meta-analisi sulla sospensione degli antidepressivi hanno rilevato che mentre una persona su tre riferisce sintomi dopo la sospensione, la metà è probabilmente dovuta all’effetto nocebo. I sintomi gravi sono rari e colpiscono solo il 3% circa delle persone che interrompono il trattamento. Credito: Issues.fr.com

Le aspettative contribuiscono ai sintomi dopo la sospensione degli antidepressivi.

È difficile smettere di prendere antidepressivi? Se si devono credere alle innumerevoli pubblicazioni su Internet e ai molteplici studi scientifici, la sospensione di questi farmaci è molto problematica e i medici spesso sottovalutano le difficoltà che ciò comporta. Tuttavia, non è chiaro quanto siano effettivamente comuni i sintomi di interruzione del trattamento. I ricercatori della Charité – Universitätsmedizin Berlin e dell’Ospedale universitario di Colonia hanno condotto una revisione sistematica e una meta-analisi. Nel loro articolo in La Lancetta In psichiatria si arriva alla conclusione che una persona su tre avverte sintomi dopo aver interrotto il trattamento antidepressivo, ma che la metà di questi sintomi sono attribuibili ad aspettative negative (effetto nocebo).

Esplorare l’effetto Nocebo nell’astinenza da antidepressivi

Secondo la definizione formale, gli antidepressivi non creano dipendenza. A differenza delle “vere” sostanze che creano dipendenza, ad esempio, la loro assunzione non obbliga l’organismo a richiedere dosi sempre più elevate per ottenere lo stesso effetto. Nonostante ciò, molti pazienti riferiscono sintomi come vertigini, mal di testa o insonnia quando smettono di assumere questi farmaci per l’umore. Il fenomeno è rimasto in gran parte ignorato dai ricercatori per anni, ma ora esiste un numero relativamente elevato di studi che cercano di quantificare l’entità dei sintomi da interruzione del trattamento.

Risultati diversi negli studi sull’abbandono scolastico

“I risultati di questi studi variano, in alcuni casi in modo considerevole”, spiega il professor Christopher Baethge, ricercatore presso il Dipartimento di Psichiatria e Psicoterapia dell’Ospedale Universitario di Colonia e della Facoltà di Medicina dell’Università di Colonia. “Negli ultimi anni ci sono state molte discussioni, a volte molto emotive, all’interno della comunità di ricerca e del pubblico in generale sulla reale prevalenza e gravità dei sintomi di astinenza. » Uno sguardo ai dati sulle prescrizioni dimostra quanto sia rilevante questo argomento. Secondo l’ultimo rapporto dell’Arzneiverordnungs, che riassume i dati sulle prescrizioni di farmaci, nel 2022 in Germania sono state prescritte quasi 1,8 miliardi di dosi giornaliere di antidepressivi.

La difficoltà di sospendere gli antidepressivi è spesso discussa con emozione. Una meta-analisi ora fa luce sulla reale frequenza dei sintomi da interruzione del trattamento. Credito: © Charité | Romy Greiner

Una meta-analisi completa fornisce chiarezza

Per rispondere a questa domanda in modo più affidabile di prima, un team guidato da Christopher Baethge e dal dottor Jonathan Henssler, capo del gruppo di ricerca sulla salute mentale basato sull’evidenza presso il Dipartimento di Psichiatria e Neuroscienze di Charité, ha condotto una revisione sistematica degli studi esistenti e ha rianalizzato in quella che viene chiamata meta-analisi. Essendo il primo studio di questo tipo, fornisce la valutazione più solida fino ad oggi delle conseguenze dell’interruzione del trattamento antidepressivo. “La nostra analisi mostra che, in media, una persona su tre avvertirà sintomi dopo aver interrotto il trattamento antidepressivo”, afferma Henssler. “Tuttavia solo la metà di questi sintomi sono effettivamente attribuibili al farmaco stesso. »

Influenza del placebo e sintomi di astinenza effettivi

Per il loro articolo, i ricercatori hanno esaminato più di 6.000 studi. Ne hanno quindi selezionati 79 e hanno rianalizzato i risultati di questi studi utilizzando metodi statistici. Alla fine, hanno analizzato i dati di circa 21.000 persone che avevano ricevuto un antidepressivo o un placebo e poi hanno chiesto informazioni sulla prevalenza dei sintomi da sospensione. Circa il 31% dei pazienti trattati con un farmaco attivo ha riportato sintomi da sospensione, così come il 17% di coloro che hanno ricevuto solo un placebo.

“Nel gruppo placebo è possibile escludere effetti farmacologici, il che significa che i sintomi sono comparsi per caso, indipendentemente dal trattamento, oppure sono il prodotto dell’effetto nocebo”, spiega Henssler. L’effetto nocebo è spesso considerato un riflesso dell’effetto placebo. Ciò spiega l’osservazione che i trattamenti inattivi possono essere associati a “effetti collaterali”. Questi effetti sono innescati esclusivamente dall’aspettativa che il trattamento che le persone pensano di ricevere avrà effetti negativi.

Incidenza e gravità dei sintomi di astinenza

“Quando prendiamo in considerazione i sintomi aspecifici e l’effetto delle aspettative, circa una persona su sei o sette soffre di sintomi da sospensione che si verificano come conseguenza reale del trattamento antidepressivo”, afferma Henssler, riassumendo i risultati dello studio. “Nella maggior parte dei casi, i sintomi sono lievi. La stragrande maggioranza delle persone colpite sarà in grado di interrompere gli antidepressivi senza avvertire sintomi rilevanti. Ciò significa che nella maggior parte dei casi non è necessario un processo di riduzione lungo o graduale.

Gestire e alleviare i gravi sintomi di astinenza

Lo studio ha rilevato che sintomi gravi dovuti all’interruzione del trattamento vengono avvertiti da una persona su 35, ovvero quasi il 3% delle persone colpite. Questi tipi di sintomi erano più comuni dopo l’interruzione del trattamento con imipramina, paroxetina, venlafaxina e desvenlafaxina. I ricercatori non disponevano ancora di informazioni sufficienti per valutare lo stato di una serie di antidepressivi ampiamente utilizzati.

Come sottolinea Baethge: “È importante che tutte le persone che desiderano interrompere il trattamento con antidepressivi siano monitorate e consigliate dagli operatori sanitari e ricevano un supporto individuale in caso di sintomi di astinenza. Il processo decisionale congiunto tra il paziente e il prescrittore anche prima dell’inizio del trattamento è la base di un buon trattamento. Ci auguriamo che i nostri dati possano aiutare i pazienti e gli operatori sanitari e contribuire ad alleviare parte dell’incertezza che circonda oggi questi problemi.

Per saperne di più su questo studio, vedere Smettere di assumere antidepressivi: uno studio rivela il rischio di sintomi da interruzione.

I 79 studi inclusi nella meta-analisi includevano sia studi randomizzati controllati con placebo che studi osservazionali condotti senza un gruppo di controllo. Dei 21.002 pazienti coinvolti negli studi, 16.532 avevano ricevuto un antidepressivo e 4.470 un placebo. Oltre ai ricercatori della Charité e dell’Ospedale universitario di Colonia, hanno partecipato alla meta-analisi anche ricercatori del Centro medico universitario di Friburgo e dell’Ospedale universitario Carl Gustav Carus di Dresda.

-

PREV Il governo “ha risposto favorevolmente” alle richieste degli studenti di medicina, sostiene Miraoui
NEXT Sabrina Agresti-Roubache, terza nella sua circoscrizione elettorale a Marsiglia, si ritira