Relativa calma in Nuova Caledonia, lo stato di emergenza è stato revocato martedì mattina

Relativa calma in Nuova Caledonia, lo stato di emergenza è stato revocato martedì mattina
Relativa calma in Nuova Caledonia, lo stato di emergenza è stato revocato martedì mattina
-

La situazione sul posto resta difficile, con la polizia che ancora fatica a controllare alcuni distretti della Grande Nouméa.

AFP

L’esecutivo ha compiuto un ulteriore gesto in Nuova Caledonia, programmando la revoca dello stato di emergenza, ma la calma resta molto relativa dopo due settimane di disordini, il mantenimento del coprifuoco e l’arrivo di nuovi rinforzi della gendarmeria.

Lo stato di emergenza, istituito il 15 maggio, sarà revocato martedì alle 5 a Nouméa (20 lunedì, ora di Parigi), ha annunciato l’Eliseo.

La revoca di queste misure eccezionali deve “permettere le riunioni delle diverse componenti del FLNKS (principale movimento indipendentista, ndr) e raggiungere i posti di blocco degli eletti o dei funzionari che possono chiederne la revoca”, ha precisato la presidenza francese in a comunicato stampa.

Allo stesso tempo, l’Eliseo ha annunciato l’invio “nelle prossime ore” di “sette unità mobili supplementari, ovvero 480 gendarmi mobili”.

Sul posto, l’Alto Commissariato della Repubblica per la Nuova Caledonia ha annunciato “il mantenimento delle misure generali, in particolare il divieto di circolazione sulle strade e nei luoghi pubblici su tutto il territorio dalle ore 18:00 alle ore 6:00”.

Detonatore

Sono concesse eccezioni per ragioni sanitarie o per missioni di servizio pubblico, ma resta vietata la vendita di alcolici, così come il trasporto e il porto di armi – stimate in circa 100.000 nell’arcipelago – e l’Alta Commissione segnala 460 arresti.

In totale, circa 3.500 agenti di sicurezza saranno schierati in questo arcipelago di circa 270.000 abitanti impegnato dal 1998 in un processo di emancipazione dal controllo francese e dove gli scontri hanno provocato sette morti, tra cui due gendarmi.

Il detonatore dei disordini è stato il voto a Parigi per una riforma che prevede l’ampliamento dell’elettorato locale a circa 25.000 persone stabilito da almeno dieci anni in Nuova Caledonia, un casus belli per i separatisti che ritengono che questo disgelo rischi di “minorizzare ” ancor più gli indigeni Kanak.

Giovedì, il presidente francese, in viaggio sul posto, ha annunciato che non ci sarà “nessun passaggio forzato” ma “nessun ritorno indietro”. Ha subordinato la fine dello stato di emergenza alla rimozione dei blocchi stradali, cosa che non avviene ancora ovunque.

Recandosi domenica a Berlino, Emmanuel Macron è stato indotto a precisare i suoi commenti al quotidiano “Le Parisien” pubblicati il ​​giorno prima sulla possibilità di organizzare un referendum nazionale sullo scongelamento dell’elettorato, cosa che ha scatenato nuove tensioni sull’isola. Questa possibilità nasce da una semplice “lettura della Costituzione” e “non è un’intenzione”, ha assicurato.

Il Capo dello Stato vuole dare priorità ad un “accordo globale”, che includa in particolare il futuro del settore del nichel. Ha dato tempo a separatisti e lealisti fino alla fine di giugno per delineare l’avvio di un accordo.

L’economia dell’arcipelago, conquistato e colonizzato nel XIX secolo, si basa essenzialmente sul nichel, di cui costituisce dal 20 al 30% delle riserve mondiali. Abbastanza per far temere “interferenze” da parte della Cina, secondo il senatore francese Claude Malhuret, che ha sottolineato all’AFP che Pechino “ha bisogno del nichel per produrre le sue batterie”.

La notte tra domenica e lunedì a Nouméa e dintorni è stata relativamente tranquilla, nonostante le tracce di scontri visibili nel quartiere povero di Vallée-du-Tir, ha osservato un giornalista dell’AFP. A Nouméa, dove da due settimane si accumula la spazzatura, lunedì il traffico è ripreso con lunghi ingorghi, segno di un certo ritorno alla normalità.

La strada che porta all’aeroporto internazionale di Nouméa – La Tontouta, in alcuni punti molto degradata, resta disseminata di veicoli distrutti e l’aeroporto, chiuso ai voli commerciali dal 14 maggio, resterà chiuso almeno fino al 2 giugno. .

“Senza rifornimento”

I francesi e i turisti stranieri bloccati nell’arcipelago devono continuare a essere evacuati. Dall’inizio della crisi, secondo l’Alto Commissariato, sono state più di 1.200 le persone evacuate in aereo e 270 residenti in Caledonia che hanno potuto ritornare.

Lunedì saranno i polinesiani bloccati in Nuova Caledonia da due settimane a poter tornare a casa. Secondo la stessa fonte, è previsto anche un primo ritorno dei caledoniani bloccati a Singapore.

La vita quotidiana rimane complicata per molti residenti, in particolare a causa delle scuole che non riapriranno prima di metà giugno. “Lavoriamo ma senza rifornimenti, non c’è niente da fare”, ha detto all’AFP Kila Thomas, 58 anni, impiegato di un supermercato a La Tontouta, 50 chilometri a nord di Nouméa, aggiungendo che la sua famiglia sopravvive grazie alle scorte di cibo e viaggia a piedi a causa della carenza di carburante e dei posti di blocco.

Il FLNKS (Fronte Kanak e Socialista di Liberazione Nazionale) ha ammesso sabato che “oggi l’obiettivo principale del movimento indipendentista è allentare le tensioni e trovare soluzioni durature per il nostro Paese”.

I separatisti reclamano ancora il ritiro della riforma costituzionale, che causò la peggiore violenza degli ultimi 40 anni e risvegliò lo spettro degli “Eventi” che, dal 1984 al 1988, fecero quasi 80 morti e fecero temere il sprofondamento della Nuova Caledonia nella guerra civile. guerra.

(AFP)

-

NEXT ecco come osservarli e fotografarli in Francia (cielo permettendo)