Sono circa 1.700 le famiglie ancora in cerca di casa in Quebec

Sono circa 1.700 le famiglie ancora in cerca di casa in Quebec
Sono circa 1.700 le famiglie ancora in cerca di casa in Quebec
-

All’indomani del 1 luglio, più di mille famiglie sono ancora assistite dai servizi di assistenza nella ricerca di un alloggio, stima la FRAPRU, che pubblicherà il suo rapporto completo durante la settimana.

Martedì mattina 1.300 inquilini erano ancora assistiti dai servizi di supporto. A questo numero si aggiungono 385 nuclei familiari in sistemazione temporanea, cioè alloggiati presso parenti, ma che erano ancora alla ricerca di un alloggio.

In un’intervista allo show Informazioni MIDI trasmesse su ICI Première, la portavoce della FRAPRU Véronique Laflamme ritiene che questi numeri la dicono lunga sulla crisi immobiliare nella provincia,

La situazione è peggiorata. L’anno scorso, alla vigilia del 1° luglio, gli inquilini assistiti dai servizi di sostegno erano molti meno.

Una citazione da Véronique Laflamme, portavoce della FRAPRU

Secondo quest’ultimo, la combinazione di diversi fattori spiega la situazione attuale: la scarsità di alloggi in affitto, l’inaccessibilità dei prezzi e l’aumento degli sfratti.

“Fa la differenza”, osserva.

Tuttavia, trova “estremamente positivo” il fatto che oggi esistano servizi di assistenza abitativa in più di quaranta comuni del Quebec. Questo servizio, il cui finanziamento in passato spettava ai comuni, è oggi finanziato tutto l’anno dalla Société d’habitation du Québec.

La signora Laflamme nota, tuttavia, che l’assistenza offerta per quanto riguarda gli alloggi temporanei non è uniforme in tutta la provincia. “Non tutti i comuni vogliono offrire questo tipo di alloggio, perché costa sempre di più e richiede sempre più tempo. [pour trouver un logement] “, spiega.

Più alternative all’edilizia privata

In un’intervista, il portavoce della FRAPRU ha proposto soluzioni a breve termine per frenare il rapido aumento degli affitti. Vorrebbe che ci fosse un controllo obbligatorio sugli aumenti degli affitti, così come un registro degli affitti che si rivelerebbe uno strumento utile per gli inquilini.

“Secondo la Canada Mortgage and Housing Corporation (CMHC), solo a Montreal si registra un aumento del 19% [du loyer] quando c’è un cambio di inquilino”, si lamenta.

Apri in modalità a schermo intero

La situazione è peggiorata rispetto allo scorso anno, stima FRAPRU.

Foto: Radio-Canada

Vorrebbe anche che ci fossero più opzioni, oltre agli alloggi privati. “Spesso sentiamo dire che dobbiamo costruire, costruire, costruire. Forse risolveremo il problema della scarsità, ma avremo un problema ancora più grave di inaccessibilità”, afferma.

La signora Laflamme sostiene anche la costruzione di alloggi senza scopo di lucro, cooperative edilizie e alloggi sociali a basso canone, che oggi rappresentano solo il 10% del patrimonio locativo.

Diverse le soluzioni proposte, assicura Duranceau

La ministra responsabile dell’Edilizia del Quebec, France-Élaine Duranceau, ha però voluto difendere il suo primato in un’intervista al programma Informazioni MIDI sulle onde radio di ICI Première.

Abbiamo dato poteri speciali alle città affinché possano accelerare il rilascio dei permessi di costruire. Abbiamo anche proposto un disegno di legge per migliorare la flessibilità delle condizioni di lavoro per i lavoratori del settore edile.ha elencato.

Apri in modalità a schermo intero

France-Élaine Duranceau, Ministro responsabile dell’Edilizia (Foto d’archivio)

Foto: Radio-Canada / Xavier Gagnon

Il ministro ha anche menzionato l’aggiunta, lo scorso novembre, di 1,8 miliardi di dollari in cinque anni per creare 8.000 nuove unità abitative sociali ed economiche, comprese 500 unità per le persone senza dimora.

Inoltre, ha elogiato il disegno di legge 65, che vieta gli sfratti per un periodo di tre anni ed è in vigore dal 6 giugno.

“Ci sono diverse cose che sono state avanzate e sulle quali continuiamo a lavorare”, ha assicurato a Mathieu Belhumour.

Ha ribadito che è necessario aumentare l’offerta di alloggi, anche quelli più costosi.

Dobbiamo costruire tutti i tipi di alloggi, sociali, accessibili e anche un po’ più costosi, perché c’è un effetto domino. Quando le persone si trasferiscono in alloggi più costosi, si liberano alloggi più convenienti.

Una citazione da France-Élaine Duranceau, ministro responsabile dell’Edilizia

Progetti [au niveau du logement social et abordable] andare avanti ed uscire da terra, e questo allenterà la pressione. Non ci vorranno sei mesi o un anno, ma alla fine vedremo i frutti dei nostri sforzilei ha aggiunto.

Da leggere e guardare:

-

PREV revocata la custodia di due poliziotti
NEXT Molti meno veicoli immatricolati nel giugno 2024 rispetto a un anno prima in Belgio (infografica)