L’incredibile lotta di un belga: “Ho organizzato un’operazione in Russia per mia figlia Marie Elisabeth”

L’incredibile lotta di un belga: “Ho organizzato un’operazione in Russia per mia figlia Marie Elisabeth”
L’incredibile lotta di un belga: “Ho organizzato un’operazione in Russia per mia figlia Marie Elisabeth”
-

Elena è una dirigente del settore farmaceutico. Da parte sua, Pascal è un pilota di aviazione d’affari. Viene dal Brabante Vallone. Negli anni 2010 la coppia risiedeva in Svizzera, a Ginevra dove si incontrarono e vissero per diversi anni, e dove Marie Elisabeth nacque nel 2014. Una mattina di dicembre 2016, Elena partì con la bambina. Pascal Driess ha trascorso dieci mesi cercando di localizzarli. Elena, senza il suo consenso, aveva portato Marie Elisabeth in Russia. Il piccolo aveva allora 2 anni e mezzo. La situazione ha permesso al belga di recarsi in Russia per un po’. Pascal ci è andato due o tre volte, l’ultima a maggio 2018. Poi Elena non ha più voluto. Ora consentiva solo i contatti Skype. Alla fine Pascal poteva parlare con sua figlia solo durante i compleanni. Il 4 giugno 2020 è stata l’ultima volta. Marie avrebbe compiuto sei anni.

L’anno successivo Pascal non poté telefonare. Poi è arrivata la guerra in Ucraina e tutto è stato interrotto. Insomma, Pascal Driess non vede sua figlia “dal vivo” dal 2018 – esattamente 2.222 giorni – e non la vede in foto né le parla via Skype da quattro anni. È diventata la lotta della sua vita.

“I russi odiano Putin”: le parole di un ex agente del KGB

“800 bambini”

In questa lotta, il belga si rese conto di non essere l’unico. In Europa ce ne sono diverse centinaia. Ed è così che ha deciso di creare una fondazione alla quale ha dato naturalmente il nome di sua figlia, Foundation Marie Elisabeth International Child. La sede si trova a Bruxelles nel quartiere europeo. Sebbene ogni situazione sia diversa, Pascal stima che il numero di bambini occidentali che si troverebbero in una situazione paragonabile sia “circa 800”. “Tra questi ci sono i genitori che riescono a mantenere i contatti in Russia. Nel mio caso semplicemente non ce ne sono da anni.”.

Pascal Driess non è mai stato e non sarà mai un sostenitore duro. Ha lavorato continuamente per costruire ponti con la sua ex moglie e i suoceri. Aveva notato che Elena ha 25 indirizzi e-mail: da quando lei lo ha lasciato, si è prefissato di inviare regolarmente messaggi “dolci, rispettosi, riconcilianti” ai 25 indirizzi, guidato dagli interessi di Marie Elisabeth.

All’inizio dell’anno scolastico, l’anno scorso, Pascal scriveva ancora: “Cara Elena, spero che questo messaggio vi trovi tutti in buona salute. Soprattutto, voglio assicurarti che la mia priorità è il benessere di nostra figlia. Anche se abbiamo attraversato momenti difficili e la comunicazione è diventata complicata, vorrei esprimere il mio desiderio di collaborare affinché Marie possa prosperare pienamente.”.

In Russia, Elena non ha risposto. Così Pascal Driess concepì un progetto audace che incaricò persone di sua fiducia di realizzare nel più grande segreto in Russia, a San Pietroburgo.

Perché la madre di Kadyrov, dittatore ceceno e alleato di Putin, è stata sanzionata dall’Unione Europea

Sessanta secondi

È qui che Marie Elisabeth è, è cresciuta e va a scuola, oggi, ne è certo. L’operazione mirava a ritrovare la traccia: missione riuscita. La squadra ha trovato Marie Elisabeth. Ha potuto incontrarla e anche parlarle per qualche istante il 4 giugno, giorno del suo decimo compleanno.

Marie appare in buona salute. A questo livello, suo padre è rassicurato.

Pascal Driess ha insistito: “L’obiettivo non era in alcun modo aggressivo. Volevamo fargli dei regali e consegnargli un messaggio dai suoi nonni. Ha dei nonni in Belgio che soffrono di non vederla più. Il terzo obiettivo era cercare di comprendere le sue esigenze attuali. Il quarto, inviare un messaggio di mediazione alla madre. Cerco contro ogni previsione di tendere la mano. Penso solo alla felicità di nostra figlia. Nonostante la situazione internazionale, dobbiamo trovare un modo per andare avanti”.

L’operazione era ad alto rischio. Era stato preparato nel più grande segreto. Il team ha riportato delle foto dalla Russia che suo padre ha scoperto con l’intensa emozione che possiamo immaginare: non aveva più foto di Marie Elisabeth dal 2020. Quanto è cresciuta Marie in quattro anni! Il contatto è avvenuto per strada, nei pressi dell’istituto dove frequenta la scuola. Durò meno di un minuto. Tutto si è svolto senza incidenti.

Elena ovviamente rimase molto sorpresa da tanta audacia. Da parte sua, Marie Elisabeth ha reagito poco, non senza interrogare suo padre. “Fisicamente, mia figlia sembra stare bene. È la sua mente che mi chiedo.

“Sono fuggita da una rete di prostituzione brasiliana a Namur”: la vittima aveva “nove clienti al giorno”

Un titolo di articolo disastroso

Sono diversi mesi che seguiamo la lotta di Pascal Driess. Il precedente articolo (DH del 23 febbraio 2023) titolava: “Stanno denazificando mia figlia”.

Pascal ha voluto reagire, questo titolo”non riflettendo né le mie parole né i miei pensieri. L’effetto fu disastroso, l’articolo è stato tradotto da The Bruxelles Times e The Mosca Times: ““I russi stanno cercando di denazificare mia figlia di 8 anni”, afferma un padre belga.

In questa lotta che continua con altri genitori in Europa, Pascal Driess precisa che la Fondazione Marie Elisabeth da lui creata è “profondamente apolitico. Difendiamo i bambini europei tanto quanto quelli russi. Per noi è ovvio che ogni bambino ha diritto ad entrambi i genitori”. Pascal ha altri piani. La sua determinazione ed entusiasmo incutono rispetto. Non ha alcuna intenzione di arrendersi.

* Per contattare la Marie Elisabeth International Child Abduction Foundation: [email protected]

-

PREV Le Havre. Gli abiti di seconda mano saranno venduti al Parc de Rouelle questo fine settimana
NEXT Natalie Portman racconta la sua vita in Francia in un famoso talk show americano