L’ex ministro Clément Beaune contestato dal primo vice di Parigi, Emmanuel Grégoire, nel 7° collegio elettorale

L’ex ministro Clément Beaune contestato dal primo vice di Parigi, Emmanuel Grégoire, nel 7° collegio elettorale
L’ex ministro Clément Beaune contestato dal primo vice di Parigi, Emmanuel Grégoire, nel 7° collegio elettorale
-

Il 30 giugno e il 7 luglio, l’ex ministro dei Trasporti e attuale primo vice di Anne Hidalgo al municipio di Parigi si sfideranno per il 7° collegio elettorale che, domenica sera del primo turno, sarà uno dei più esaminati della capitale.

Nel bel mezzo del rimorchio sul mercato di Popincourt (11° arrondissement di Parigi) questo venerdì 21 giugno, Clément Beaune ed Emmanuel Grégoire si stringono la mano. I due candidati si sono incontrati a Matignon, ai tempi di Jean-Marc Ayrault, e da allora hanno preso strade opposte.

Entrambi però si giocano il loro futuro politico a Parigi, attorno a Place de la Bastille. Il macronista Clément Beaune e il socialista Emmanuel Grégoire, oppositori per un seggio a Palazzo Borbonico, devono districarsi dalle contraddizioni del proprio campo.

Un primo duello… prima del 2026?

La circoscrizione elettorale, nel cuore di Parigi, si trova a cavallo tra il 4°, 11° e 12 arrondissement. È sotto esame perché entrambi i candidati hanno ambizioni per il municipio di Parigi. Anche se lo assicurano: il tempo non è il 2026.

“Il momento è troppo serio per pensare al futuro”, assicura Clément Beaune al microfono del BFM Paris Île-de-France.

“Ho sempre detto che ero impegnato con Parigi, che più tardi prenderò le mie decisioni sul futuro. Ma oggi abbiamo il pericolo del Rally Nazionale. E di fronte alla RN la risposta non può essere “, sappiamo soprattutto a Parigi, il compromesso con una Francia ribelle che non è chiara sull’antisemitismo, che non è chiara sul rispetto delle istituzioni repubblicane”, assicura il deputato uscente di Renaissance.

“No, non è assolutamente questo il tema”, aggiunge il socialista Emmanuel Grégoire.

“E io inizialmente non volevo candidarmi alle elezioni legislative nella mia vita politica. Ho una passione, è Parigi. Il mio impegno è Parigi. Ma dobbiamo semplicemente capire cosa è successo, sia per il punteggio altissimo che ne è derivato dalle elezioni europee della RN, e soprattutto dallo scioglimento che pone l’estrema destra alle porte del potere”, spiega la prima vicesindaca di Parigi Anne Hidalgo.

“La guida dei backpacker parigini”

Per Emmanuel Grégoire, il suo impegno in questa campagna è “un dovere morale, un dovere politico di riunirsi per proporre un’altra strada per il Paese”.

“Le elezioni municipali sono lontane. Domani ci saranno le elezioni municipali e oggi tutta la mia energia è lì per proteggere il mio Paese”, ha detto l’eletto. “È lì per tutelare gli interessi dei parigini, per tutelare anche gli interessi delle istituzioni che saranno dei contropoteri se la RN andrà al potere e in particolare la città di Parigi che io conosco, voi la conoscete intimamente”, spiega Emmanuel Grégoire al microfono della BFM Paris Île-de-France.

Quanto al suo futuro nel Consiglio di Parigi, assicura che continuerà a sedervi anche se verrà eletto deputato. “Se fossi eletto, dovrei lasciare il mio posto di primo deputato, poiché è un’incompatibilità giuridica ed è normale, con tali cumuli non si può fare bene”, precisa, annunciando la settimana scorsa che avrebbe restituito le sue delegazioni al Parlamento. sindaco di Parigi a guidare la campagna.

Clément Beaune, il deputato uscente del Rinascimento, figura dell’ala sinistra dei macronie, è stato ministro responsabile dell’Europa, poi dei Trasporti per Emmanuel Macron. A gennaio ha lasciato il governo dopo le dimissioni del primo ministro Elisabeth Borne, poche settimane dopo il voto sulla legge sull’immigrazione alla quale si era opposto.

Durante il secondo turno delle elezioni legislative del 2022, Clément Beaune ha vinto di misura con 658 voti davanti alla candidata (LFI-Nupes) Caroline Mecary.

“Sono qui per vincere, per continuare. Ma conosco battaglie elettorali difficili. L’ho sperimentato nel 2022 e chi pensa con un po’ di arroganza che la gente abbia già fatto la sua scelta quando non “ha votato, non ha messo un’unica votazione nella casella, sarà il 30 giugno”, sfuma l’ex ministro che critica anche Emmanuel Grégoire per aver realizzato “la guida parigina dei backpacker”.

“Il Partito Socialista ha forti radici storiche”

Questa candidatura, come rappresentante del Nuovo Fronte Popolare, può essere vista come un modo per Emmanuel Grégoire di acquisire notorietà e ottenere l’indipendenza difendendo le proprie convinzioni davanti ai parigini. “Ora che non va più d’accordo con Anne Hidalgo, cerca una via di fuga”, riassume Clément Beaune, il suo avversario.

Tanto più che, secondo i risultati delle elezioni europee, il socialista potrebbe vincere. Se sommasse i punteggi della sinistra: avrebbe il 57,8% dei voti.

“Il Partito Socialista ha forti radici storiche. Patrick Bloche è stato deputato per molto tempo e io gli sono molto legato. Sono stato suo deputato nel 2017 in questa circoscrizione e quindi sì, ci è sembrato più logico che in questo accordo del Nuovo Fronte Popolare”, ha dichiarato Emmanuel Grégoire al microfono del BFM Paris Île-de-France.

Progetto contro progetto

Per quanto riguarda il programma, i due candidati hanno avanzato diverse proposte. Innanzitutto politico per Clément Beaune che vuole un “metodo di voto proporzionale per le future elezioni” e che sia “più democratico”. Ma anche parsimonioso con proposte di potere d’acquisto come il social leasing per veicoli elettrici “puliti e convenienti”, per i pendolari, per i parigini che hanno bisogno dei trasporti pubblici ma che hanno bisogno anche di un’auto pulita e conveniente «Cerco di essere concreto e con i piedi per terra “, ha detto l’ex ministro.

«Ci ​​sono quattro settori d’azione prioritari in quello che voglio guidare personalmente», assicura da parte sua Emmanuel Grégoire con la scuola pubblica, la sanità, l’edilizia abitativa e l’azione a favore delle famiglie monoparentali.

“È una lotta personale da moltissimo tempo. È a favore delle famiglie monoparentali, delle donne monoparentali. È una nuova realtà sociale che è stata poco pensata dal nostro Paese, dobbiamo fare molto di più per aiutare i single -famiglie genitoriali che molto spesso sono donne con l’affidamento esclusivo dei figli e che si trovano in una difficoltà immensa”, prosegue quest’ultima.

Tra i nove candidati nel collegio elettorale, si schierano contro di loro anche il portavoce del gruppo Changer Paris Aurélien Véron per i repubblicani e Nouvelle Énergie e Céline Tacher per il Raggruppamento nazionale.

Nicolas Dumas e Alixan Lavorel con l’AFP

I più letti

-

PREV Giochi Olimpici di Parigi 2024: scopri il viaggio della fiamma olimpica nell’Essonne, città per città
NEXT il tribunale commerciale di Orléans rinvia la decisione su un possibile acquirente al 26 luglio