“Su questa linea ci sono più stazioni chiuse che aperte”: si lotta perché il treno sia una priorità nell’Aveyron

“Su questa linea ci sono più stazioni chiuse che aperte”: si lotta perché il treno sia una priorità nell’Aveyron
“Su questa linea ci sono più stazioni chiuse che aperte”: si lotta perché il treno sia una priorità nell’Aveyron
-

Anche se la stazione di Aguessac non è più servita da molti anni, Fearghal Mc Laughlin, cittadino attivista delle ferrovie, e gli ecologisti dell’Aveyron (EELV) affermano la loro opinione: il treno deve ritornare e servire meglio l’Aveyron.

Sono 30 anni che il treno passa davanti alla stazione di Aguessac senza fermarsi lì. Dal 1990 lo stop è stato rimosso. E dal 2017 la linea ferroviaria che collega Rodez a Millau – passando per Aguessac – è chiusa. In questione: il ripristino della linea nell’ambito del programma Fine Territorial Lines.

All’inizio del 2022 sono iniziati i lavori per liberare la linea tra Rodez e Sévérac-d’Aveyron. Era l’inizio di un progetto che annunciava la riapertura della linea per il 2026. Ma da allora la data ha continuato ad essere posticipata.

Lo rende noto oggi il sito della Regione “la riapertura della linea con sei fermate entro il 2030”. Le stazioni interessate saranno: “Rodez, Bertholène, Laissac, Sévérac-le-Château, Aguessac, Millau”. “Se il programma verrà rispettato, saranno 13 anni di chiusura” sottolinea Fearghal Mc Laughlin, cittadino impegnato nella riabilitazione e nello sviluppo delle linee ferroviarie. E “Orizzonti 2030 non è comprensibile”per il rappresentante dell’EELV nell’Aveyron, Geoffrey Lonjon.

Una sosta ad Aguessac prima del 2030?

Così, il 22 maggio, Fearghal Mc Laughlin ha inviato un’e-mail ai funzionari eletti e ai rappresentanti statali per avvisarli della necessità di ricreare una fermata alla stazione di Aguessac, e questo prima della fine dei lavori prevista per il 2030. Un punto strategico che potrebbe “beneficiano tre città vicine: Verrières, Rivière-sur-Tarn e La Cresse”.

“Su questa linea ci sono più stazioni chiuse che stazioni aperte. È davvero un deserto ferroviario.” Un’assenza che, secondo Fearghal Mc Laughlin, abituale treno, “Ci tagliano fuori dalla nostra prefettura e da molte città”.

Ferrovie messe da parte dai politici?

Oggi il treno passa per Aguessac ma non si ferma lì. Un’incomprensione per il passeggero abituale che, in più occasioni, ha contattato gli eletti. “Mi dicono che è una buona idea, che bisogna andare avanti, ma non si fa niente”.si rammarica.

Dalla parte degli ecologisti, “abbiamo l’impressione di volontarismo politico intorno all’auto”stima Geoffrey Lonjon. “Viviamo in un parco ma la prima cosa che facciamo è usare l’auto e inquinare”. Per Fearghal Mc Laughlin questa riapertura avrebbe molti vantaggi, tra cui: “la decarbonizzazione del nostro viaggio nella valle del Tarn”.

Corsi d’azione

Quindi, coloro che si battono per la riapertura della stazione di Aguessac propongono diverse linee d’azione: “Una prima consultazione locale tra eletti, sottoprefetto, prefetto, PNRGC, Ufficio del Turismo. Richieste di avanzamento dei lavori nei tempi previsti. Poi, comunicazioni regolari con viaggiatori e residenti per sapere finalmente a che punto siamo con questo progetto”.

Diverse le proposte che Fearghal Mc Laughlin si aspetta “buona volontà” da funzionari eletti. Vie d’azione che ritiene fattibili, se non comprensibili data l’emergenza ecologica e la necessità che tutti i territori investano nella transizione ecologica, e in tempi rapidi.

-

PREV Il CF Montreal acquista il difensore inglese Tom Pearce
NEXT I 10 titoli più popolari su YouTube Senegal nel luglio 2024