Come questa lavanderia Cantal risparmia il 50% di acqua

Come questa lavanderia Cantal risparmia il 50% di acqua
Come questa lavanderia Cantal risparmia il 50% di acqua
-

La lavanderia di Boisset, nel Cantal, ha realizzato importanti investimenti per ridurre il consumo di acqua ed energia. Ora consuma in pochi mesi il 50% di acqua rispetto alla media del settore.

Fondata nel 1962 a Cantal, la lavanderia Boisset era inizialmente una lavanderia a secco. L’azienda cresce, ma con l’arrivo dei materiali sintetici il modello crolla. Rémi Boisset, associato ai suoi due fratelli Paul e Valentin a capo della lavanderia, ricorda : “ Quando mio padre e mio zio rilevarono l’attività negli anni ’80, iniziarono a noleggiare e mantenere articoli tessili per professionisti. Si tratta principalmente dell’abbigliamento da lavoro per l’industria alimentare e per il settore alberghiero e della ristorazione. » Da allora la lavanderia ha trovato il suo modello economico : “ Acquistiamo la biancheria che forniamo ai nostri clienti e ne curiamo la manutenzione per tutta la durata del contratto. “.

Dal 1984 l’azienda è alla ricerca di soluzioni per risparmiare acqua. : “ Abbiamo iniziato a raccogliere l’acqua piovana e la neve che si scioglieva grazie ai carri armati. Sono conservati in una riserva idrica sotto la pianta 600 000 litri. Permette di recuperarli e immagazzinarli, così come l’acqua raccolta dalla trivellazione di cui disponiamo. » La lavanderia raccoglie quest’acqua da 40 anni per evitare di attingere alle sue riserve.. “ Aiuta anche a ridurre i prelievi in ​​caso di siccità. », aggiunge Rémi Boisset. Grazie a questa duplice risorsa, l’azienda mantiene il tessile in maniera autosufficiente.

Non è tutto. Le dotazioni tecniche di cui è dotata la lavanderia permettono di consumare il 50% di acqua in meno rispetto alla media del settore. : “ Fa ancora sforzi notevoli perché riesce a ridurre il consumo di acqua del 15-20% ogni anno. “, ricorda Rémi Boisset. Ma la lavanderia resta ancora un passo avanti rispetto alla concorrenza : “ Ciò comporta investimenti in tunnel di lavaggio automatizzati di ultima generazione. Risparmiano acqua grazie alla loro capacità variabile : regoliamo il volume dell’acqua e il dosaggio dei prodotti in base al peso della biancheria. »

La lavanderia è specializzata nel noleggio e nella manutenzione della biancheria per professionisti.

© SOISSONS PIERRE

Riciclare l’acqua

Alla fine del lavaggio, la biancheria viene pressata per rimuovere quanta più acqua possibile dal tessuto, ma quest’acqua non viene persa. “ Viene recuperato per effettuare un nuovo risciacquo poi viene riutilizzato nuovamente all’inizio del tunnel di lavaggio per bagnare e prelavare la biancheria, perché contiene prodotti per il lavaggio. “, spiega Rémi Boisset. L’acqua passa quindi attraverso un sistema di filtraggio che catturerà la materia sospesa, come la lanugine. Inoltre, il bucato dimostra che puoi risparmiare acqua senza mescolare bianco e colori : “ Disponiamo di serbatoi di stoccaggio nei tunnel di lavaggio, che consentono, durante il trattamento di capi di colori diversi, di immagazzinare l’acqua in luoghi diversi invece di scaricarla per cambiare colore. Lì potremo riutilizzarlo quando sarà il momento »dà il benvenuto a Rémi Boisset.

La lavanderia è diventata esperta nell’arte del riciclo e del risparmio dell’acqua : “ Abbiamo un tasso di riciclo dell’acqua del 60%, il che significa che un litro d’acqua verrà utilizzato da 3 a 6 volte prima di essere gettato via. » È stato nel 2014, 10 anni fa, che è avvenuto il passaggio a questo nuovo sistema. Quell’anno l’azienda ha reinvestito il 100% del suo fatturato, ovvero 3,5 milioni di euro, in un sistema con marchio di qualità ecologica e in moderni tunnel di lavaggio. Uno scambiatore di calore, installato nel 2002, recupera anche le calorie delle acque reflue per riscaldare l’acqua di lavaggio, ma non è tutto. “ Per quanto riguarda l’hotel, la lavanderia è dotata di marchio di qualità ecologica, il che significa che utilizziamo prodotti per il lavaggio eco-responsabili. Ciò permette di generalizzare il lavaggio a 40°C, mentre prima si poteva arrivare fino a 80°C. » Risultato: 40% in meno di gas consumato e 50% di acqua risparmiata. La lavanderia ha inoltre sostituito la caldaia con un generatore di vapore.

Dal punto di vista finanziario, gli investimenti saranno redditizi a medio termine, secondo Rémi Boisset : “ Sentiamo dire che la transizione ecologica genera costi aggiuntivi, ma vediamo che possiamo coniugare ecologia e performance economica. Rimaniamo competitivi anche se consumiamo molta meno energia rispetto ai nostri concorrenti. Quando consumiamo la metà dell’acqua, è un circolo virtuoso. I ritorni sugli investimenti sono relativamente rapidi. » Questo approccio virtuoso aumenta anche in modo naturale la risorsa idrica della lavanderia. : “ Le nostre perforazioni vengono sfruttate solo per metà per preservare le falde acquifere e quindi la capacità delle nostre perforazioni aumenta naturalmente »indica Rémi Boisset.

Tutta la filiera che permette alla lavanderia di funzionare è diventata green, per risparmiare risorse : “ Scegliamo un partner per gli acquisti tessili che offre una gamma con la metà degli agenti chimici, in particolare gli agenti sbiancanti utilizzati durante l’abbellimento. Ciò consente loro di risparmiare il 60% di acqua perché è necessario meno risciacquo per rimuoverli. Alcuni tessuti vengono mantenuti con lavatrici destinate ai privati. Devi sapere che per i lavaggi industriali utilizziamo il 70% di acqua in meno e l’85% di prodotti chimici in meno. » La lavanderia Boisset sta attualmente portando avanti un progetto di ampliamento legato alla ricostruzione completa della lavanderia Bo Blanc, per creare una nuova riserva d’acqua di 600.000 m3, raddoppiandone così la capacità.

-

PREV Isère. Di fronte al rischio di chiusura del sito, i dipendenti di Valéo Saint-Quentin-Fallavier scioperano
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France