Blair dice che la visita della nave canadese a Cuba è stata attentamente pianificata

Blair dice che la visita della nave canadese a Cuba è stata attentamente pianificata
Blair dice che la visita della nave canadese a Cuba è stata attentamente pianificata
-

Lo scalo all’Avana attira l’attenzione questa settimana perché la nave della Marina canadese è ormeggiata a Cuba insieme ad una flottiglia russa. La “visita al porto” è stata effettuata su richiesta della Royal Canadian Navy e del Canadian Joint Operations Command.

Blair afferma che il governo canadese era a conoscenza della presenza di navi russe nella zona nello stesso momento. Ha assicurato che le navi russe all’Avana non rappresentano “nessuna minaccia immediata” né per il Canada né per i canadesi, e che questo viaggio aveva lo scopo di dimostrare “la presenza, la capacità navale e l’impegno [du Canada] per acque sicure e aperte nelle Americhe.

“Il dispiegamento di queste navi e aerei invia un messaggio molto chiaro: il Canada ha un esercito capace e pronto a schierarsi e non esiteremo a fare ciò che è necessario per proteggere i nostri interessi nazionali”, ha affermato il ministro Blair in una conferenza stampa conferenza lunedì a Ottawa.

“Il Canada (…) è determinato a mantenere una presenza militare credibile nei mari e nell’aria intorno al nostro continente”.

In un comunicato stampa dello scorso aprile, la Marina ha spiegato che l’HMCS Margaret Brooke, durante il viaggio di ritorno dopo uno schieramento nelle Indie Occidentali, effettuerà una “visita in porto” all’Avana, dal 14 al 17 giugno, per celebrare gli 80 anni di “ ininterrotte” relazioni diplomatiche con Cuba, nel 2025. La nave è ora in rotta verso il Canada.

La flotta di navi da guerra russe ha lasciato lunedì il porto dell’Avana dopo una visita di cinque giorni a Cuba dopo esercitazioni militari programmate nell’Oceano Atlantico, secondo l’Associated Press. Un sottomarino a propulsione nucleare, una fregata, una petroliera e un rimorchiatore di salvataggio hanno lasciato lentamente il porto lunedì mattina.

Cuba, alleata del Canada?

I conservatori di Ottawa hanno criticato la decisione sui social media, dopo che il ministro degli Esteri Mélanie Joly ha dichiarato in una recente intervista alla CBC di non essere a conoscenza del fatto che una delle navi pattuglia canadesi fosse attraccata a L’Avana contemporaneamente alle navi da guerra russe. “Questa è un’informazione nuova per me”, ha ammesso la signora Joly mentre ospitava David Cochrane nel fine settimana.

Il leader conservatore Pierre Poilievre ha definito la visita “sconsiderata, radicale e pericolosa” sui social media. Sottolinea che Cuba è governata da una brutale dittatura comunista.

Lunedì, alla domanda se considerasse Cuba un alleato del Canada, il ministro Blair ha risposto: “No, non lo penso”.

“Ma abbiamo alleati attraverso la NATO, e abbiamo altri paesi con cui abbiamo rapporti di lavoro, in particolare nella regione CARICOM”, ha detto, aggiungendo che il Canada ha rapporti con “un certo numero di nazioni insulari”.

Blair ha ammesso che i canadesi potrebbero essere confusi riguardo allo scopo della visita, se la vedessero rigorosamente attraverso una “lente politica di parte”, aggiungendo che il viaggio attentamente pianificato aveva lo scopo di inviare un messaggio.

Interrogato specificamente sui consigli fornitigli dallo stato maggiore che hanno portato a questo dispiegamento, Blair ha affermato che “alcuni aspetti delle informazioni” provenienti dalla Marina erano riservati. Si è anche rifiutato di dire se il Canada volesse raccogliere informazioni sui russi.

“E come ho detto, il loro compito è dimostrare la nostra presenza, dimostrare la nostra capacità navale e dimostrare e affermare l’impegno del Canada verso acque aperte e sicure in tutte le Americhe. Ecco perché eravamo lì.”

La visita all’Avana è la prima della Marina canadese dal 2016 e arriva in un momento in cui il Canada ha inviato miliardi in aiuti e attrezzature militari all’Ucraina per aiutarla a combattere l’invasione russa, iniziata nel febbraio 2022.

Il primo ministro Justin Trudeau è tornato in Canada domenica dopo un vertice in Svizzera per contribuire a promuovere la pace in Ucraina.

Durante il suo soggiorno, Trudeau ha promesso 52 milioni di dollari per aiutare l’Ucraina e ha co-presieduto una sessione dei leader durante la quale ha discusso la necessità che la comunità internazionale chieda il ritorno di quasi 20.000 bambini ucraini prelevati dalle loro case dalla Russia.

-

PREV Cosa cambia la nuova legge sui servizi per l’immigrazione?
NEXT Estiv’art torna ad Alençon per la terza edizione