Un referendum sulla sovranità sarebbe “irresponsabile” secondo François Legault

-

Il premier del Quebec François Legault non esclude l’indizione di un referendum sui poteri di rimpatrio in materia di immigrazione, se il governo federale si rifiuta di ridurre del 50% il numero di immigrati temporanei.

Sottolinea anche che non è così non chiuso all’idea di indire un referendum su una nuova costituzione per il Quebec, ma è convinto che non esiste una maggioranza di cittadini del Quebec che vogliono la sovranità.

Secondo lui, La cosa peggiore che potrebbe accadere è perdere un terzo referendum sulla sovranità.

L’emergenza nazionale è dimezzare il numero degli immigrati temporaneidice in un’intervista a Patrice Roy.

Apri in modalità a schermo intero

Il primo ministro François Legault ha parlato con il conduttore Patrice Roy.

Foto: Radio-Canada / Ivanoh Demers

François Legault, che conferma la sua intenzione di ricandidarsi alle prossime elezioni in Quebec, ribadisce anche che il 100% del problema della crisi abitativa deriva dall’aumento del numero di immigrati temporanei.

Sottolinea che in due anni la provincia ha visto aumentare il numero degli immigrati temporanei di 270.000 persone. 000 [immigrants temporaires]non ci sarebbe più la crisi immobiliare “,”testo”:”Se domani mattina non avessimo questi 270.000 [immigrants temporaires]non ci sarebbe più la crisi immobiliare “}}”>Se domani mattina non avessimo questi 270.000 [immigrants temporaires]non ci sarebbe più una crisi immobiliareEgli ha detto.

Alla fine del 2023, il Quebec contava un totale di 560.000 immigrati temporanei nella provincia. François Legault sottolinea che due terzi di questo numero sono gestiti da Ottawa.

Nonostante il desiderio del Primo Ministro di ridurre considerevolmente il numero degli immigrati temporanei, lunedì abbiamo appreso che nessun governo nella storia del Quebec ha fatto così tanti sforzi per reclutare lavoratori temporanei all’estero.

Dal 2018, la Coalizione Avenir Québec (CAQ) ha aumentato le sue sessioni di reclutamento all’estero, con spese pari a quasi 1,4 milioni di dollari.

François Legault afferma che questi programmi sono necessari e non sono la fonte del problema. Si tratta di programmi in cui il numero è ancora limitato [de travailleurs temporaires] nei settori in cui ne abbiamo davvero bisognolui dice.

Il Primo Ministro afferma inoltre che il governo intende ridurre il numero degli studenti temporanei, ma che la maggior parte delle riduzioni dovrà essere effettuata da Ottawa, in particolare tra i richiedenti asilo.

% Popolazione [du Canada]ne riceve 50%”,”text”:”Non è normale che il Quebec, che rappresenta il 22% della popolazione [du Canada]riceve il 50%”}}”>Non è normale che il Quebec, che rappresenta il 22% della popolazione [du Canada]riceve il 50%insiste.

Devi muoverti [des demandeurs d’asile ] in altre province si fa negli Stati Uniti.

Una citazione da François Legault, primo ministro del Quebec

In Quebec siamo sempre stati accoglientisostiene il Primo Ministro. Ma quando aumentiamo di 270.000 [personnes ] in due anni è semplicemente impossibile.

François Legault ritiene inoltre che si debba ridurre il tempo necessario per studiare i dossier e verificare se i richiedenti asilo soddisfano i criteri. Discute anche l’idea di richiedere visti per diversi paesi.

Abbiamo scelto di fare ponte

Il governo ha annunciato giovedì il suo impegno a costruire un ponte a est del Quebec e di Lévis, nonostante il rapporto della Caisse de dépôt et placement du Québec (CDPQ Infra).

Il premier del Quebec afferma che non si tratta di una scelta elettorale. Abbiamo un file in cui non è tutto in bianco e nerosottolinea.

Sostiene la tesi di sicurezza economica e ribadisce che è importante disporre di un’alternativa al ponte Pierre-Laporte per il traffico dei camion. Non è grave, per una città delle dimensioni del Quebec, affermare che non esiste un ponte alternativolui ripete.

È un rischio enorme affermare che se il ponte [Pierre-Laporte] fermo, tutti i camion dovranno passare per Trois-Rivières. Ciò non è ragionevole.

Una citazione da François Legault, primo ministro del Quebec

François Legault afferma inoltre che gli esperti hanno già escluso l’idea di abbassare l’impalcato del ponte del Quebec come soluzione alternativa al terzo collegamento autostradale, come proposto dal ministro federale Jean-Yves Duclos.

Gli esperti del Ministero dei Trasporti ci dicono che questo non è fattibilelui spiega.

Per lui non c’è alcuna opposizione tra il progetto del tram e la costruzione di un nuovo ponte, poiché il suo governo intende fare entrambe le cose. Questo è il motivo per cui si dice pronto a lavorare con il primo ministro federale in carica, indipendentemente da chi sarà al potere, quando i progetti verranno realizzati.

Apri in modalità a schermo intero

“L’emergenza nazionale è dimezzare il numero degli immigrati temporanei”, afferma François Legault in un’intervista a Patrice Roy.

Foto: Radio-Canada / Ivanoh Demers

Sa che Justin Trudeau non è favorevole al terzo collegamento autostradale e che Pierre Poilievre non intende investire in una tramvia.

La mia speranza è riuscire a convincere il signor Trudeau o il signor Poilievre che abbiamo bisogno di entrambi i progetti. […] Voglio dire a entrambi i leader che entrambi i progetti sono importantiinsiste.

François Legault è anche fiducioso di portare avanti il ​​progetto da qui alle prossime elezioni in Quebec. Ho ancora due anni e mezzo per dimostrare loro che il dossier sta andando avanti. […] In due anni e mezzo posso fare molto per convincere che ciò accadràsi difende.

UN battaglia per combattere con i medici di famiglia

François Legault intende sostenere il Ministro della Salute Christian Dubé e la Presidente del Consiglio del Tesoro Sonia LeBel per resistere davanti ai medici di famiglia, che secondo lui devono visitare più pazienti.

Non potremo mai migliorare significativamente la rete sanitaria se non avremo una reale assistenza da parte dei medici di famiglia.si difende.

Dice di essere consapevole che il sindacato dei medici di famiglia lo è potente e lo ha fatto piegare tutti i primi ministri, compreso Philippe Couillard.

So che ci vorranno diversi mesi [et que] Sarà difficilelui dice.

Il Primo Ministro afferma che non intende procedere ad un rimpasto di governo e che lo farà soddisfatto della sua squadra.

-

PREV Uomo di Winnipeg accusato di 21 reati nell’indagine di Brooklands
NEXT L’equipaggio della Réunion si classifica 8° nella tappa Dieppe-Deauville del Tour Voile