Diritti d’autore statali: A Rabat un primo passo del nuovo sindaco verso i proprietari di bar e ristoranti

Diritti d’autore statali: A Rabat un primo passo del nuovo sindaco verso i proprietari di bar e ristoranti
Diritti d’autore statali: A Rabat un primo passo del nuovo sindaco verso i proprietari di bar e ristoranti
-

JavaScript è disabilitato! Perché vuoi farlo? Abilita JavaScript nel tuo browser web!


L’Associazione nazionale dei ristoratori del Marocco ha incontrato martedì scorso, 11 giugno, il nuovo sindaco di Rabat, Fatiha El Moudni, sul decreto fiscale applicato lo scorso settembre e che aveva suscitato scalpore.

Sta cercando di rinnovare il dialogo con tutte le categorie, in particolare quelle professionali, che erano in conflitto con il suo predecessore, Asmaa Rhlalou, e di trovare un terreno comune. Si dice pronta a trovare una soluzione alla situazione attuale nel settore dei bar e della ristorazione, secondo il presidente dell’associazione contattato da Médias24.

Verso una riduzione delle tasse locali a Rabat?

“L’incontro con il nuovo sindaco di Rabat è stato positivo“, ci dice Noereddine El Harrak. “Lei è pronta a risolvere il problema posto dal decreto fiscale a Rabat. Non ha detto chiaramente che riconsidererà questo ordine, ma piuttosto che cercherà di abbassare le tasse comunali fissato da quest’ultimo a Rabat”, i cui importi furono aumentati da Rhlalou al suo arrivo alla guida del Consiglio.

«È impegnata a studiare l’attuale problema del settore», aggiunge la nostra fonte. “Ma ha alle spalle un intero Consiglio. La decisione quindi non è individuale. Deve essere discussa da tutto il Consiglio, che uscirà con una decisione comune. Ma in ogni caso l’intenzione c’è”.

Prima della revisione di questo decreto fiscale, bar e ristoranti della capitale pagavano tra 30 e 50 DH/m² per trimestre per l’occupazione del demanio pubblico. Dopo la sua revisione, tali tariffe sono state aumentate. Attualmente sono tra 370 DH e 525 DH/m² al trimestrea seconda del quartiere in particolare, o in mezzo 1.480 DH e 2.100 DH/m² all’anno.

Dopo la revisione, il comune di Rabat ha notificato un avviso di recupero ad alcuni proprietari di bar e ristoranti, che si sono rifiutati di pagare questa tassa. Secondo il nostro interlocutore, alcuni hanno pagato il primo trimestre prima di fermarsi, non avendo la capacità di pagare importi così elevati.

“Il problema è creato dal vuoto normativo”

El Harrak ritiene che il problema attuale nel settore “non derivi dall’ex sindaco, ma piuttosto vuoto giuridico in alcune leggiin particolare la legge 47-06, relativa alla tassazione degli enti locali e la legge 30-89, relativa alla tassazione degli enti locali e dei loro gruppi”.

“Queste leggi non limitare le tasse locali E attribuire competenza agli enti locali decidere sul decreto fiscale che fissa tali imposte. Questi sono stati rivisti al rialzo dall’ex sindaco”, il che ha creato discordie nel settore.

“Invece di prendere in considerazione la situazione dei professionisti del settore, in continuo peggioramento a causa della crisi Covid, il vecchio ufficio li ha aumentati almeno il 700% tutto in una volta, il che non è normale.”

“Abbiamo già sperimentato lo stesso problema a Tangeri, dove l’ex sindaco aveva aumentato la tassa sullo sfruttamento del demanio pubblico da 50 a 1.000 dirham prima di revocare la sua decisione. Avevamo organizzato diversi sit-in davanti al Consiglio della città di Tangeri e minacciarono di sciopero. Queste tasse furono poi riviste al ribasso, da 1.000 DH a 150-170 DH/m², a seconda del rango del bar o del ristorante.

“Bisogna limitare le tasse locali”

E Noereddine El Harrak ha continuato: “Durante l’incontro tenutosi martedì con il nuovo sindaco di Rabat, le è stato consegnato un documento redatto dall’associazione che dimostra la situazione attuale del settore in tutto il Regno. Non è un documento specifico città di Rabat; offre una panoramica di tutti i mali del settore, in particolare quelli relativi alle tasse locali.

Questo documento, il cui contenuto è stato pubblicato da Médias24 in un articolo precedente, è stato inviato dall’associazione ai vari ministeri interessati la settimana scorsa, secondo la nostra fonte.

“In quest’ultimo caso, la riduzione delle tasse locali è tra le nostre proposte per migliorare l’attività nel settore dei bar e dei ristoranti. La legge è chiara su diverse tasse in diversi settori, ma quello dei bar e dei ristoranti è questo vuoto giuridico che crea ai conflitti con gli enti locali”.

La revisione di questo decreto fiscale prevista per la prossima sessione del Consiglio?

Questo settore dà lavoro a migliaia di persone. Nella sola Rabat, il numero di bar e ristoranti è stimato da El Harrak a più di 6.000. Ogni bar impiega almeno dalle cinque alle sei persone, mentre alcune strutture a Rabat impiegano fino a 120 persone.

“Lo speriamo la revisione del presente decreto è all’ordine del giorno della prossima parte ordinaria del Consiglio Comunale.

«Fino ad allora forse si potrebbero tenere altri incontri su questo tema con il nuovo sindaco della capitale», conclude il nostro interlocutore.

Hai in mente un progetto immobiliare? Yakeey e Médias24 ti aiutano a realizzarlo!

©Media24. Qualsiasi riproduzione vietata, in qualsiasi forma, senza l’autorizzazione scritta della Société des Nouveaux Médias. Questo contenuto è protetto dalla legge e in particolare dalla legge 88-13 relativa alla stampa e all’editoria, nonché dalle leggi 66.19 e 2-00 relative al diritto d’autore e ai diritti connessi.

-

PREV Il mozzicone di sigaretta fuma un intero edificio a Lorient
NEXT Legislativo: chi sono i deputati eletti al primo turno?