Occitania: i gendarmi avvertono della pericolosità di questo fiume che ha travolto diverse persone e provocato una vittima nei giorni scorsi

Occitania: i gendarmi avvertono della pericolosità di questo fiume che ha travolto diverse persone e provocato una vittima nei giorni scorsi
Occitania: i gendarmi avvertono della pericolosità di questo fiume che ha travolto diverse persone e provocato una vittima nei giorni scorsi
-

Nel Gard, le piogge delle ultime settimane hanno aumentato la portata del Gardon, la cui forte corrente ha annegato un giovane di 22 anni questo mercoledì 22 maggio.

Il tempo è stato abbastanza bello nel Gard domenica 19 maggio nel Gard, così come è stato bello questo giovedì 23 maggio, in particolare a Rochefort-du-Gard… ma questo bel tempo è sempre arrivato per diverse settimane tra due rovesci, a volte tempestoso come è avvenuto sabato 18.

Fiumi ingrossati dalla pioggia

Tanti temporali o semplici piogge persistono nel Gard e hanno l’effetto di mantenere alto il flusso dell’acqua. Come ad esempio il Gardon, la cui corrente in questo momento è forte, con straripamenti localizzati. Ma a Collias, ad esempio, i sentieri escursionistici costeggiano il Gardon, un fiume dove è possibile andare in canoa e nuotare. Questa domenica, 19 maggio, ad esempio, gli escursionisti hanno dovuto tornare indietro perché il loro sentiero era allagato.

Un giovane è annegato

Ma questo tempo ingannevolmente bello non invita evidentemente alla prudenza, anche se le acque del Gardon hanno il colore marrone di un fiume in piena e una corrente molto forte. Questo mercoledì, 22 maggio intorno alle 15, nei pressi di Collias, un giovane di 22 anni è stato travolto dalla corrente, riferiscono Midi Libre e -.fr. Per cercare il ritrovamento del giovane, che verrà effettuato intorno alle 17.30, sono intervenuti una ventina di vigili del fuoco tra sommozzatori, aiutati da un elicottero, una squadra cinofila e un drone.

In condizioni critiche, è morto annegato nell’elicottero.

Il Gardon aveva appena mietuto una nuova vittima, appena due mesi e mezzo dopo la drammatica alluvione del 9 marzo, quando sei persone, tra cui due bambini, avevano perso la vita.

La gendarmeria avverte dei pericoli del Gardon

Nei giorni scorsi, secondo la gendarmeria del Gard, questo giovane non è la prima persona ad essere stata travolta dalle acque del Gardon. Lunedì 13 maggio, ad esempio, sempre a Collias, una donna di 50 anni è stata sorpresa dalla corrente e fortunatamente ritrovata dai vigili del fuoco, “molto più” a valle.

Siamo stati informati più volte di persone sorprese dalla corrente che si sono spinte alla deriva per diverse centinaia di metri senza riuscire a raggiungere le rive.“, informa sulla sua pagina Facebook, invitando “alla massima prudenza”, soprattutto quando si nuota.

-

PREV Vesper lancia il suo nuovo brunch a Parigi 7, a due passi dalla Torre Eiffel
NEXT “Mi sento più libero che nel 2022”, dice il candidato del Nuovo Fronte Popolare per la seconda circoscrizione elettorale