quasi tutti gli indicatori sono rossi

quasi tutti gli indicatori sono rossi
quasi tutti gli indicatori sono rossi
-

“Abbiamo temperature quasi record”, conferma il ricercatore di oceanografia fisica del ministero, Peter Galbraith. In profondità le acque sono le più calde degli ultimi tre anni. Negli strati intermedi freddi, molto sottili, l’ossigeno disciolto è a valori più bassi e l’acidità è ad un livello quasi mai registrato. Nella nostra esperienza, il St. Lawrence non è mai stato così richiesto e in termini di pressione sulle risorse”.

Registrare le temperature

Nel 2022 nelle acque profonde del Golfo è stata raggiunta una media massima di 7 gradi Celsius. “Con 6 gradi Celsius nel 2015-2016 eravamo già a un livello record”, sottolinea Galbraith. Nel 2023 si è registrato un calo di un decimo rispetto al 2022, ovvero 6,9 gradi Celsius. Negli anni a venire si parla di una certa stabilità oppure di un leggero calo. Ma abbiamo ancora molta strada da fare per scendere al di sotto del primo record centenario del 2015-2016. Ci vorranno diversi anni perché ciò accada”.

Anche le acque superficiali si stanno riscaldando. Secondo l’oceanografo, una temperatura superiore di mezzo grado all’anomalia è già evidente. Ma una temperatura di 1,4 gradi Celsius, come quella osservata negli ultimi tre anni, non è certamente normale.

Il suo collega Hugues Benoit sottolinea che questa situazione non è priva di cambiamenti significativi, da cui emergono tendenze non incoraggianti. “Allo stesso tempo, con il riscaldamento, ci sono specie che se la passano molto bene”, dice il ricercatore scientifico. Penso che ci siano pescatori sulla North Shore che sono molto felici perché vedono specie che non vedevano prima, come il tonno rosso.

>>>>>>

I ricercatori di Fisheries and Oceans Canada hanno presentato un rapporto sanitario sull’estuario e sul Golfo di San Lorenzo. Nell’ordine: Diane Lavoie, Marjolaine Blais, Hugues Benoit e Peter Galbraith. (Johanne Fournier)

Accelerazione

Secondo Peter Galbraith, più ci avviciniamo alla superficie, più ci sono sbalzi di temperatura a seconda dell’anno. A lungo termine, lo specialista osserva che in inverno il riscaldamento della temperatura accelera due volte più rapidamente che in estate, ma con molte più variazioni. “Più scendiamo nella colonna d’acqua, le variazioni interannuali sono più lente e ce ne sono meno. Ma, in tutti gli strati, c’è una tendenza al riscaldamento”.

Secondo la biologa di scienze acquatiche Marjolaine Blais, l’ipossia aumenta anche perché le acque della Corrente del Golfo, che sono più povere, occupano sempre più spazio, anche se negli ultimi anni si è osservata una certa stabilizzazione. Inoltre, il livello di acidità delle acque superficiali diminuisce due volte più velocemente della media globale degli oceani, osserva la sua collega specializzata nell’acidificazione del San Lorenzo, Martine Lizotte. In acque profonde è tre volte più veloce.

Perdita o aumento della biodiversità?

Diane Lavoie sta partecipando a studi volti a sapere se gli habitat saranno favorevoli o meno alle diverse specie entro il 2080.

“Per l’aragosta l’aumento delle temperature è favorevole, ma a causa dell’acidificazione prima o poi ci saranno condizioni sfavorevoli”, avverte il ricercatore. Questo sarà compensato da migliori condizioni di temperatura? Ci sono molte domande a cui rispondere”.

— Diane Lavoie

Inoltre, un aumento della temperatura causerà una perdita di biodiversità nell’estuario e nel Golfo di San Lorenzo? “Questa è una domanda alla quale non abbiamo una risposta precisa al momento”, afferma la ricercatrice Marie-Julie Roux. Tuttavia, con la presenza di acque calde e fredde, i ricercatori stanno attualmente assistendo all’arrivo di nuovi arrivati. “Le specie di acqua fredda si trovano in un ambiente che è loro sempre più sfavorevole, mentre le specie di acqua calda si trovano in un ambiente che le favorisce. Ciò può, a lungo termine, portare ad un aumento della biodiversità”.

Del resto, le specie che entrano nel golfo erano già state osservate dagli scienziati, precisa Hugues Benoit. Sembra quindi che il nasello e il calamaro stiano tornando alla ribalta nel Golfo. D’altra parte, l’area di distribuzione del gambero settentrionale è limitata. “Dovrebbe comunque riuscire a trovare rifugio alle temperature a cui è più adatto, con livelli di ossigeno disciolto che sono anche più favorevoli per loro”, prevede tuttavia il ricercatore. Ma non prevediamo, nel breve termine, la completa scomparsa dei gamberetti nel Golfo.

Da parte sua, l’aringa risponde alle preferenze termiche riducendo le sue dimensioni, osserva Benoit. Sebbene negli ecosistemi più caldi siano stati notati forti diminuzioni di questa specie, sono molto meno pronunciate nel nord. In termini di produttività della popolazione e resa della pesca, le conseguenze osservate e previste si riducono a adulti più piccoli, meno numerosi e che probabilmente producono meno giovani, dice.

Attrezzatura

Gli scienziati di Fisheries and Oceans utilizzano boe intelligenti distribuite in una decina di stazioni nel San Lorenzo. “Si tratta di boe che forniscono dati in tempo reale”, spiega Peter Galbraith. Sono dotati di profilatore di temperatura. Possono misurare non solo ciò che accade sulla superficie, ma anche nella colonna d’acqua”.

Le boe permettono inoltre di osservare l’effetto delle tempeste post-tropicali. “Abbiamo visto boe che sono sopravvissute a onde alte dai 13 ai 15 metri, come abbiamo visto durante le tempeste Dorian E Fiona», sottolinea l’oceanografo.

Sebbene i ricercatori possano contare sulle nuove tecnologie, la valutazione dello stato del San Lorenzo non può essere effettuata senza i metodi tradizionali, ovvero la raccolta di campioni d’acqua a bordo delle navi. Inoltre, Peter Galbraith indica che lui e la sua squadra sono stati, per 29 anni, gli unici al mondo ad effettuare campionamenti su larga scala da un elicottero.

-

PREV Sedici conferenze nella Manica in occasione delle giornate della memoria della Società di Archeologia e Storia
NEXT Ginevra, Losanna, Berna…: appello per un grande sciopero delle donne in Svizzera